In sette milioni, per lo più giovani, sono migrati ad ovest
Immagini articolo
L'inarrestabile esodo
dall'Europa dell'Est
CLEMENTE MAZZETTA


Duemiladiciassette, fuga dai Paesi dell’Est. Il crollo del muro di Berlino nel 1989 ha dato libertà di movimento alla popolazione degli Stati "cuscinetto", fra l’Europa e la Russia. Spezzata la "cortina di ferro", milioni di persone, anno dopo anno, se ne sono andate in cerca del benessere occidentale. E dalla ex Jugoslavia, molti hanno scelto la Svizzera.
Così la popolazione di quest’Europa di mezzo, un grande territorio che parte dal Nord, dall’Estonia, Lettonia, Lituania, che passa dalla Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia e scende a sud verso l’Ungheria, la Romania e la Bulgaria, comprendendo i Paesi dell’ex repubblica di Jugoslavia, per oltre 100 milioni di abitanti, si è via via assottigliata. Dal 1989 la Bulgaria ha perso il 20% della popolazione, l’Ungheria il 10%, l’Estonia più del 15%, la Lituania il 24%, la Lettonia il 30%. E così mentre un’Europa si prosciuga, un’altra si ingrossa. Si calcola che siano partiti dai Paesi dell’Est almeno 7 milioni di lavoratori. Soprattutto giovani. Un’emigrazione incentivata dall’entrata nell’Unione europea avvenuta a tappe fra il 2004 e il 2013.
Fatto che ha causato un terremoto politico, sia da una parte che dall’altra. A ovest, in Francia, Italia, Germania, negli anni scorsi si diffuse la paura dell’"idraulico polacco", il timore di un’invasione di lavoratori disposti ad accettare salari più bassi. Paura che per molti è stata alla base del successo dei populisti in Europa e che potrebbe spiegare anche la Brexit. E che nei Paesi dell’ex "cortina di ferro" sarebbe uno dei motivi alla base delle vittorie elettorali dei nazionalisti, dei populisti in Ungheria, Polonia. Ma anche  nella Repubblica Ceca con il miliardario Andrej Babis, fondatore del movimento politico euroscettico di centro-destra, e pure in Slovacchia dove è al potere Robert Fico populista anti-immigrazione. Una spiegazione che non convince del tutto il sociologo Sandro Cattacin dell’Università di Ginevra (vedi intervista a fianco). Che suggerisce piuttosto come chiave di lettura una voglia di ritorno al passato, una reazione alla globalizzazione, all’insicurezza. Un "fermate il mondo che voglio scendere". Come se si stesse andando troppo velocemente. In effetti i Paesi dell’Europa centro-orientale, dalla Polonia alla Repubblica Ceca, dalla Romania all’Ungheria, sono attualmente quelli a più rapida crescita a livello mondiale.
Ma dove sono andati questi emigranti dei Paesi dell’Est? Una minima parte è espatriata oltreoceano, verso gli Stati Uniti. Ma la maggioranza ha cercato fortuna negli altri paesi dell’Unione europea. In Germania in prevalenza, ma anche Italia, Austria, Spagna. Nell’Europa che s’ingrossa, l’immigrazione ha toccato anche la Svizzera, dove, negli ultimi 27 anni sono arrivati di 3 milioni e 400mila immigrati con un saldo positivo (dopo le partenze) di circa 1,4 milioni. Ma più che da nord-est in Svizzera si è registrata negli ultimi trent’anni una forte immigrazione dal sud-est, dai Paesi balcani.
Nel complesso degli stranieri, che hanno ormai superato i due milioni, il 16% (322mila persone, quasi un altro Ticino) proviene dai Paesi dell’ex Jugoslavia, Kosovo, Serbia, Macedonia, Bosnia, Croazia, Slovenia. Stando agli ultimi dati la maggioranza degli stranieri in Svizzera (53%) ha ovviamente origini italiane, tedesche, portoghesi, spagnole. Una migrazione che si sta contraendo, per quell’effetto di "ritorno a casa" di cui parla appunto il sociologo Cattacin.
Il saldo migratorio dei cittadini di Stati dell’Ue/Aels è diminuito di oltre un quarto, mentre quello di cittadini provenienti  dal resto del mondo è rimasto ai livelli del 2016. Si contano anche una minima percentuale di arrivi da Est: gli immigrati dalla Polonia, Ungheria, repubblica Ceca, Slovacchia, Romania, Bulgaria e dai Paesi baltici s’aggirano attorno al 4,15%.

c.m.
04.02.2018


Articoli Correlati
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

L'esame delle urine
non entra in classe
L'INCHIESTA

Via la plastica
da negozi e market
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Il radar milionario
ha sbancato il Baffo
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Una crisi energetica
dalla guerra del petrolio
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
L'Ok Corral innesca
la faida dei marsigliesi
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
È urgente arrivare
ad un'economia "pulita"
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
16.10.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) in vigore in Ticino e Moesano dal 26 settembre 2018, viene da oggi esteso anche alla Val Poschiavo
11.10.2018
Pubblicati i dati di funzionamento degli impianti di depurazione in Ticino [www.ti.ch/oasi]
04.10.2018
Avvio della consultazione del Progetto di risanamento fonico delle strade cantonali e comunali del Luganese [www.ti.ch/rumore]
03.10.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 15 ottobre prossimo
26.09.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da mercoledì 26 settembre 2018 alle ore 10.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
19.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2018
14.09.2018
Proscioglimento dagli obblighi militari 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2018
06.09.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È il linea il nuovo dossier sul tema “La scuola che verrà”

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Afghanistan:
attentato
a raduno
elettorale

Manifestazioni
a Parigi, in Europa,
nel mondo
per salvare il pianeta