I "tormenti" del Centro Italia al tempo del voto nazionale
Un'ondata di xenofobia
può abbattere il passato
RITANNA ARMENI DA ROMA


Un tempo c’erano tutte le sfumature di rosso. Alle elezioni tingevano le regioni dell’Italia centrale con i voti della sinistra lasciando ad altri colori solo spazi limitati o residuali. Poi il rosso si è scolorito e nelle roccaforti - del Pci prima e del Pd dopo - sono entrati "i barbari", l’energia fino allora non valutata della Lega, la potenza seducente di Forza Italia e, infine, la rabbia che non conosceva barriere del Movimento 5stelle.
Così oggi, alla vigilia delle elezioni politiche del 2018, il panorama è del tutto cambiato. In Emilia Romagna il Pd è accerchiato. Nel nord ovest è cresciuto il centro destra, dall’Adriatico avanza il partito di Grillo. Rimangono le roccaforti di Bologna e Modena e Forlì "dove - ha detto il ricercatore del Cattaneo Marco Valbruzzi -, il controllo del consenso è più radicato".
È un nucleo forte, uno zoccolo duro, che attraversa l’Appennino e si ricongiunge a un’ancora disciplinata Toscana, la regione del segretario, dove il Pd anche a queste elezioni dovrebbe ottenere un buon numero di seggi, ma che perde potenza nelle coste Adriatiche. Quando si arriva nelle Marche, fino a qualche anno fa regione quietamente e saldamente rossa, la forza della sinistra per la prima volta appare in bilico. La bilancia dei consensi non pende più dalla parte del Pd che secondo tutti i sondaggi cala nei consensi. Se ne avvantaggiano il grillini che difendono bene i risultati straordinari delle elezioni del 2013. Ne approfitta a mani basse un centrodestra in ascesa che dopo i fatti di Macerata (l’omicidio di una ragazza e un blitz armato contro gli stranieri) spera di cavalcare l’ondata securitaria e xenofoba e di far saltare il banco. Potrebbe riuscirci e potrebbe raggiungere un risultato positivo in Umbria, finora fedele alla sinistra, dove il centrodestra ha molte chances di arrivare primo. Cadrebbe così un’altra roccaforte e con essa il mito che, dal dopoguerra, anche nelle elezioni meno favorevoli alla sinistra, è rimasto fermo, quello di un’Italia centrale rossa, socialmente e culturalmente unita.
A contrastare la tendenza (che tutti i sondaggisti e politologi condividono) la stella nascente di Nicola Zingaretti nuovamente candidato alla presidenza della Regione Lazio. La sua figura, data per vincente su quella del candidato di centro destra Stefano Parisi, riassume oggi molte delle speranze del dopo voto della sinistra. Zingaretti è forse il solo che è riuscito a mettere d’accordo il Pd e Liberi e uguali, la sua presidenza si contrappone al disastroso governo grillino di Roma. Può diventare un simbolo, quello della possibile rinascita dopo una sconfitta ampiamente annunciata.
25.02.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Gli ospedali diventano
cliniche specializzate
L'INCHIESTA

Il successo di Airbnb
infastidisce gli hotel
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Nuovi caccia finanziati
con la colletta sul web
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Geografia della rabbia
contro la globalizzazione
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Ladri e spacciatori
cambiano il Califfato
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
12.12.2018
Ampliato il ventaglio dei colori per le mappe della qualità dell'aria [www.ti.ch/oasi]
09.12.2018
Nuovo orario 2019 per i mezzi di trasporto pubblico in Ticino [www.ti.ch/trasporti]
07.12.2018
Concorsi scolastici 2019/2020 - è aperto il concorso per la nomina e l'incarico di docenti e operatori
06.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, ottobre 2018
05.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel terzo trimestre 2018
05.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2018
05.12.2018
Aggiornati i dati su consumo e produzione di energia in Ticino consultabili nel portale dell'Osservatorio ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
30.11.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, ottobre 2018
29.11.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, terzo trimestre 2018
28.11.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 10 dicembre 2018.

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

USA:
il segretario
all'interno
lascia

Cairo:
Scoperta
nuova tomba
della V dinastia