Gli anziani abusano e i giovani "sballano" con le medicine
Immagini articolo
Farmacodipendenza,
"malattia" senza età
CRISTINA GAVIRAGHI


Ci sono anziani che abusano dei medicinali perché più fragili e inconsapevoli e c’è chi, per stare meglio, scivola gradualmente nella farmacodipendenza. Ma c’è anche chi, deliberatamente, fa un cattivo e aberrante uso di pillole regolarmente prescrivibili.
Alcuni farmaci, se assunti ad alto dosaggio o anche in concomitanza con alcol o altre droghe leggere, hanno un effetto paragonabile a quello degli stupefacenti illegali, agendo sul sistema nervoso.
Euforia, eccitazione, crollo delle inibizioni, insomma il classico "sballo" può essere procurato anche dagli antidolorifici oppioidi. Molecole come l’idrocodone e l’ossicodone vengono assunte al posto di droghe illegali da una schiera sempre più numerosa di ragazzi che se le procurano tramite prescrizione medica o rubandole dall’armadietto dei medicinali di nonni e genitori. Senza contare poi il commercio su internet e l’esistenza di veri e propri pusher di farmaci.
Risale allo scorso anno, proprio in Ticino, il boom di vendita tra giovanissimi di uno sciroppo per la tosse da banco contenente codeina, un altro oppioide che, se miscelato a bibite gasate, porta allo "sballo". Una moda nata anni fa negli Usa che ogni tanto riaffiora anche a casa nostra e che ha costretto il farmacista cantonale a sconsigliare la vendita dello sciroppo ai minorenni. Persino un comune antidiarroico, la loperamide, a dosi più alte di quelle terapeutiche ha effetto sul sistema nervoso centrale provocando euforie e anche allucinazioni. Il suo uso come stupefacente ha indotto la Food and Drug Administration, l’ente governativo statunitense sui prodotti alimentari e farmaceutici usa, a diramare un’allerta in merito ai gravi rischi per la salute legati a un cattivo uso del farmaco.
Non c’è, infatti, solo il rischio di sviluppare dipendenza per queste sostanze. Esistono seri pericoli correlati agli effetti collaterali che un consumo smodato e fuori dalle indicazioni di questi farmaci può dare. Abbassamento della pressione, rallentamento del battito cardiaco, diminuzione della trasmissione nervosa, deficit di memoria, attenzione e coordinazione motoria, il tutto ancor più aggravato dall’eventuale assunzione anche di alcol, marijuana, hashish o altro. Tutti effetti potenzialmente molto pericolosi per la salute e l’incolumità dell’individuo. Ma agli occhi dei giovani questo passa in secondo piano rispetto a uno "sballo" che si può ottenere con sostanze facilmente reperibili, economiche e ritenute, proprio perché farmaci, più pulite e sicure delle droghe illegali. Un fenomeno, secondo gli esperti, purtroppo ancora sottovalutato.

c.g.
10.06.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Una cultura politica
di vuote banalità
L'INCHIESTA

Non solo Medtech
nel polo di ricerca
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lo stile smarrito
dai perdenti di successo
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Senza il riciclaggio
non si salva il clima
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La guerra degli 007
all'ombra dell'Europa
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.04.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta costitutiva del 2 maggio prossimo
15.04.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, marzo 2019
12.04.2019
Pubblicato il Rendiconto 2018 del Consiglio di Stato
12.04.2019
Pubblicato il rendiconto 2018 del Consiglio della magistratura
08.04.2019
Online la Città dei mestieri della Svizzera Italiana, con informazioni e aggiornamenti sui lavori in corso verso l'apertura
03.04.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 3 aprile 2019 alle ore 10:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
01.04.2019
Tiro obbligatorio 2019
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Sudan,
si dimette
anche il leader
del golpe

Gilet gialli
a prova
di legge
anti-casseur