Lo psicologo sull'esigenza di quanti sono nati in provetta
"Tutti vogliamo sapere
chi ci ha generati"
PATRIZIA GUENZI


È più che comprensibile per un figlio nato da un donatore di sperma voler sapere chi è il padre biologico che l’ha generato, conoscere l’altro genitore. Un’esigenza che permette di avviare il processo di individualizzazione". È la premessa di Ivan Battista, psicologo e psicoterapeuta, autore di numerosi libri, l’ultimo "Assalto all’amore, contro il più antico e nobile dei sentimenti". Sapere da dove veniamo, chi ci ha generati, insomma, è un reale bisogno. Anche se, avverte Battista "il rischio è che il figlio prenda coscienza che nel donatore non v’era alcuna specifica volontà di far nascere proprio lui. In sostanza, di non essere stato generato da un atto d’amore. E questo può provocare un’enorme ferita".
Una ferita che difficilmente si rimarginerà. Crescere senza conoscere le proprie origini paterne è un pezzo che manca. "È come se ci fosse un vuoto - spiega l’esperto -. Un vuoto purtroppo incolmabile e che fa star male. Un difetto fondamentale che potrebbe anche ripercuotersi psicologicamente e condizionare la crescita di una persona". Sapere la propria origine, è evidente, dà fondamento, sicurezza, anche se può essere fonte di dolore. Non sapere nulla, invece, destabilizza. Da qui l’esigenza di voler cercare a tutti i costi chi ci ha messi al mondo.
Un’esigenza molto forte in Arthur Kermalvezen (vedi articolo principale), che ha smosso mari e monti e alla fine c’è riuscito. "La potremmo definire la rivolta di un figlio della provetta, una forza quasi compulsiva per risalire al proprio padre - riprende Battista -. Ma ripeto. Chi dona il proprio sperma non è spinto da un gesto di affetto per il potenziale nascituro. Il suo è un gesto asettico, privo di emozione, che una volta compiuto termina lì. Non va oltre".
Comunque sia, sono numerosi i figli di donatori di seme che non si arrendono, che continuano a cercano nella rete la risposta al vuoto delle loro origini genetiche, ma anche eventuali fratelli a metà disseminati per il mondo. "È come se si sentissero la metà di una mela e provino a battere ogni strada pur di ritrovare l’altra parte", sottolinea Ivan Battista.
C’è poi la madre. Il suo sì che è stato un gesto d’amore. "Certo, in qualche modo può essere una consolazione - conclude lo psicologo -. Una mamma che ha voluto così tanto questo figlio da ricorrere ad un donatore di seme. Ma resta comunque e sempre una consolazione a metà".

p.g.
28.01.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

"Su Argo 1 il governo
ha delle responsabilità"
L'INCHIESTA

Interessi immobiiari
dietro i milioni in pista
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

La giovane Greta
contro le energie fossili
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La Brexit un divorzio
che non avrà vincitori
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Dalla Russia a Roma
le avventure degli 007
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Otto appuntamenti
nel mondo che muta
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
18.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2018
15.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole professionali secondarie e superiori per il periodo 2019-2023.
09.01.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 21 gennaio prossimo
31.12.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 31 dicembre 2018 alle ore 09.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
21.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, dicembre 2018
20.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, novembre 2018
18.12.2018
Licenziato il messaggio relativo all’approvazione del Piano cantonale delle aggregazioni
12.12.2018
Ampliato il ventaglio dei colori per le mappe della qualità dell'aria [www.ti.ch/oasi]
09.12.2018
Nuovo orario 2019 per i mezzi di trasporto pubblico in Ticino [www.ti.ch/trasporti]
07.12.2018
Concorsi scolastici 2019/2020 - è aperto il concorso per la nomina e l'incarico di docenti e operatori

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Ungheria
di nuovo
in piazza
contro Orban

Messico:
65 morti
durante furto
di combustibile