Anche i grandi chef si battono contro gli sprechi del cibo
Immagini articolo
L'etica entra in cucina
e ora ricicla gli avanzi
CLEMENTE MAZZETTA


C’è chi muore di fame e chi d’obesità. È ora che il "mondo" impari a mangiare come si deve, visto che entro il 2050 dovrà nutrire 10 miliardi di persone e risolvere (si spera) la contraddizione che vede un terzo della popolazione in sovrappeso e l’11% sottonutrita. Paradossalmente sono spesso i cuochi a porre con chiarezza il tema dell’equilibrio nutrizionale, di una cucina (più) etica. Del cibo a chilometro zero e della lotta allo spreco. Perché cucinare in modo sostenibile è possibile. Ed è anche conveniente.
Nei migliori ristoranti del Ticino non si butta via nulla. Una scelta etica, ma anche economica, spiega Lorenzo Albrici, chef della Locanda Orico a Bellinzona: "Mi infastidisce veder sprecare il cibo, soprattutto il pane - dice -. Penso a chi non ne ha, a chi farebbe salti di gioia per avere quello che abbiamo noi. È ovviamente anche una valutazione finanziaria. Nel mio ristorante utilizziamo tutto. Con i resti di verdura, di carne prepariamo i ‘fondi’, i brodi che sono più freschi e gustosi rispetto a quelli già pronti". Albrici limita pure gli scarti al minimo indispensabile ed è un convinto sostenitore di quel che produce il territorio. "Lavoriamo molto con i prodotti nostrani. Cerchiamo di valorizzare la produzione locale che è di eccellente qualità, dal vino alle marmellate ai formaggi", aggiunge Albrici, consapevole che la cucina "a basso impatto ambientale" garantisce la qualità e offre quasi sempre la possibilità di mangiare sano e gustoso.
La sostenibilità, la biodiversità, la freschezza, la genuinità sono i nuovi valori che si declinano ai fornelli e che fanno la differenza anche per Egon Baiardi, chef del ristorante Centenario di Muralto. "Utilizziamo prodotti di qualità, meglio se sono a km zero, se fanno parte della produzione locale. Molti lo sono e qualificano la nostra cucina. Nella preparazione stiamo comunque sempre attenti a non produrre scarti e nel limite del possibile ad utilizzarli per altri piatti. Per non buttar via soldi e pure per una questione etica", dice Baiardi citando l’esperienza del cuoco italiano Massimo Bottura che con gli avanzi prepara piatti per i poveri e i senzatetto di Milano. D’altro canto, come spiega l’antropologa Elisabetta Moro (vedi a lato) la filantropia solidale viene dall’alta gastronomia.
La cucina "sostenibile" presenta numerose ricette e per preparare patti di qualità, "basta utilizzare in modo creativo gli  alimenti - aggiunge Andrea Muggiano, chef alla Fattoria Moncucchetto di Lugano -. Il rispetto per il cibo ce lo hanno insegnato le nostre nonne. Personalmente ne faccio una questione di principio, oltre che di economicità. E allora, quando si sfogliano i carciofi invece di gettare le foglie le riutilizzo per preparare delle creme. Perché la cucina è sempre eco-sostenibile, basta lavorare con intelligenza".  
Le ricette nate dal riuso e dal riciclo di un tempo meno opulento di quello odierno, insegnano infatti anche il valore del risparmio e il rispetto per il cibo, sostiene Andrea Levratto, chef al Porto Poiana Terminus di Riva san Vitale:  "Personalmente faccio molta attenzione a non sprecare, a non buttare via nulla dei prodotti che uso in cucina. Sfrutto al massimo qualsiasi parte del prodotto, evito gli sprechi. Con i tempi che corrono è il minimo che si deve  fare. Non è solo una mia convinzione, quella del riutilizzo, della lotta allo spreco, ma una tendenza generale, fatta propria anche dai grandi cuochi".
Del resto "La scienza in cucina e l’arte di mangiar bene" dovrebbe portare i cuochi a distinguersi per la capacità di "tirar fuori" grandi piatti da ogni prodotto. Anche dal più umile e da quello "riciclato".

cmazzetta@caffe.ch
04.02.2018


Articoli Correlati
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Quando lo Stato
diventa mamma
L'INCHIESTA

Calano i morosi
delle Casse malati
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

L'anziano digitale
stimola la produttività
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il protezionismo,
retorica della paura
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Orchi e melodrammi
non scaldano Cennes
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
L'amore d'antan
nel "Regality show"
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
25.05.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile e primo trimestre 2018
23.05.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, aprile 2018
16.05.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 28 maggio 2018.
15.05.2018
Pubblicato un nuovo rapporto sullo sviluppo territoriale: "Nuove geografie della logistica nel Cantone Ticino" [www.ti.ch/ostti]
27.04.2018
Avvio della consultazione del Progetto di risanamento fonico delle strade cantonali e comunali del Bellinzonese e Locarnese-Vallemaggia
27.04.2018
Avvio della consultazione del Progetto di risanamento fonico delle strade cantonali e comunali della Riviera e Valli
25.04.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 7 maggio prossimo
18.04.2018
Pubblicato il nuovo sito tematico "Mobilità ciclabile" della Sezione della mobilità [www.ti.ch/bici]
17.04.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, marzo 2018
10.04.2018
Pubblicato il rendiconto 2017 del Consiglio della magistratura

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Londra:
il grande giorno
è finalmente
arrivato

L'arduo tentativo
della formazione
del governo
iracheno