Jacques Ducry e la bandiera europea
Dire no al simbolo Ue
è regressione culturale
JACQUES DUCRY


Inspiegabile che Locarno, la città da sempre con uno spirito e uno sguardo internazionale, europeo, abbia deciso di non esporre più la bandiera dell’Europa il 5 maggio.  Inspiegabile che una città che è stata sede della Conferenza europea sulla pace negli anni ‘20, che ospita il Festival internazionale del Film, che si è sempre distinta per l’accoglienza, che ha tutt’ora una maggioranza liberale in Municipio, si sia ridotta a questo. Impensabile che abbia fatto propria una scelta che il Gran Consiglio, un anno fa, era lo scorso 9 maggio, ha respinto.
Mi rattrista la scelta di non esporre la bandiera del Consiglio d’Europa da cui siamo membri dagli inizi degli anni ‘60, di cui abbiamo firmato e ratificato convenzioni e atti a garanzia di tutti i cittadini per una giustizia equa.  Dobbiamo ricordarci della nostra appartenenza a questo continente. Perché è sulle macerie della seconda guerra mondiale che è nato il Consiglio d’Europa, il cui punto di riferimento sono i diritti umani e, istituzionalmente, la Corte europea dei diritti dell’uomo.  
Che dire? Pur comprendendo tutti le questioni che derivano dal rapporto con l’Unione europea, gli effetti del voto del 9 febbraio del 2014, impedire che si esponga la bandiera europea è preoccupante. Lor signori vogliono confondere le idee, scambiando il 5 maggio, ricorrenza del Consiglio d’Europa, il cui scopo è difendere la democrazia, tutelare i diritti umani, promuovere l’identità culturale europea, affrontare e uniformare le questioni giuridiche, con il 9 di maggio festa dell’Unione europea. Una mistificazione per un pugno di voti. È questo il nuovo che avanza? Poveri i nostri giovani!  Questo non è soltanto segno dell’avanzare dell’intolleranza, dell’ignoranza, è anche un’incomprensione di fondo della nostra storia, dell’appartenenza a questo continente. La nostra economia dipende dall’Europa, non fosse altro per il fatto che un franco su due lo guadagniamo con l’esportazione nei Paesi vicini. Andando avanti di questo passo, rinserrandoci in noi stessi, torneremo all’agricoltura. Torneremo ai forconi. Locarno tornerà un paese di pescatori.  
Ora che siamo diventati il Paese più ricco del mondo perché abbiamo accettato i soldi soprattutto europei (puliti o sporchi, grazie al segreto bancario), non vogliamo più la bandiera d’Europa? Ma noi dobbiamo molto all’Europa, non solo da un punto di vista economico, ma anche storico, culturale, ideale, spirituale. Locarno che non intende più esporre una bandiera che simboleggia la libertà, i diritti umani, la giustizia, fa solo tristezza. È una regressione politico culturale, a cui bisogna reagire con intelligenza parlando ed educando i nostri giovani a sentimenti di apertura e di tolleranza.
18.02.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

L'ascensore sociale
si è ormai inceppato
L'INCHIESTA

"Il via vai di procuratori
rallenta le inchieste"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

I talenti non hanno
orientamenti sessuali
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La crescita dipende
dai rapporti con Trump
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Le famiglie in fuga
dalle paure di Kabul
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Tecniche viet-cong
nei tunnel del Califfato
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Cibo e ambiente
allungano la vita
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2019
13.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, febbraio 2019
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della statistica delle transazioni immobiliari, quarto trimestre e anno 2018
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, gennaio 2019
07.03.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da giovedì 7 marzo 2019 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
27.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta dell'11 marzo 2019.
27.02.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2019
27.02.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Brexit:
Farage lancia
la marcia
pro-Leave

Tirana:
violente proteste
davanti
al Parlamento