L'analsi di Giovanni Tridente dell'Università Pontificia
L'evangelizzazione
ora corre sul web
MAURO SPIGNESI


La "Clerus-App" è principalmente pensata e rivolta ai sacerdoti. "Però è realizzata dalla Congregazione del clero, che forma i preti, e dunque è un importante e intelligente tentativo di avvicinarli al mondo del web e a non aver paura dei nuovi mezzi di comunicazione", sottolinea il professor Giovanni Tridente, docente alla Pontificia Università della Santa Croce di Roma, e autore del saggio "La missione digitale. Comunicazione della Chiesa e social media". Secondo Tridente, "la Clerus App è anche la continuazione di un percorso. Visto che La Congregazione del clero aveva già creato un portale  online con le diverse omelie". D’altronde è stato lo stesso Papa Francesco a dire che "tutto nel mondo è intimamente connesso". E dunque la riflessione sul rapporto tra Chiesa e social, ma più in generale tra Chiesa e nuovi mezzi di comunicazione, è un tema importante e quanto mai di attualità. "La Chiesa - spiega Tridente - non ha mai demonizzato i mezzi di comunicazione, semmai ha detto che vanno usati bene, adeguatamente. Anche in chiave di evangelizzazione, così come emerso sin dai tempi del Concilio Vaticano II. Chiaramente oggi l’asticella della sfida si è alzata, perché chi va sui social deve poi non soltanto conoscere il loro linguaggio ma anche saperli adoperare".
Perché i social, poi, avvicinano la Chiesa, in tutte le sue espressioni, alla gente. E anche le applicazioni sono un modo per declinare questa tendenza. Una tendenza che coinvolge soprattutto i giovani. "In questo senso è importante che le parrocchie siano su Facebook o su altre piattaforme - aggiunge il docente - perché è lì che oggi si trovano i fedeli. Sarebbe utopistico non esserci. Le tecnologie, dunque, possono fare opera di evangelizzazione. Ma, ripeto, vanno usate bene. Non si può improvvisare, non si possono veicolare bufale, tutte le notizie pubblicate vanno verificate, non si devono inserire post con contenuti offensivi o che possano ferire le persone. E in questo senso serve una certa professionalità, precise competenze ed equilibrio".
Questo vuol dire educare a una corretta comunicazione. Ma non vuol dire che le parrocchie debbano rinunciare al proprio stile di comunicazione o debbano tradire certi principi. "Al contrario - avverte Tridente - la loro deve essere una presenza ragionata. E poi, dietro un account, dietro un profilo, c’è sempre una persona in carne ed ossa. Quindi è importante che si apra una riflessione per capire chi deve gestire l’informazione nei social. Deve essere il parroco in prima persona, deve essere un suo rappresentante, una figura competente del consiglio parrocchiale o un giovane fedele? Su questo bisogna interrogarsi. Tenendo conto, ancora, che i social hanno tempi veloci e ragionano rapidamente".
La Chiesa, quindi, segue l’evoluzione della società moderna. Sta al passo con i tempi. "Ma -  conclude Tridente - con i suoi valori, con la sua capacità di far riflettere sulle cose che accadono".

m.sp.
15.04.2018


IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

"Cambiamo la legge,
è facile avere armi"
L'INCHIESTA

Richiedenti l'asilo
a lezione d'"amore"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Il mondo del lavoro
contro i "puzzoni"
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
I nuovi consumatori
influenzano i marchi
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Orchi e melodrammi
non scaldano Cennes
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La dieta dei cittadini
interessa i governanti
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
09.07.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 9 luglio 2018 alle ore 13.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
28.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2017
22.06.2018
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– [www.ti.ch/commesse]
22.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, maggio 2018
08.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, primo trimestre 2018
06.06.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 18 giugno 2018.
06.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2018
01.06.2018
In occasione della "Settimana europea per lo sviluppo sostenibile", in programma dal 30 maggio al 5 giugno 2018, il Dipartimento del territorio (DT) ha aggiornato le pagine del proprio sito tematico, mettendo in evidenza attività e progetti promossi in collaborazione con i numerosi partner [www.ti.ch/sviluppo-sostenibile]

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Russiagate:

i democratici
all'attacco

Pakistan:

elezioni
di sangue