In aumento il numero di elvetici che vanno all'estero
Gli emigranti svizzeri
preferiscono la Francia
ANDREA STERN


La destinazione preferita dagli emigranti svizzeri è la Francia, che ogni anno accoglie in media 5mila cittadini col passaporto rossocrociato. Un primato influenzato in buona parte dagli elevati costi delle abitazioni nell’arco lemanico, che spingono parecchi romandi a traslocare oltre confine. Il secondo Paese più attrattivo è la Germania, scelta ogni anno da circa 3mila svizzeri, mentre al terzo posto vi sono gli Stati Uniti, che attirano poco meno di 2mila elvetici all’anno.
Si tratta perlopiù di persone giovani, tra i 20 e i 39 anni di età, e istruite. Le persone più in avanti con gli anni preferiscono invece mete al caldo, come la Spagna (che nel 2016 ha attirato 1126 svizzeri), la Thailandia (912) o il Brasile (473).
Complessivamente in base agli ultimi dati dell’Ufficio federale di statistica sono 774’923 gli svizzeri che vivono all’estero, nel 73,5% dei casi con la doppia cittadinanza. La comunità più numerosa si trova in Francia (200’730 persone, più della metà delle quali residenti nelle zone di confine), mentre al di fuori dell’Europa sono gli Stati Uniti a ospitare il maggior numero di svizzeri (81’075). Si trovano cittadini col passaporto rossocrociato anche in mete davvero esotiche, come le Bahamas (464 svizzeri), le Seychelles (122),  le Maldive (54), le isole Figi (41), la Corea del Nord (6) o la gelida Groenlandia (5).

a.s.
25.02.2018


IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Inopportunità politiche
della Citta dei mestieri
L'INCHIESTA

Spie nei bancomat
truffano i turisti
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Continua la lotta
per liberare i nani
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Le guerre danneggiano
la nostra economia
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Orchi e melodrammi
non scaldano Cennes
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
L'amore d'antan
nel "Regality show"
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
22.06.2018
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– [www.ti.ch/commesse]
22.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, maggio 2018
08.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, primo trimestre 2018
06.06.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 18 giugno 2018.
06.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2018
01.06.2018
In occasione della "Settimana europea per lo sviluppo sostenibile", in programma dal 30 maggio al 5 giugno 2018, il Dipartimento del territorio (DT) ha aggiornato le pagine del proprio sito tematico, mettendo in evidenza attività e progetti promossi in collaborazione con i numerosi partner [www.ti.ch/sviluppo-sostenibile]
30.05.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile e primo trimestre 2018
29.05.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile e primo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Atene:
manifestazione
contro l'intesa
sulla Macedonia

Valencia
pronta
a ricevere
l'Aquarius