Il dibattito dopo le pllemiche a Bellinzona e a Mendrisio
Immagini articolo
Così sono cambiati
i metodi educativi
PATRIZIA GUENZI


D  ietro la lavagna oggi non ci finisce più nessuno. Gli allievi indisciplinati, incapaci o maleducati non vengono più puniti. Altri metodi educativi hanno sostituito pure il cerotto sulla bocca, il cappello con le orecchie d’asino, i colpi di righello sulle dita e le bacchettate sulla testa con la canna per indicare sulla carta geografica. Misure umilianti e corporali che sino a cinquant’anni fa nelle aule erano la regola. Nessuno si chiedeva se fossero giuste o sbagliate. Né la scuola, né gli alunni né tantomeno le famiglie. Guai tornare a casa e raccontare che il maestro si era arrabbiato. La pena veniva raddoppiata. Oggi invece... Beh, oggi (fortunatamente) non è più così, anche se la figura dell’insegnante è costantemente presa di mira. Basti ricordare i due recentisimi episodi: il docente del liceo di Bellinzona dalla battuta pronta e (forse) il linguaggio troppo libertino e la maestra delle elementari di Mendrisio che avrebbe legato alla sedia una bimba per spiegarle la postura, finiti sotto inchiesta amministrativa.
Che il compito di un docente oggi sia molto più difficile di un tempo nessuno lo nega. Non sempre bastano passione ed empatia, anche se contano molto, come afferma il pedagogista Davide Antognazza (vedi a lato). E non è tanto la fatica dell’insegnamento in sé a sfiancare, quanto la gestione del gruppo. "Soprattutto perché il contesto generale ha abbattuto il rispetto nei confronti di chi svolge attività educative", osserva Diego Erba, ex direttore della Divisione della scuola. Una mancanza di rispetto verso un corpo insegnante vieppiù sotto pressione. "I quadri scolastici e la politica dovrebbero riflettere sul modo di funzionare attuale - aggiunge Ariano Belli, 32 anni, direttore delle scuole comunali della valle di Blenio - e trovare strategie e strumenti affinché il docente sia nelle condizioni di avere la giusta autorevolezza. Nei confronti degli allievi ma anche delle famiglie". Detto altrimenti, l’insegnante deve sentirsi tutelato, sapere che se non ce la fa a gestire potenziali situazioni a rischio avrà comunque il supporto della direzione.
Insomma, è lecito pensare che se un maestro con esperienza arriva a legare alla sedia un’alunna (tutto da provare, s’intende), ci sarà forse anche un motivo. "Prima di aprire un’inchiesta amministrativa - nota Erba -, direzione e istituzione dovrebbero parlare con l’insegnante in questione, chiarire la reale dinamica dei fatti. Ne va della professionalità del docente". Detto ciò, per Erba è evidente che compito del docente è rafforzare il proprio autocontrollo, non cedere alle provocazioni. "Altrimenti - aggiunge -, si entra in una logica perversa, con atteggiamenti esasperati da ambo le parti".
Atteggiamenti che minano lo scopo principale della scuola, quello di far crescere individui responsabili e autonomi. Per cui troppo rigore e severità creano un muro di incomunicabilità. L’ideale, dunque, sarebbe che il docente avesse reazioni adeguate alle necessità dei bambini. "Ecco perché il sostegno della direzione e la comprensione dei genitori è fondamentale per noi - osserva Danilo Fontana, 53 anni, delle elementari di Taverne -. C’è una sorta di caccia alle streghe nei nostri confronti, oltre a molta arroganza attorno alla scuola, da parte delle famiglie e dei bambini".
Famiglie che spesso dettano legge, genitori agguerriti che vedono in un brutto voto o in un richiamo un’eccessiva colpevolizzazione del figlio. "Esasperazione e senso di impotenza non aiutano ad affrontare l’impegno quotidiano", conclude Belli.

pguenzi@caffe.ch
28.01.2018


Articoli Correlati
IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Troppa canapa light
e il mercato è saturo
L'INCHIESTA

Se lavori oltre i 65
rendite più ricche
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Dagli esodati
ai pensionati d'oro
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Una tregua "olimpica"
riunisce le due Coree
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La folle corsa nucleare
non è solo propaganda
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La tendenza a esagere
...ereditata dai greci
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
15.02.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, gennaio 2018
12.02.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre 2017
12.02.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È in linea il nuovo dossier concernente la protezione dell'ambiente in Ticino
08.02.2018
La Segreteria del Gran Consiglio ha pubblicato la lista delle presenze dei Deputati alle sedute della legislatura in corso
07.02.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 19 febbraio prossimo
01.02.2018
Aggiornato il formulario della domanda di costruzione (versione 01.2018) [www.ti.ch/edilizia]
31.01.2018
Lingue e stage all'estero - 20 anni di scambi linguistici. Partecipa al concorso.
22.01.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2017
11.01.2018
Prova delle Sirene 2018
10.01.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 22 gennaio 2018.

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Kosovo:
si festeggiano
i 10 anni
d'indipendenza

Messico:
la terra trema
e le paure
riaffiorano