Reportage fra le vittime della guerra a nord dell'Uganda
Immagini articolo
L'unguento magico
per i bambini soldato
CARLOTTA LUDOVICA PASSERINI DA GULU, UGANDA


Gulu è una piccola città nel Nord dell’Uganda, nota per essere stata al centro del conflitto civile che ha opposto l’esercito governativo e l’Lra, il Lord Resistance Army, capeggiato da Joseph Kony. I segni della guerra si vedono ancora, ma attorno sono nate realtà che si prendono cura di chi è sopravvissuto e credono nello sviluppo del Paese.
Joseph Kony, autoproclamatosi portavoce di Dio, ha fondato il Lord Resistance Army in seguito alla presa di potere di Museveni. Nel 1987, infatti, dopo aver rovesciato il governo di Okello, un acholi, Museveni è stato proclamato presidente dell’Uganda, carica che tuttora ricopre.
Kony ha iniziato a raccogliere seguaci tra l’etnia acholi insorti in seguito alla defenestrazione di Okello. E inizialmente ha trovato un grande seguito fra la popolazione. Poi le cose sono cambiate. La battaglia, nata come conflitto tribale, si è trasformata in una guerra civile. Lo stesso Kony, all’inizio difensore degli acholi contro le tribù baganda, a cui appartiene Museveni, ha incominciato a seminare il terrore fra i membri del suo stesso clan.
Il leader dell’Lra ha iniziato a rapire bambini, facili da manipolare, e a indottrinarli costruendo il suo esercito personale: un esercito di piccoli soldati. Dopo averli rapiti, i guerriglieri dell’Lra li portavano nel bush, la foresta, dove venivano indottrinati e addestrati alle armi.
Kony faceva cospargere i loro corpi con un unguento, sostenendo che fosse magico e che li avrebbe resi invisibili e protetti dai proiettili dei nemici. Se un bambino osava ribellarsi o scappare, le punizioni erano esemplari. Gli oltre 60mila bambini invisibili rapiti, per sopravvivere, erano costretti a compiere azioni indicibili. Le bambine, invece, diventavano schiave sessuali.
L’avvento dell’Lra ha causato migliaia di vittime e di profughi, oltre ad aver reso orfani più di due milioni di bambini. Il 90% degli abitanti del Nord Uganda erano costretti in campi profughi, gestiti dalle grandi organizzazioni internazionali, le cui condizioni di vita e igienico-sanitarie erano terribilmente difficili.
Il leader dell’Lra, dal 2008 si nasconde negli Stati limitrofi, dove continua a rapire bambini per aumentare le fila del suo esercito. Sulla sua testa pendono diversi mandati di cattura da parte della Corte penale internazionale dell’Aia che lo ha condannato per omicidio, maltrattamenti, attacchi a civili, stupro e rapimento.
Pochi anni fa, a Gulu, è nata Yolred, Youth Leaders for Restoration and Development, la prima organizzazione fondata e gestita interamente da ex bambini soldato.
Yolred promuove la stabilità e lo sviluppo del Nord Uganda, occupandosi di ex bambini soldato. Solo con un aiuto concreto è possibile reinserirli nella comunità ed evitarne la stigmatizzazione. In questo modo si promuove anche lo sviluppo della zona. Nel concreto, Yolred offre diverse attività che spaziano dall’educazione alla salute, da laboratori di musica alla terapia psicologica.
Accanto a Yolred, anche altre organizzazioni si occupano delle vittime di guerra. Fra queste Wawoto Kacel, una cooperativa sociale che garantisce lavoro a donne vittime di guerra, sieropositive e disabili. La cooperativa è nata all’interno di Comboni Samaritans, il complesso dei missionari comboniani in Uganda da oltre cinquant’anni sostenuto dalla associazione italiana Good Samaritans.
Le donne di Wawoto Kacel producono oggetti utilizzando materie prime locali. Si occupano della filatura dei tessuti, utilizzando grandi telai, della tintura delle stoffe e della realizzazione di abiti e prodotti per la casa. Con le foglie di banano, invece, creano piccoli oggetti, cartoline e biglietti di auguri. Con la carta assemblano collane e gioielli.
20.05.2018


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
18.03.2020
Pubblicazione straordinaria: Decreto esecutivo concernente l’annullamento e il rinvio delle elezioni comunali per il periodo 2020-2024 del 18 marzo 2020
18.03.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, marzo 2020
13.03.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, febbraio 2020
11.03.2020
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della statistica delle transazioni immobiliari, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
28.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, gennaio 2020
26.02.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 9 marzo 2020
19.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2020
14.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, gennaio 2020
11.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2020
10.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
L'economia malata
cambierà la società
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il terrorismo resterà
ancora un pericolo
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi



IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Coronavirus:
il business
della paura

Wuhan:
prove tecniche
di normalità

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00