function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};

François Pilet racconta la sua esperienza di cronista
La cultura del segreto
e l'opacità della legge
FEDERICO FRANCHINI


François Pilet è un giornalista di Losanna. Ad aprile 2017, insieme alla collega Marie Maurisse, ha lanciato Gotham City, una newsletter settimanale dedicata alla criminalità economica e all’attualità giudiziaria svizzera.  
Come è nata l’idea di Gotham City?
"Da giornalisti indipendenti io e Marie lavoravamo per l’Hebdo. Il settimanale era molto interessato alle inchieste economico-finanziarie"
E poi, che è successo?
"Quando l’Hebdo ha chiuso non avevamo più sbocchi per continuare a proporre le nostre inchieste. Le possibilità erano quindi due: o smettere o cambiare. Abbiamo così lanciato una newsletter settimanale destinata a specialisti: l’80% dei nostri lettori sono studi d’avvocati mentre il restante 20% sono banche, società o Ong."
L’Ocse parla di difficoltà crescenti a pubblicare "news sensibili che toccano i grandi interessi economici"?
"Direi che le pressioni non sono aumentate. È sempre stato difficile fare inchieste economiche poiché le persone messe in causa hanno mezzi per difendersi per vie legali. Si è sempre rischiato il processo".
Negli anni cosa è cambiato? Sono stati fatti passi indietro?
"Il fatto che i media si sono indeboliti e sono meno forti per rispondere a queste pressioni. Prima le redazioni erano disposte a pagare le spese legali, non soltanto davanti a un giudice ma anche nella fase precedente".
A cosa si riferisce?
"Dico che a minacce d’avvocato bisogna rispondere con lettere d’avvocato. Anche se ciò non vuol dire che è stato scritto qualche cosa di falso. Semplicemente, già prima della pubblicazione bisogna essere pronti ad avere un legale che ti difenda. E oggi le redazioni e gli editori hanno meno voglia di avere queste spese"
Un altro problema è la difficoltà d’accesso ai documenti giudiziari. Quale è il grado di trasparenza della giustizia svizzera?
"Siamo confrontati alla cultura del segreto e dell’opacità della giustizia svizzera. Prima di una decisione vi è il diritto alla presunzione d’innocenza. Se una persona è giudicata colpevole vi è poi il diritto all’oblio. La finestra legale tra presunzione d’innocenza e diritto all’oblio è di soli 30 giorni, ossia quelli entro i quali una condanna non anonimizzata può essere consultata. Ciò che è assurdo poiché delle inchieste per criminalità economica durano diversi anni".
Ma esiste un sistema che protegge l’onore e la reputazione dei colpevoli.
"Certo, per questo le imprese accusate di corruzione in Svizzera hanno interesse a passare per un decreto d’accusa: anche una condanna pesante potrebbe non essere mai resa pubblica".
29.04.2018


Articoli Correlati
Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Falliti gli obiettivi Onu
su sostenibilità e salute
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Anche la pista siriana
dietro la strage di Beirut
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Un viaggio tra i popoli
sull'idea del nuovo inizio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Confinamento più efficace
dei negoziati dell'Onu
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Si pensi anche ai costi
causati da altre limitazioni

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Armenia,
l’opposizione
in piazza
contro il governo

L’omaggio
dei moscoviti
a Boris
Nemtsov

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00