Paolo Pamini e la bandiera europea
Se non siamo nell'Ue
allora niente simbolo
PAOLO PAMINI


Stiamo parlando di una bandiera che ha una doppia funzione. E mi spiego: da una parte è il vessillo del Consiglio d’Europa, che è un’istituzione pacifica il cui scopo è difendere la democrazia, i diritti umani e lo Stato di diritto sul contintente. Un’istituzione quindi positiva, di cui fanno parte 48 Paesi tra cui la Svizzera. Dall’altra parte la bandiera a dodici stelle è però anche quella dell’Unione europea, un’istituzione cui la Svizzera non ha aderito e, spero, non aderirà mai.
Infatti, i cittadini hanno più volte ribadito la loro contrarietà all’Unione europea e quindi ritengo che non sarebbe corretto nei loro confronti esporne il simbolo, fosse anche solo per un giorno. È vero che da un punto di vista formale l’esposizione della bandiera a dodici stelle sugli edifici pubblici nella giornata del 5 maggio, anniversario della fondazione nel 1949 del Consiglio d’Europa, non può essere contestabile. Capisco quindi benissimo le ragioni di chi la difende. Ma il problema è che quel vessillo diffonde oggi un altro messaggio. Se si chiede all’uomo della strada cosa rappresenta, risponde sicuramente che rappresenta l’Unione europea e non il Consiglio d’Europa.
L’errore a monte in realtà l’ha fatto il Consiglio d’Europa quando l’Unione europea gli ha "rubato" la bandiera, nel 1985. Il Consiglio d’Europa la utilizzava già da trent’anni ma non ha fatto valere le sue pretese e ormai, come si suol dire, i buoi sono fuori dalla stalla. Da allora quello stemma si presta a confusione. Sarebbe bello se il Consiglio d’Europa cambiasse bandiera. Il tema è già stato discusso e sono state avanzate delle proposte per sostituire il vessillo a dodici stelle. Ma queste discussioni non si sono concretizzate e le due istituzioni hanno continuato ad immedesimarsi con la stessa bandiera.
La situazione attuale è dunque quella di una bandiera che viene utilizzata da tante istituzioni europee e che ricorda solo in ultimo luogo il Consiglio d’Europa. Ripeto, il discorso sarebbe diverso se fossimo in presenza di due vessilli distinti. O sarebbe ancora diverso se tra i cittadini vi fosse la consapevolezza di qual è la vera origine della bandiera a dodici stelle.
In questo senso penso possa essere utile l’insegnamento della civica approvato dai cittadini in votazione popolare. Il giorno in cui sarà ben chiara a tutti la differenza tra i due significati diversi della bandiera a dodici stelle non è escluso che io stesso possa ricredermi. Solo gli stolti non cambiano idea.
18.02.2018


IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

"Troppi negozi chiusi,
ogni mese 5 in meno"
L'INCHIESTA

La "bolla integralista"
cresce nelle carceri
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Sparate leghiste
da ignorare sempre
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Una politica assente
per il business migranti
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Orchi e melodrammi
non scaldano Cennes
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
L'amore d'antan
nel "Regality show"
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
22.06.2018
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– [www.ti.ch/commesse]
22.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, maggio 2018
08.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, primo trimestre 2018
06.06.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 18 giugno 2018.
06.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2018
01.06.2018
In occasione della "Settimana europea per lo sviluppo sostenibile", in programma dal 30 maggio al 5 giugno 2018, il Dipartimento del territorio (DT) ha aggiornato le pagine del proprio sito tematico, mettendo in evidenza attività e progetti promossi in collaborazione con i numerosi partner [www.ti.ch/sviluppo-sostenibile]
30.05.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile e primo trimestre 2018
29.05.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile e primo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Macron
ipoteca
il mini vertice
europeo

Bosnia-Erzegovina:
la rotta dei migranti
al confine
con la Croazia