L'analsi di Giovanni Tridente dell'Università Pontificia
L'evangelizzazione
ora corre sul web
MAURO SPIGNESI


La "Clerus-App" è principalmente pensata e rivolta ai sacerdoti. "Però è realizzata dalla Congregazione del clero, che forma i preti, e dunque è un importante e intelligente tentativo di avvicinarli al mondo del web e a non aver paura dei nuovi mezzi di comunicazione", sottolinea il professor Giovanni Tridente, docente alla Pontificia Università della Santa Croce di Roma, e autore del saggio "La missione digitale. Comunicazione della Chiesa e social media". Secondo Tridente, "la Clerus App è anche la continuazione di un percorso. Visto che La Congregazione del clero aveva già creato un portale  online con le diverse omelie". D’altronde è stato lo stesso Papa Francesco a dire che "tutto nel mondo è intimamente connesso". E dunque la riflessione sul rapporto tra Chiesa e social, ma più in generale tra Chiesa e nuovi mezzi di comunicazione, è un tema importante e quanto mai di attualità. "La Chiesa - spiega Tridente - non ha mai demonizzato i mezzi di comunicazione, semmai ha detto che vanno usati bene, adeguatamente. Anche in chiave di evangelizzazione, così come emerso sin dai tempi del Concilio Vaticano II. Chiaramente oggi l’asticella della sfida si è alzata, perché chi va sui social deve poi non soltanto conoscere il loro linguaggio ma anche saperli adoperare".
Perché i social, poi, avvicinano la Chiesa, in tutte le sue espressioni, alla gente. E anche le applicazioni sono un modo per declinare questa tendenza. Una tendenza che coinvolge soprattutto i giovani. "In questo senso è importante che le parrocchie siano su Facebook o su altre piattaforme - aggiunge il docente - perché è lì che oggi si trovano i fedeli. Sarebbe utopistico non esserci. Le tecnologie, dunque, possono fare opera di evangelizzazione. Ma, ripeto, vanno usate bene. Non si può improvvisare, non si possono veicolare bufale, tutte le notizie pubblicate vanno verificate, non si devono inserire post con contenuti offensivi o che possano ferire le persone. E in questo senso serve una certa professionalità, precise competenze ed equilibrio".
Questo vuol dire educare a una corretta comunicazione. Ma non vuol dire che le parrocchie debbano rinunciare al proprio stile di comunicazione o debbano tradire certi principi. "Al contrario - avverte Tridente - la loro deve essere una presenza ragionata. E poi, dietro un account, dietro un profilo, c’è sempre una persona in carne ed ossa. Quindi è importante che si apra una riflessione per capire chi deve gestire l’informazione nei social. Deve essere il parroco in prima persona, deve essere un suo rappresentante, una figura competente del consiglio parrocchiale o un giovane fedele? Su questo bisogna interrogarsi. Tenendo conto, ancora, che i social hanno tempi veloci e ragionano rapidamente".
La Chiesa, quindi, segue l’evoluzione della società moderna. Sta al passo con i tempi. "Ma -  conclude Tridente - con i suoi valori, con la sua capacità di far riflettere sulle cose che accadono".

m.sp.
15.04.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

L'ascensore sociale
si è ormai inceppato
L'INCHIESTA

"Il via vai di procuratori
rallenta le inchieste"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

I talenti non hanno
orientamenti sessuali
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La crescita dipende
dai rapporti con Trump
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Le famiglie in fuga
dalle paure di Kabul
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Tecniche viet-cong
nei tunnel del Califfato
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Cibo e ambiente
allungano la vita
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2019
13.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, febbraio 2019
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della statistica delle transazioni immobiliari, quarto trimestre e anno 2018
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, gennaio 2019
07.03.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da giovedì 7 marzo 2019 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
27.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta dell'11 marzo 2019.
27.02.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2019
27.02.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Brexit:
Farage lancia
la marcia
pro-Leave

Tirana:
violente proteste
davanti
al Parlamento