L'analisi sull'esodo da Est del sociologo Sandro Cattacin
"Sembra che il mondo
ritorni al passato"
CLEMENTE MAZZETTA


L’emigrazione non spiega tutto: alla base dei fenomeni politici che stanno caratterizzando il ritorno del nazionalismo nei Paesi dell’Est ci sono anche altri fattori". Per il sociologo Sandro Cattacin, docente all’Università di Ginevra, per capire cosa succede ad Est dell’Unione europea occorre prendere in esame la globalizzazione, la vertiginosa crescita economica, quasi la voglia di un ritorno al passato.
Stiamo registrando uno spopolamento dai Paesi dell’Est?
"Penso che l’emigrazione da questi Paesi rientri nella normalità. Dall’Est i lavoratori sono emigrati dove c’era bisogno di manodopera".
Con che effetti nei Paesi d’origine?
"I Paesi dell’Est hanno approfittato enormemente di questa emigrazione. Perché i successivi ritorni in Patria, la disponibilità di capitali, la costruzione di nuove abitazioni hanno fatto ripartire l’economia. Senza dimenticare le grandi imprese europee dell’Ovest che hanno investito moltissimo a Est".
Inizia dunque un’altra fase?
"Abbiamo un effetto di ritorno che a medio termine riequilibrerà l’emigrazione. Stiamo assistendo al fenomeno che s’è già vissuto in Italia, Spagna, Portogallo, che si sono trasformati in Paesi d’immigrazione".
L’emigrazione spiega la crescita dei movimenti nazionalistici?
"Bisogna cercare piuttosto nella storia di questi Paesi, nel nazionalismo negato per molti anni. C’è quasi un ritorno al passato, all’Ottocento. È un fenomeno che si nota un po’ ovunque, ma con maggior evidenza in questi Paesi. I fenomeni della nuova destra in Europa, trovano origine più nella situazione dell’insicurezza generale, nell’economia sempre più interdipendente, che nell’emigrazione. Quasi una reazione di protezionismo e di corporativismo contro la globalizzazione".
Quali sono le conseguenze?
"Il fatto che questi nazionalismi si stiano mostrando molto chiusi verso l’immigrazione, che la destra nazionalista conduca una lotta feroce per opporsi all’accoglienza anche solo di 200 rifugiati rischia di creare problemi all’equilibrio demografico, perché l’emigrazione di ritorno non sarà comunque sufficiente a ripopolare questi Paesi".
04.02.2018


Articoli Correlati
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

"Su Argo 1 il governo
ha delle responsabilità"
L'INCHIESTA

Interessi immobiiari
dietro i milioni in pista
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

La giovane Greta
contro le energie fossili
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La Brexit un divorzio
che non avrà vincitori
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Dalla Russia a Roma
le avventure degli 007
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Otto appuntamenti
nel mondo che muta
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
18.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2018
15.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole professionali secondarie e superiori per il periodo 2019-2023.
09.01.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 21 gennaio prossimo
31.12.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 31 dicembre 2018 alle ore 09.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
21.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, dicembre 2018
20.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, novembre 2018
18.12.2018
Licenziato il messaggio relativo all’approvazione del Piano cantonale delle aggregazioni
12.12.2018
Ampliato il ventaglio dei colori per le mappe della qualità dell'aria [www.ti.ch/oasi]
09.12.2018
Nuovo orario 2019 per i mezzi di trasporto pubblico in Ticino [www.ti.ch/trasporti]
07.12.2018
Concorsi scolastici 2019/2020 - è aperto il concorso per la nomina e l'incarico di docenti e operatori

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Ungheria
di nuovo
in piazza
contro Orban

Messico:
65 morti
durante furto
di combustibile