Il celebre "social" da Londra rilancia la sua strategia
Immagini articolo
Il guizzo di Facebook
per evitare le critiche
FEDERICO BASTIANI DA LONDRA


Bring people closer together". Avvicinare le persone. Si concluse con questa frase di Mark Zuckerberg, il Facebook Communities Summit del 2017 a Chicago. In quell’occasione l’imprenditore californiano annunciò la nuova mission di Facebook: non solo connettere le persone on line, ma spingerle a creare comunità reali. Oggi ben 200 milioni di individui fanno parte di gruppi Facebook e proprio su di loro il colosso americano ha deciso di investire. Da una parte ci sono indubbiamente i buoni propositi di Zuckerberg, dall’altra la necessità di avere non solo utenti, ma utenti attivi, solo così la multinazionale americana può continuare ad ottenere profitti.
Negli ultimi tre mesi del 2017 l’azienda di Menlo Park ha perso in termini di attenzione 50 milioni di ore al giorno. Le Facebook Communities sono un antidoto a questo "deficit" perché chi fa parte di una community ha necessità di restare in contatto. Basta pensare, ad esempio, ai gruppi dove si scambiano informazioni di tipo medico, sportivo, o i tanti gruppi di genitori. Facebook ha capito il valore sociale di queste comunità e ha voluto selezionare le best practises europee per il "Facebook Commuty Summit Europe" che si è svolto l’8 e 9 febbraio a Londra.
L’evento ha coinvolto oltre 150 communities provenienti da 21 Paesi, dal Portogallo ad Israele passando per la Turchia. Tra loro anche rappresentanti del "social street", nato per ricreare senso di comunità nella città diventato fenomeno di studio. Tutti aspettavano l’arrivo di Mark Zuckerberg che ha mancato l’incontro inviando però il suo braccio destro Chris Cox. Nel suo discorso Cox ha annunciato nuovi strumenti tecnici da mettere a disposizione degli "admin" affinché sia più semplice gestire le comunità on line e ha annunciato l’erogazione di premi in denaro per le migliori communities. Questo dimostra quando  Zuckerberg creda nelle communities che servono ad unire le persone in un mondo che è sempre più diviso.
Dopo le tante critiche rivolte a Facebook in questi mesi (fake news, influenze sulla politica, bullismo), il summit è stato un’occasione per mostrare al mondo quando c’è di buono sui social network. Facebook sta concentrando gli sforzi affinché il social sia usato con fini nobili. La riunione londinese è stata un’occasione per mostrare la vivacità delle esperienze on line-off line. E chi è stato a Londra ha avuto modo di conoscere comunità nate con l’obiettivo di sentirsi meno soli.
Come Wheelchairs Mafia dell’olandese Frank Sanders. Nel 2012 Frank perse l’uso delle gambe, avviò cosi il suo gruppo Facebook per cercare supporto, consigli da altre persone che vivono sulle sedie rotelle. Il gruppo è cresciuto così tanto, diffondendosi anche in altri Paesi europei, da diventare una "lobby" per cercare di sensibilizzare l’opinione pubblica e politica su questo tema.
Stefanie  Fassbender a Colonia è admin di un gruppo chiuso nato nel 2016 (Möbelspenden für Flüchtlinge) per mettere in contatto i residenti della città con i richiedenti asilo politico che hanno necessità di mobilio per le loro case. Burcu, una giovane madre, ad Istanbul ha creato una community di ben 9000 mamme (Arastiran Anneler) favorendo gli incontri reali, scambi d’informazioni arrivando a creare una webradio per supportarsi a vicenda e gruppi di Whatapp divisi per quartiere. Allo stesso modo Shara ha creato il gruppo Tel Aviv Parents Support per aiutare le famiglie che si trasferiscono nella capitale e che hanno bisogno di socializzare, di sentirsi meno sole.
Anche il giovane Christian Delanche, fondatore di Wanted Communities in Francia, ha creato una comunità gigantesca che conta oltre 900mila membri fra la Francia e l’Africa divisa in settantanove gruppi chiusi. Ogni città ha un gruppo che è una sorta di enorme forum.
Poi esistono casi in cui semplici gruppi Facebook diventano vere e proprie Ong. Uno di questi riguarda Trude Jacobsen, norvegese, fondatrice di A Drop in the Ocean, conta circa 29mila persone che hanno a cuore il problema dei rifugiati. Tutto è nato dopo un viaggio di Trude a Lesbo nell’agosto 2015 dove ha toccato con mano le difficoltà dei rifugiati nei campi. Ha aperto così una pagina Facebook che è diventata subito virale diffondendosi in 60 Paesi nel mondo. Una grande comunità di volontari che vogliono rendersi utile, dall’insegnamento dell’uso dei computer nei campi profughi, alla distribuzione dei vestiti.
Con 2 miliardi di utenti attivi, oggi Facebook sarebbe il primo Paese al mondo. Se riuscisse a creare vere comunità, forse Zuckerberg potrebbe dare un vero contributo per il cambiamento di questo mondo.
18.02.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

L'ascensore sociale
si è ormai inceppato
L'INCHIESTA

"Il via vai di procuratori
rallenta le inchieste"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

I talenti non hanno
orientamenti sessuali
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La crescita dipende
dai rapporti con Trump
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Le famiglie in fuga
dalle paure di Kabul
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Tecniche viet-cong
nei tunnel del Califfato
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Cibo e ambiente
allungano la vita
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2019
13.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, febbraio 2019
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della statistica delle transazioni immobiliari, quarto trimestre e anno 2018
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, gennaio 2019
07.03.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da giovedì 7 marzo 2019 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
27.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta dell'11 marzo 2019.
27.02.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2019
27.02.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Brexit:
Farage lancia
la marcia
pro-Leave

Tirana:
violente proteste
davanti
al Parlamento