In sette milioni, per lo più giovani, sono migrati ad ovest
Immagini articolo
L'inarrestabile esodo
dall'Europa dell'Est
CLEMENTE MAZZETTA


Duemiladiciassette, fuga dai Paesi dell’Est. Il crollo del muro di Berlino nel 1989 ha dato libertà di movimento alla popolazione degli Stati "cuscinetto", fra l’Europa e la Russia. Spezzata la "cortina di ferro", milioni di persone, anno dopo anno, se ne sono andate in cerca del benessere occidentale. E dalla ex Jugoslavia, molti hanno scelto la Svizzera.
Così la popolazione di quest’Europa di mezzo, un grande territorio che parte dal Nord, dall’Estonia, Lettonia, Lituania, che passa dalla Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia e scende a sud verso l’Ungheria, la Romania e la Bulgaria, comprendendo i Paesi dell’ex repubblica di Jugoslavia, per oltre 100 milioni di abitanti, si è via via assottigliata. Dal 1989 la Bulgaria ha perso il 20% della popolazione, l’Ungheria il 10%, l’Estonia più del 15%, la Lituania il 24%, la Lettonia il 30%. E così mentre un’Europa si prosciuga, un’altra si ingrossa. Si calcola che siano partiti dai Paesi dell’Est almeno 7 milioni di lavoratori. Soprattutto giovani. Un’emigrazione incentivata dall’entrata nell’Unione europea avvenuta a tappe fra il 2004 e il 2013.
Fatto che ha causato un terremoto politico, sia da una parte che dall’altra. A ovest, in Francia, Italia, Germania, negli anni scorsi si diffuse la paura dell’"idraulico polacco", il timore di un’invasione di lavoratori disposti ad accettare salari più bassi. Paura che per molti è stata alla base del successo dei populisti in Europa e che potrebbe spiegare anche la Brexit. E che nei Paesi dell’ex "cortina di ferro" sarebbe uno dei motivi alla base delle vittorie elettorali dei nazionalisti, dei populisti in Ungheria, Polonia. Ma anche  nella Repubblica Ceca con il miliardario Andrej Babis, fondatore del movimento politico euroscettico di centro-destra, e pure in Slovacchia dove è al potere Robert Fico populista anti-immigrazione. Una spiegazione che non convince del tutto il sociologo Sandro Cattacin dell’Università di Ginevra (vedi intervista a fianco). Che suggerisce piuttosto come chiave di lettura una voglia di ritorno al passato, una reazione alla globalizzazione, all’insicurezza. Un "fermate il mondo che voglio scendere". Come se si stesse andando troppo velocemente. In effetti i Paesi dell’Europa centro-orientale, dalla Polonia alla Repubblica Ceca, dalla Romania all’Ungheria, sono attualmente quelli a più rapida crescita a livello mondiale.
Ma dove sono andati questi emigranti dei Paesi dell’Est? Una minima parte è espatriata oltreoceano, verso gli Stati Uniti. Ma la maggioranza ha cercato fortuna negli altri paesi dell’Unione europea. In Germania in prevalenza, ma anche Italia, Austria, Spagna. Nell’Europa che s’ingrossa, l’immigrazione ha toccato anche la Svizzera, dove, negli ultimi 27 anni sono arrivati di 3 milioni e 400mila immigrati con un saldo positivo (dopo le partenze) di circa 1,4 milioni. Ma più che da nord-est in Svizzera si è registrata negli ultimi trent’anni una forte immigrazione dal sud-est, dai Paesi balcani.
Nel complesso degli stranieri, che hanno ormai superato i due milioni, il 16% (322mila persone, quasi un altro Ticino) proviene dai Paesi dell’ex Jugoslavia, Kosovo, Serbia, Macedonia, Bosnia, Croazia, Slovenia. Stando agli ultimi dati la maggioranza degli stranieri in Svizzera (53%) ha ovviamente origini italiane, tedesche, portoghesi, spagnole. Una migrazione che si sta contraendo, per quell’effetto di "ritorno a casa" di cui parla appunto il sociologo Cattacin.
Il saldo migratorio dei cittadini di Stati dell’Ue/Aels è diminuito di oltre un quarto, mentre quello di cittadini provenienti  dal resto del mondo è rimasto ai livelli del 2016. Si contano anche una minima percentuale di arrivi da Est: gli immigrati dalla Polonia, Ungheria, repubblica Ceca, Slovacchia, Romania, Bulgaria e dai Paesi baltici s’aggirano attorno al 4,15%.

c.m.
04.02.2018


Articoli Correlati
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

L'ascensore sociale
si è ormai inceppato
L'INCHIESTA

"Il via vai di procuratori
rallenta le inchieste"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

I talenti non hanno
orientamenti sessuali
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La crescita dipende
dai rapporti con Trump
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Le famiglie in fuga
dalle paure di Kabul
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Tecniche viet-cong
nei tunnel del Califfato
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Cibo e ambiente
allungano la vita
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2019
13.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, febbraio 2019
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della statistica delle transazioni immobiliari, quarto trimestre e anno 2018
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, gennaio 2019
07.03.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da giovedì 7 marzo 2019 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
27.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta dell'11 marzo 2019.
27.02.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2019
27.02.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Brexit:
Farage lancia
la marcia
pro-Leave

Tirana:
violente proteste
davanti
al Parlamento