function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};





Bocciata l'idea di non separare più i bagni uomo-donna
Immagini articolo
La parità tra i sessi?
Inizia dalla fila al wc
FRANCO ZANTONELLI


E se partissimo dalle toilettes per raggiungere quella parità tra uomini e donne che in Svizzera  rimane tutt’ora incompiuta in diversi campi, in particolare nel mondo del lavoro? Pensiamo solo al fatto che a livello salariale esiste uno scarto di circa il 20 per cento tra i due sessi, a vantaggio, guardacaso, di quello che per una tradizione dura a morire viene definito "forte". Si diceva delle toilettes quale possibile paradigma della parità. Questo perché c’è un consigliere nazionale del Plr che sembra pensarla proprio in questi termini. È Albert Vitali, che ha presentato una mozione al Consiglio federale, invitandolo ad abolire l’obbligo di mantenere dei wc separati nelle aziende elvetiche, fatta eccezione per quelle di piccole dimensioni.
Settantatrè colleghi, tutti appartenenti al cosidetto blocco borghese, hanno appoggiato il suo atto parlamentare. Che, in realtà, piace anche a un’esponente della sinistra radicale come Tamara Funiciello, presidente dei Giovani socialisti svizzeri e deputata al Gran Consiglio del canton Berna. "Una volta - spiega al Caffè -  un appartenente alla comunità Lgbt, ovvero quella che accomuna le lesbiche, i gay, i bisessuali e i transgender, mi ha detto che la politica sulla sessualità viene fatta a partire dai gabinetti". A partire da ciò che si scrive sulle porte dei bagni, questa è per gli uomini e quest’altra per le donne. "Ecco - commenta Funiciello - da quel momento inizia la disuguaglianza".
Tornando ad Albert Vitali, ha liquidato la separazione per sessi nei wc aziendali definendola "una tradizione che richiama la rigida morale vittoriana". "D’altronde - rileva sempre Vitali -una situazione in cui i wc sono misti esiste già sui treni e sugli aerei". D’altro canto il deputato di Lucerna è convinto che, liberalizzando l’uso delle medesime toilettes a maschi e femmine, si tolgano dall’imbarazzo gli intersessuali, ovvero coloro che sono privi di una sessualità ben definita. "Direi che ha ragione Vitali a ritenere la norma in vigore decisamente vittoriana - riprende Funiciello -. Non vedo dove sia il problema e aggiungo che noi giovani socialisti abbiamo l’abitudine di utilizzare toilettes miste". Resta il fatto che il Consiglio federale ha risposto picche alla mozione del parlamentare liberale. Il Governo ha un timore: liberalizzando l’utilizzo dei bagni si potrebbe correre il rischio di favorire fenomeni di molestie. E, comunque, si finisca per mettere a disagio le persone con una sensibilità particolare".
Di fronte a questi argomenti come non dar ragione ad Albert Vitali, che evoca il moralismo bacchettone della Regina Vittoria? "Quello che proprio non mi va - dice ancora Funiciello - è l’evocazione delle molestie. Se si vuole fare qualcosa contro le molestie lo si faccia. Limitarsi a separare i due sessi, davanti alle porte delle toilettes, significa lavarsene le mani". Insomma, la battaglia dei bagni, almeno per il momento, se l’aggiudica il Governo. E a chi non è convinto che, anche da lì, possa partire un segnale in favore di una maggiore parità tra i sessi, valga l’esempio della Svezia. Dove, da tempo, almeno nei luoghi pubblici, uomini e donne hanno a disposizione gli stessi wc. Il risultato? Che anche gli uomini fanno la coda, come le donne.
27.05.2018


Articoli Correlati
Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
06.07.2020
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2019
17.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, maggio 2020
17.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2020
12.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2020
10.06.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 22 giugno 2020
04.06.2020
Swiss Mobility: opportunità di stage professionale in Svizzera per neodiplomati 2020
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
15.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La Libia è una polveriera
ormai pronta a esplodere
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Le gang dettano legge
in sessanta città Usa
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

25 anni
dal massacro
di Srebrenica

Belgrado:
assalto
al Parlamento

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00