Gli emigrati tendono a restare ma nel 2017 via in 79mila
Svizzera attrattiva
e sempre più selettiva
MAURO SPIGNESI


La Svizzera è uno dei Paesi delle opportunità. Quelli dove un giovane straniero laureato o che riesce a laurearsi qui, non finisce come può capitare in Spagna o in Grecia, o anche in Italia, a vendere fazzoletti di carta ai semafori. L’hanno scritto in un articolato studio gli esperti della Fondazione Leone Moressa, istituto di ricerca specializzato sulle migrazioni, che hanno stilato la classifica sui Paesi più attrattivi per gli stranieri "qualificati". In cima ci sono Norvegia, Irlanda e Danimarca. La Svizzera figura al settimo posto, con il 35.5 per cento di emigrati che possiedono un titolo di studio e il 75 per cento di tasso di occupazione per stranieri.
Persone formate, che difficilmente, come accade altrove, rientrano poi nei propri Paesi d’origine perché nella Confederazione trovano una buona qualità di vita, opportunità e buoni salari. L’anno scorso, secondo i dati della Segreteria di Stato della migrazione (Sem), sono andati via dalla Svizzera 79.104 stranieri. Non si sa quanti di questi sono laureati o comunque "specializzati". E tuttavia, come ha fatto notare uno studio di Avenir Suisse, l’emigrazione in Svizzera negli anni si è fatta molto più selettiva. I lavoratori formati arrivano spesso su chiamata delle aziende e trovano subito un lavoro. Questo diversamente dagli anni Sessanta quando invece serviva, e arrivava, soprattutto manodopera nei cantieri edili e nei campi.

m.sp.
25.02.2018


IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

Sgravi fiscali per tutti
con un taglio del 5%
L'INCHIESTA

L'estate al museo
con 100mila visitatori
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Nelle città turistiche
non si santifica la festa
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Lehman Brothers
e la fine del sogno Usa
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I missili non aiutano
la Siria senza pace
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Con il "topo morto"
la lotta tra Cia e Kgb
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
È urgente arrivare
ad un'economia "pulita"
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
14.09.2018
Proscioglimento dagli obblighi militari 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2018
06.09.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È il linea il nuovo dossier sul tema “La scuola che verrà”
06.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2018
05.09.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 17 settembre prossimo
31.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2017
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018
24.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, secondo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

"Florence"
declassato
ma vittime
e danni

Città del Messico:
sparatoria
in pieno centro,
morti e feriti