Più casi di tumore della pelle nella Confederazione
Immagini articolo
Il melanoma in Svizzera
marcia più velocemente
CRISTINA GAVIRAGHI


Oltre 25 nuovi casi all’anno ogni 100mila abitanti, questa la diffusione del melanoma in Svizzera. Un numero tra i più alti d’Europa, insieme a quelli di Olanda e Paesi Scandinavi, che colloca il più temibile tumore della pelle al quarto posto tra i carcinomi più frequenti nella Confederazione.
Si tratta di un cancro che si origina dai melanociti, le cellule contenenti melanina presenti negli strati più superficiali della cute. Non è il tumore della pelle più diffuso, ma è il più pericoloso perché aggressivo e capace di metastatizzare. Tra le neoplasie solide è quello con il più alto tasso di incremento al mondo. L’Oms ha stimato un aumento della sua incidenza superiore al 200 per cento negli ultimi 30 anni, complici l’invecchiamento della popolazione e l’abuso dell’abbronzatura artificiale e dell’esposizione non protetta al sole.
Anche in Svizzera il trend è quello di una continua e rapida crescita, ma qui si registra anche una mortalità tra le più basse d’Europa, segno di una corretta prevenzione e di buone cure. I tipi di melanoma con il più alto incremento sono quelli a uno stadio poco avanzato; questo indica una buona adesione agli screening e un’efficace diagnosi precoce grazie alla quale una patologia così pericolosa può raggiungere tassi di sopravvivenza di oltre il 90 per cento.
Diagnosi precoce e prevenzione sono le chiavi per contrastare il melanoma come sa bene la Società svizzera di dermatologia e venereologia attiva in molte campagne di sensibilizzazione sulla questione. Dalle informazioni sui fattori di rischio per la patologia come un’eccessiva esposizione ai raggi Uv, avere pelle, capelli e occhi chiari, la presenza di molti nei e familiarità per tumori dermatologici, a notizie sui centri dove effettuare gli screening. Questi si avvalgono di tecniche come l’epiluminescenza, uno speciale metodo di ingrandimento e illuminazione della pelle e di biopsie del tessuto, per confermare la presenza di lesioni neoplastiche. Importante sempre anche l’autoesame dei nei, per individuare un sospetto cambiamento nella loro forma, dimensione e colore.
Se al melanoma, però, si può sopravvivere è anche merito dei progressi che la medicina ha compiuto nell’ambito delle terapie. Quella chirurgica resta l’intervento principale, spesso affiancata dalla radioterapia, specie se si tratta di un melanoma superficiale e circoscritto, ma sempre più si aggiungono trattamenti innovativi che portano a risultati solo qualche tempo fa insperabili.
I farmaci immunoterapici stimolano il sistema immunitario a reagire contro il tumore ed esistono anche terapie mirate che colpiscono precisi bersagli molecolari del melanoma, come proteine coinvolte nella regolazione della crescita cellulare derivanti da geni che nel cancro sono in forma mutata, come ad esempio il gene Braf. Terapie che si affiancano a quelle più tradizionali e utili soprattutto nei tumori in fase avanzata. E tante altre sono le cure in fase di sperimentazione, per fare in modo che, nonostante la continua crescita, il melanoma faccia sempre meno paura.
04.02.2018


LO STUDIO

Il settimanale "il Caffè",
giornale di qualità
IL DOSSIER


Il Cardiocentro
I servizi del Caffè
e i documenti ufficiali
IL GIALLO


L'infermiere
accusato di uccidere
i pazienti anziani
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Quel Modi indiano
piace a Usa e Cina
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I migranti in Libia
come arma di ricatto
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La fuga dei miliardari
imbarazza gli Emirati
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Le serie streaming
escluse da Cannes
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Onda verde e giovane
delle nuove generazioni
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"
GRANDANGOLO

Il mondo dell'infermiere
affascinato dalla morte
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
L'INCHIESTA

'Il caldo e le gelate
devastano i nostri campi'
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

La scivolata di Fognini
tennista quaquaraquà
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
15.07.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, giugno 2019
12.07.2019
Consultabili online le temperature dei fiumi misurate in continuo presso le stazioni idrologiche cantonali e federali [www.ti.ch/oasi]
28.06.2019
Servizio militare: giornate informative 2019
27.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2018
26.06.2019
L'ufficio dei beni culturali segnala la pubblicazione di un nuovo sito tematico dedicato al Monetario cantonale [www.ti.ch/monetario]
25.06.2019
Aggiornato il catasto del potenziale solare degli edifici con i dati di tettosolare.ch consultabili nel portale dell'Osservatorio ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
19.06.2019
Nuova veste grafica, contenuti e funzionalità per il sito della Divisione della formazione professionale
17.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, maggio 2019
13.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, giugno 2019
12.06.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 24 giugno 2019.

I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Le gare
dei bufali
in Thailandia

Silk Way
Rally 2019,
dalla Cina
con furore

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00