Progetto ticinese per risparmiare sui costi della salute
Immagini articolo
Una sanità low cost
con le criptovalute
MAURO SPIGNESI


Si parte dai Bitcoin, si arriva alle cartelle cliniche. Con un unico obiettivo: rendere il sistema sanitario meno caro, più agile, sicuro e trasparente. L’idea è racchiusa in un progetto che si chiama Sana. In pratica è l’applicazione delle criptovalute alla sanità, sfruttando i vantaggi della blockchain, ovvero la "cassaforte" (e registro) dove passano i flussi delle monete virtuali basato sul sistema della catena di blocchi e reso immune da attacchi grazie a una particolare crittografia. Lo sta portando avanti una start up ticinese fondata da Ivan Bernaschina, consulente assicurativo, e da Adriano Meyer, informatico. "Vogliamo - spiegano - creare una piattaforma attorno alle casse malati facendo risparmiare soldi e tempo alle compagnie ma soprattutto agli utenti".
In pratica l’assicurato potrà inserire al sicuro la propria cartella clinica nella blockchain, mettendo a disposizione, previa una espressa autorizzazione con una serie di eventuali limitazioni sulla privacy, i propri dati alle compagnie assicurative. "Ad esempio, se un paziente dopo una visita in una clinica passa in un ospedale, i medici possono vedere le analisi o le visite già fatte senza più ripeterle. Troppo spesso invece certe prestazioni simili vengono effettuate e fatturate più volte - spiega Bernaschina -. Questo non vuol dire risparmiare. A fronte di ciò, cioè del fatto che il paziente condivide le informazioni e contribuisce a ottimizzare la spesa, potrebbe avere una serie di vantaggi. Come, per fare un altro esempio, uno sconto sulla polizza. Ma anche lo Stato, da parte sua, potrebbe risparmiare facendo calare i costi sanitari".
Il presupposto di Sana è naturalmente quello di creare un sistema capace di coinvolgere sia le compagnie assicurative che i pazienti e i medici. Un sistema simile è nato in Gran Bretagna. Due grandi multinazionali della tecnologia come Ibm e Samsung, invece, hanno già un progetto per sfruttare la blockchain in ambito sanitario. Il problema di fondo è quello di difendere la privacy, visto che inserire i dati di un paziente su un sistema comune a diversi soggetti, potrebbe presentare un rischio.
"Attraverso la nostra piattaforma - spiega ancora Bernaschina - medici, ospedali, laboratori, farmacisti e assicurazioni possono svolgere le loro funzioni richiedendo un permesso di accesso ai documenti sanitari del paziente e registrandone la transazione sulla blockchain. Attraverso la piattaforma di Sana, viene attivato uno smart contract che offre accesso limitato ai referti medici elettronici di un paziente. I medici scrivono appunti e aggiungono scansioni e risultati di laboratorio, tutti registrati come transazioni. La farmacia che dispensa i medicinali registra anch’essa, sempre sulla blockchain, le ricette. Il paziente può concedere accesso limitato al proprio assicuratore per la verifica del trattamento e del regolamento dei pagamenti". Pagamenti che avverrebbero attraverso una criptovaluta, la Sanatoken, creata apposta. "Ma con un uso - conclude Bernaschina - solo sanitario e non speculativo, come avviene per i Bitcoin. Sia chiaro".
mspignesi@caffe.ch
04.03.2018


Articoli Correlati
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

Sgravi fiscali per tutti
con un taglio del 5%
L'INCHIESTA

L'estate al museo
con 100mila visitatori
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Nelle città turistiche
non si santifica la festa
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Lehman Brothers
e la fine del sogno Usa
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I missili non aiutano
la Siria senza pace
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Con il "topo morto"
la lotta tra Cia e Kgb
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
È urgente arrivare
ad un'economia "pulita"
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
14.09.2018
Proscioglimento dagli obblighi militari 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2018
06.09.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È il linea il nuovo dossier sul tema “La scuola che verrà”
06.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2018
05.09.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 17 settembre prossimo
31.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2017
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018
24.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, secondo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

"Florence"
declassato
ma vittime
e danni

Città del Messico:
sparatoria
in pieno centro,
morti e feriti