L'industria della solidarietà cresce ma anche i pericoli
Ecco gli scandali
che macchiano le Ong
LORETTA NAPOLEONI


Negli ultimi anni le organizzazioni non governative sono state coinvolte in parecchi scandali che hanno messo a nudo la facilità con la quale queste istituzioni possono essere manipolate.  
Nel 2007, la Ong francese Zoe’s Ark è stata coinvolta nel rapimento di 103 bambini nel Ciad che l’organizzazione aveva fatto passare come orfani di guerra. I ragazzi erano stati dati in adozione a famiglie francesi per 6.500 dollari ciascuno. L’operazione è stata bloccata prima che i bambini venissero portati in Francia.
In Kenya, il 96% dell’industria tessile è scomparsa dagli anni ‘80 a causa dell’importazione da parte di ong di vestiti e scarpe usate date loro in donazione. Ogni anno 100mila tonnellate di abbigliamento raccolto per aiuti umanitari finisce nei mercati interni dove è venduto a prezzi più bassi dei prodotti locali. Dodici governi africani hanno così vietato alle ong di importare prodotti tessili.
Dal 1999 al 2002, Children in Need, la Ong della Bbc, ha donato 40mila dollari ad una scuola e una libreria musulmana. La libreria era gestita da Mohammed Sidique Khan, capo della cellula dell’attacco alla metropolitana di Londra nel 2005. Parte dei fondi è stata usata per finanziare l’attentato.
Nel 2010, l’Onu ha ammesso che circa 200 milioni di dollari in aiuti alimentari per la Somalia erano finiti nelle tasche di organizzazioni terroriste, tra le quali c’era al Shabab. Avevano corrotto ong somale che distribuivano gli aiuti per conto dell’Onu.
Parte dei soldi raccolti dal concerto di LiveAid nel 1985 a beneficio della popolazione etiope colpita dalla carestia sono stati usati dal governo militare dell’Etiopia per rinchiudere in campi profughi, gestiti come campi di concentramento, 600mila persone provenienti dalle tribù del nord.
Nel 1994 l’intervento umanitario in Ruanda ha prolungato il genocidio dei Tutsi da parte dei signori della guerra Hutu. Parte degli aiuti sono finiti nelle tasche di questi ultimi. Alla fine del conflitto, 2 milioni di Hutu sono fuggiti nel vecchio Zaire. Bande armate di estremisti Hutu hanno preso il controllo dei campi sterminando decine di migliaia di rifugiati.
Nel 2001, durante la campagna militare in Afghanistan gli americani hanno buttato bombe e pacchi alimentari in buste gialle praticamente identiche. I bambini afgani sono saltati in aria quando hanno raccolto buste contenenti le bombe.
04.03.2018


Articoli Correlati
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Gli ospedali diventano
cliniche specializzate
L'INCHIESTA

Il successo di Airbnb
infastidisce gli hotel
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Nuovi caccia finanziati
con la colletta sul web
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Geografia della rabbia
contro la globalizzazione
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Ladri e spacciatori
cambiano il Califfato
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
12.12.2018
Ampliato il ventaglio dei colori per le mappe della qualità dell'aria [www.ti.ch/oasi]
09.12.2018
Nuovo orario 2019 per i mezzi di trasporto pubblico in Ticino [www.ti.ch/trasporti]
07.12.2018
Concorsi scolastici 2019/2020 - è aperto il concorso per la nomina e l'incarico di docenti e operatori
06.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, ottobre 2018
05.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel terzo trimestre 2018
05.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2018
05.12.2018
Aggiornati i dati su consumo e produzione di energia in Ticino consultabili nel portale dell'Osservatorio ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
30.11.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, ottobre 2018
29.11.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, terzo trimestre 2018
28.11.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 10 dicembre 2018.

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

USA:
il segretario
all'interno
lascia

Cairo:
Scoperta
nuova tomba
della V dinastia