La diffusione delle 'fake news' è legata alla polarizzazione
"Con i social network
...chiusi in una bolla"
ROBERTA VILLA


La diffusione di notizie false e strumentali, le famose fake news, aumenta di pari passo con la polarizzazione legata a internet", afferma Walter Quattrociocchi, coordinatore del Laboratorio di Data Science and Complexity a Ca’ Foscari.
Le bufale sulla salute sono nate con internet?
"No, ma non c’è dubbio che la rete abbia provocato quel che chiamiamo una 'disintermediazione' rispetto alla fonte della conoscenza. Con questa espressone si indica il fenomeno per cui una volta qualunque informazione passava attraverso il medico o il giornalista, mentre oggi chiunque può accedere con facilità non solo alle fonti originali, ma anche a tutte le loro possibili interpretazioni".
E questo è un male?
"Di per sè no, ma può diventare pericoloso se, per un diverso background culturale, non si hanno gli strumenti per interpretare le informazioni che si ricevono. Si tratta però di un fenomeno irreversibile, che deve essere governato ma da cui non si può tornare indietro".
Anche la quantità di informazioni che riceviamo ogni giorno è cambiata rispetto a 50 anni fa.
"Infatti si parla di un sovraccarico informativo. Davanti a un bombardamento quotidiano di dati e notizie, i nostri meccanismi di difesa si rinforzano e tendiamo a restare sempre più attaccati ai nostri preconcetti o ai messaggi coerenti con i nostri principi".
Cosa è ulteriormente cambiato con i social network?
"Per loro stessa struttura i social network tendono a favorire una tendenza innata negli esseri umani, che si ritrova anche nelle interazioni sociali che avvengono fuori dalla rete: tutti preferiamo circondarci di persone che la pensano come noi e che approvano le nostre scelte, piuttosto che da avversari che le contestano. Ci chiudiamo in una sorta di bolla, che nei social network ci dà però l’illusione di essere uno spaccato rappresentativo della società".
Come si studiano questi fenomeni?
"Le moderne scienze computazionali ci consentono di analizzare il comportamento in rete di centinaia di milioni di utenti. Abbiamo così potuto dimostrare che, in particolare quando si parla di scienza e salute, nei dibattiti sui social network è difficile mantenere posizioni moderate. All’aumentare del tempo trascorso su Facebook, aumenta la cosiddetta "polarizzazione" sui temi più scottanti, e la maggior parte delle persone si trova a dover prendere una posizione netta, per esempio pro o contro i vaccini, senza troppe possibilità di distinguere tra diverse vaccinazioni e diverse circostanze".

r.v.
11.03.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Ecco come sarà
il Cardiocentro 1.0
L'INCHIESTA

Sembrano giocattoli
... eppure uccidono
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Il formidabile esercito
...che ora si rinnova
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Quel Modi indiano
piace a Usa e Cina
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Dall'Iran sino a Kim
donald alza il tiro
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.06.2019
Nuova veste grafica, contenuti e funzionalità per il sito della Divisione della formazione professionale
17.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, maggio 2019
13.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, giugno 2019
12.06.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 24 giugno 2019.
12.06.2019
Pubblicato il rapporto annuale 2018 sul programma di monitoraggio ICP-Waters [www.ti.ch/aria]
11.06.2019
Qualità dell'aria in Ticino: rapporto 2018 [www.ti.ch/aria]
07.06.2019
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha rinnovato il suo portale tematico, modificando e aggiornando parte della documentazione [www.ti.ch/commesse]
05.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2019
31.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile 2019
23.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Incendio
nel centro
di Parigi,
almeno 3 morti

Italia: così
gli scafisti
scaricano i migranti
a Lampedusa