Il professor Trivilini spiega il fenomeno delle false notizie
"Contro le fake news
non basta l'algoritmo"
ANDREA STERN


Il problema delle fake news non sarà risolvibile semplicemente con un bollino", avverte il professor Alessandro Trivilini, responsabile del Dipartimento tecnologie innovative della Supsi.
Perché crediamo così facilmente a notizie false?
"Non siamo abituati a mettere in discussione le informazioni che otteniamo dalla rete. Vuoi perché siamo pigri, vuoi perché strumenti come Google solitamente funzionano davvero bene. Scriviamo per esempio "ho il mal di gola" e troviamo subito tutto quello che vogliamo sapere. Siamo troppo abituati ad avere risposte istantanee".
In che modo le notizie false si infilano tra quelle vere?
"Le fake news lavorano, oltre che sulla pigrizia, sugli aspetti cognitivi. Sono costruite sfruttanto tre elementi fondamentali, ovvero il linguaggio, l’attenzione e la memoria. Se io riesco ad arrivare sullo schermo di una persona con il linguaggio che questa persona usa nella quotidianità, se riesco a catturare la sua attenzione e la sua memoria pregressa, il gioco è fatto. Ho conquistato la sua fiducia e quindi qualsiasi barriera di diffidenza è caduta".
C’è un modo per distinguerle?
"È molto difficile riconoscere le fake news, almeno quelle fatte bene, appunto perché lavorano sugli effetti cognitivi. È un po’ lo stesso meccanismo del phishing, quando per farmi dare i dati bancari da una persona la convinco che ha vinto un milione di dollari. È la capacità di creare un terreno comune tra la notizia e chi la legge, mettendo la persona in uno stato di accudimento".
E per combatterle, sarà possibile usare degli algoritmi?
"Non può essere un algoritmo a determinare l’autorevolezza, l’accuratezza e l’oggettività di un’informazione. Perché l’interpretazione è soggettiva, non può essere generica per tutti. Il rischio è di arrivare al punto che prima di acquistare un gelato chiederemo all’algoritmo qual è il gusto che ci piace di più".
Lo Stato può fare qualcosa?
"Anche in questo caso è difficile, perché chiunque si prendesse il compito di determinare quali notizie sono vere e quali false, dovrebbe anche rendere noti tutti gli elementi che ha utilizzato per validare l’informazione. Piuttosto sono i media che devono cercare di dare autorevolezza alle notizie. Che oggi vanno da Budapest a Boston e vengono riprese tali e quali. Un media dovrebbe invece cercare di inquadrarla sentendo persone che godono di fiducia a livello locale. Altrimenti il rischio è di diventare tutti stereotipati, lobotomizzati".

a.s.
11.03.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Una cultura politica
di vuote banalità
L'INCHIESTA

Non solo Medtech
nel polo di ricerca
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lo stile smarrito
dai perdenti di successo
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Senza il riciclaggio
non si salva il clima
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La guerra degli 007
all'ombra dell'Europa
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.04.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta costitutiva del 2 maggio prossimo
15.04.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, marzo 2019
12.04.2019
Pubblicato il Rendiconto 2018 del Consiglio di Stato
12.04.2019
Pubblicato il rendiconto 2018 del Consiglio della magistratura
08.04.2019
Online la Città dei mestieri della Svizzera Italiana, con informazioni e aggiornamenti sui lavori in corso verso l'apertura
03.04.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 3 aprile 2019 alle ore 10:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
01.04.2019
Tiro obbligatorio 2019
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Sudan,
si dimette
anche il leader
del golpe

Gilet gialli
a prova
di legge
anti-casseur