L'analisi sull'esodo da Est del sociologo Sandro Cattacin
"Sembra che il mondo
ritorni al passato"
CLEMENTE MAZZETTA


L’emigrazione non spiega tutto: alla base dei fenomeni politici che stanno caratterizzando il ritorno del nazionalismo nei Paesi dell’Est ci sono anche altri fattori". Per il sociologo Sandro Cattacin, docente all’Università di Ginevra, per capire cosa succede ad Est dell’Unione europea occorre prendere in esame la globalizzazione, la vertiginosa crescita economica, quasi la voglia di un ritorno al passato.
Stiamo registrando uno spopolamento dai Paesi dell’Est?
"Penso che l’emigrazione da questi Paesi rientri nella normalità. Dall’Est i lavoratori sono emigrati dove c’era bisogno di manodopera".
Con che effetti nei Paesi d’origine?
"I Paesi dell’Est hanno approfittato enormemente di questa emigrazione. Perché i successivi ritorni in Patria, la disponibilità di capitali, la costruzione di nuove abitazioni hanno fatto ripartire l’economia. Senza dimenticare le grandi imprese europee dell’Ovest che hanno investito moltissimo a Est".
Inizia dunque un’altra fase?
"Abbiamo un effetto di ritorno che a medio termine riequilibrerà l’emigrazione. Stiamo assistendo al fenomeno che s’è già vissuto in Italia, Spagna, Portogallo, che si sono trasformati in Paesi d’immigrazione".
L’emigrazione spiega la crescita dei movimenti nazionalistici?
"Bisogna cercare piuttosto nella storia di questi Paesi, nel nazionalismo negato per molti anni. C’è quasi un ritorno al passato, all’Ottocento. È un fenomeno che si nota un po’ ovunque, ma con maggior evidenza in questi Paesi. I fenomeni della nuova destra in Europa, trovano origine più nella situazione dell’insicurezza generale, nell’economia sempre più interdipendente, che nell’emigrazione. Quasi una reazione di protezionismo e di corporativismo contro la globalizzazione".
Quali sono le conseguenze?
"Il fatto che questi nazionalismi si stiano mostrando molto chiusi verso l’immigrazione, che la destra nazionalista conduca una lotta feroce per opporsi all’accoglienza anche solo di 200 rifugiati rischia di creare problemi all’equilibrio demografico, perché l’emigrazione di ritorno non sarà comunque sufficiente a ripopolare questi Paesi".
04.02.2018


Articoli Correlati
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

L'ascensore sociale
si è ormai inceppato
L'INCHIESTA

"Il via vai di procuratori
rallenta le inchieste"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

I talenti non hanno
orientamenti sessuali
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La crescita dipende
dai rapporti con Trump
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Le famiglie in fuga
dalle paure di Kabul
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Tecniche viet-cong
nei tunnel del Califfato
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Cibo e ambiente
allungano la vita
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2019
13.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, febbraio 2019
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della statistica delle transazioni immobiliari, quarto trimestre e anno 2018
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, gennaio 2019
07.03.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da giovedì 7 marzo 2019 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
27.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta dell'11 marzo 2019.
27.02.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2019
27.02.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Brexit:
Farage lancia
la marcia
pro-Leave

Tirana:
violente proteste
davanti
al Parlamento