L'analisi dell'antropologo sul fenomeno del sexting
È una sessualità
senza interazione
MARINO NIOLA


Tra gli adolescenti il sexting non fa prigionieri. E la rete si riempie di messaggini, immagini, chat che sarebbe eufemistico definire erotici. In realtà è pornografia pura, al di là delle intenzioni di messaggianti, messaggiati e altri assatanati di sesso virtuale che popolano l’habitat 2.0.
Primo perché è il web ad avere in sé qualcosa di pornografico, riduce tutto a oggetto da consumare con lo sguardo. Esattamente come la pornografia d’antan, riduce il tutto in parti da mostrare, seziona la persona in particolari anatomici sempre più ravvicinati, spesso intimi, non di rado microscopici, qualche volta endoscopici. È l’uso solitario del corpo dell’altro, senza incontro, senza condivisione, se non quella social. Che a volte finisce per essere semplicemente una forma di abuso collettivo da parte del branco digitale di turno. Che si forma all’improvviso, quando avverte la presenza della preda, quando c’è da spartirsi qualche pixel di carne disincarnata. Ma ad essere pornografi in questo senso non sono solo gli adolescenti. È la logica della rete, che apparentemente riproduce la realtà, ma di fatto la derealizza. E se si tratta di realtà umana, la disumanizza. Ne fa un sex toy da vedere e da esibire. Che non è diverso da quel che fanno sempre più spesso anche i grandi. Nel loro caso però, a questa deriva pornografica, ci arrivano lunghi, da adulti che hanno alle spalle una storia e delle storie, e non da ragazzini. E quindi con molti anticorpi in più.
Il problema per i minorenni che vengono iniziati all’erotismo, o si auto iniziano, con il sextainment digitale è che la sessualità diventa eminentemente una questione di immagine e di immagini. Senza interazione tra i corpi e tra le persone. Una simulazione che fa andare in asincrono l’iniziazione sessuale e l’educazione sentimentale. Che è fatta di sensibilità, di dialogo, di rapporto tra volontà, di incontro fra desideri, di scoperta delle proprie e delle altrui emozioni. Di imbarazzi e di frustrazioni. Non a caso la difficoltà maggiore degli adolescenti oggi è proprio la gestione delle emozioni. Che spesso li travolgono come un fiume incontrollabile e insostenibile. Proprio perché un mondo di pura visione come quello virtuale dà l’illusione di poter controllare tutto e tutti con un semplice touch, ma prima o poi la forza delle cose presenta il conto.
Il fatto è che la crescita individuale è fatta di timori, paure, ansie, timidezze, cilecche. Successi e insuccessi. Esperienze vitali che fanno crescere. E che questo tipo di relazioni immateriali impedisce. Drogando la realtà virtuale e anestetizzando quella reale.
Ecco perché i genitori e gli educatori non devono mettere la testa sotto la sabbia. Qui la privacy e il rispetto della libertà rischiano di essere la bacinella di Pilato, dove lavarsene le mani. Perché questi ragazzini multitasking sono dei draghi sul piano tecnologico. Ma fragili su quello psicologico. E non possono essere abbandonati a se stessi e ai loro tutorial. Altrimenti quella che oggi appare come libertà sessuale, si trasformerà in analfabetismo sentimentale. E la passione in frustrazione.
21.01.2018


IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

La bestiale estate
del sovranismo
L'INCHIESTA

"La Svizzera annetta
Campione d'Italia"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Nell'era degli ebook
i libri vanno a ruba
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
L'"altalena" della lira
nella crisi della Turchia
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Orchi e melodrammi
non scaldano Cennes
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La dieta dei cittadini
interessa i governanti
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
16.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, luglio 2018
10.08.2018
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da venerdì 10 agosto 2018 alle ore 11.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
03.08.2018
Pubblicato il nuovo sito tematico dell'Ufficio di Consulenza tecnica e dei lavori sussidiati [www.ti.ch/consulenza-tecnica]
18.07.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2018
18.07.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, giugno 2018
09.07.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 9 luglio 2018 alle ore 13.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
28.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2017
22.06.2018
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– [www.ti.ch/commesse]
22.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Genova:
le esequie
e le polemiche

Austria:
la ministra
si sposa
e invita Putin