function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};

I costi diretti e indiretti dell'istallazione di Christo
Immagini articolo
Un'opera da 18 milioni
esistita solo 16 giorni
CLEMENTE MAZZETTA


Il progetto iniziale delle passerelle galleggianti di Christo sul Lago d’Iseo in Lombardia sarebbe dovuto costare 15 milioni di euro. Alla fine le spese sono lievitate. Si è giunti a 18 milioni di euro, circa 21 milioni di franchi. Esclusi i costi indiretti.
Si è realizzato un percorso pedonale di oltre 3  chilometri per collegare la terraferma a due isole, Monte isola e San Paolo. Le passerelle erano sostenute da un sistema modulare di pontili galleggianti formati da 200mila cubi in polietilene, ancorati a 190 blocchi in calcestruzzo sul fondo del lago. Il tutto è poi stato coperto da 70mila metri quadrati di tessuto giallo-arancione. Una volta realizzata l’istallazione si è dovuto gestire l’afflusso dei visitatori per due settimane, che hanno preso d’assalto i pontili a pelo d’acqua, larghi 16 metri e alti 50 centimetri. Al termine dei 16 giorni (18 giugno-3 luglio del 2016) l’intera struttura è stata rimossa. Costo totale a carico dell’artista 18 milioni di euro, compresi 1,5 milioni versati da Christo ai Comuni e alle autorità locali per le spese sostenute.
Nei primi due giorni le passerelle sono state "calpestate" da oltre 100mila visitatori, al termine se ne sono stimati 1,2 milioni. L’intera operazione, preparata nell’arco di due anni, è stata propagandata come istallazione a costo zero. Ma per Legambiente, la stima totale arriverebbe a 33,3 milioni: 18 milioni a carico di Christo, 8 milioni a carico degli enti pubblici e 7,8 a carico della collettività. Per Legambiente, solo la mobilitazione delle forze di sicurezza sarebbe costata tre milioni, mentre lo smaltimento delle 900 tonnellate di rifiuti prodotti nei 16 giorni, 2,4 milioni. Questi i costi, veri o presunti.
Quanto ai guadagni, oltre a quello d’immagine per l’intera regione, secondo l’analisi di una società di consulenza turistica, le imprese del territorio avrebbero incassato in 16 giorni circa  88,1 milioni di euro. Di questi, il 76,5%, pari a 67,4 milioni, sono stati fatturati grazie all’evento. Sotto questo aspetto "The Floating Piers" non può che essere considerato un grande successo.

c.m.
25.03.2018


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Luna e Marte nuove mete
di imprenditori visionari
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Predicatori e Stato islamico
tra i guerriglieri della costa
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Quei pochi cristiani in Iraq
tra le macerie di sé stessi
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il mondo ha 44 sovrani
ma i "regni" contano poco
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Un viaggio tra i popoli
sull'idea del nuovo inizio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Una Greta, tante Grete
per difendere l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Si pensi anche ai costi
causati da altre limitazioni

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Londra,
omaggio
al principe
Filippo

La polveriera
Belfast
pronta
a scoppiare

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00