function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};





Le notizie false in medicina sono presenti da oltre 100 anni
Immagini articolo
Sono sempre esistite
le fake news sanitarie
ROBERTA VILLA


Persone con tumori che avrebbero buone od ottime chance di guarire che rinunciano alla chemioterapia e perdono la vita per seguire le teorie del dottor Hamer, curarsi con il bicarbonato o con la dieta vegana; genitori che espongono i figli al rischio di morire di tetano, pertosse o meningite, o alle gravi complicazioni del morbillo, perché credono alla presenza di sostanze pericolose nei vaccini o al fatto che questi possano provocare l’autismo; pazienti colpiti da malattie neurologiche che si mettono nelle mani di ciarlatani sedicenti esperti di cellule staminali, e affrontano costosi, inutili, e talvolta pericolosi, viaggi della speranza per ricevere infusioni di natura non ben determinata.
Le cosiddette "fake news" sono diventate di moda quando se ne è accorta la politica, ma è la salute che rischia di risentirne di più. L’argomento è infatti salito alla ribalta col sospetto che la diffusione di notizie false, soprattutto sui social network, avesse condizionato il referendum per Brexit in Gran Bretagna e le ultime elezioni presidenziali negli Stati Uniti. Dopo questi eventi, l’Oxford Dictionary decise di eleggere "post-truth", "post-verità", come parola dell’anno per il 2016. Ma è davvero un fenomeno nuovo? La diffusione di notizie false a scopo di propaganda politica è antica come il mondo, così come lo sono terapie farlocche spacciate per vere in buona fede o a chiaro scopo di lucro. Fu il successo di ciarlatani che cercavano di arricchirsi vendendo olio di serpente per la cura di tutte le malattie girando con il loro carretto per gli Stati Uniti, per esempio, a indurre il governo americano a fondare nel 1906 quella che sarebbe diventata la Food and Drug Administration, l’agenzia che controlla la sicurezza di farmaci e alimenti.
Dopo più di un secolo ci troviamo ancora a credere al carisma di un singolo medico, che anzi ci sembra più affidabile proprio perché "perseguitato" dalla cosiddetta "medicina ufficiale", oppure ci affidiamo al racconto di un singolo episodio, in cui un miglioramento inatteso o un evento drammatico sono seguiti a un trattamento, per convincerci che tra i due fatti esista un rapporto di causa ed effetto. In Italia, un paio di anni fa, per esempio è scattato l’allarme perché alcuni anziani e malati sono deceduti nei giorni successivi alla vaccinazione antinfluenzale. Ci sono voluti giorni prima che ci si rendesse conto del fatto che, dal punto di vista statistico, si trattava di eventi assolutamente attesi, che potevano essere ugualmente associati all’aver guardato il telegiornale o aver mangiato la pastina, e del tutto indipendenti dalla vaccinazione.
Confondere un’associazione temporale con una causale è solo uno dei possibili errori in cui la nostra mente ci può indurre, quando valutiamo una notizia. Un altro è il bias di conferma: siamo naturalmente programmati a dare maggior credito a qualunque notizia ci rassicuri nelle nostre scelte, abitudini o convinzioni precedenti: le notizie sui possibili rischi di tumore legati al consumo di carni rosse e lavorate sono amplificate dai vegetariani, mentre quelle legate all’alcol saranno sottostimate dai produttori di vino. "Siamo fatti così", come titolava una famosa serie di cartoni animati sul corpo umano. Nemmeno l’informazione e l’alfabetizzazione scientifica della popolazione, la diffusione di conoscenze scientifiche e gli innegabili successi della medicina, enormemente cresciuti negli ultimi decenni, bastano a contrastare teorie false e spesso pericolose che continuano ad arricchire personaggi senza scrupoli e a mettere in pericolo la salute, e talvolta la vita, delle persone. Per proteggersi, bisogna che ognuno impari a capire le trappole mentali in cui rischia di cadere, fidandosi anche un po’ di più del consenso della comunità scientifica, soprattutto quando questo è unanime nel condannare una pratica o una terapia.
11.03.2018


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
13.07.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, giugno 2020
06.07.2020
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2019
17.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, maggio 2020
17.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2020
12.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2020
10.06.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 22 giugno 2020
04.06.2020
Swiss Mobility: opportunità di stage professionale in Svizzera per neodiplomati 2020
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
15.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La Libia è una polveriera
ormai pronta a esplodere
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Le gang dettano legge
in sessanta città Usa
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

25 anni
dal massacro
di Srebrenica

Belgrado:
assalto
al Parlamento

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00