L'idroponica è l'ultima frontiera dell'hi-tech in agricoltura
Immagini articolo
In futuro l'insalata
si coltiverà al pc
NATASCHA FIORETTI


La coltivazione del futuro è già qui. È high tech e si chiama idroponica. Un’agricoltura che non ha bisogno di terra, può essere praticata in zone povere e aride, ha un fabbisogno di acqua infinitamente minore rispetto alle coltivazioni tradizionali, è autosufficiente, sostenibile, non utilizza pesticidi, è a circolo chiuso, tecnologica e in serra. In Svizzera, a produrre la prima insalata idroponica è stato Fritz Meier a Dällikon nel canton Zurigo; una grossa realtà è rappresentata dalla Forster Salatgarten nel canton Lucerna. Anche in Ticino, a Bellinzona, c’è Swissponic, una start-up di sei giovani che sognano di riavvicinare l’uomo e l’agricoltura tramite il computer.
Le piante crescono in altezza anche fino a 18 metri, affondano le loro radici in un substrato inerte come la lana di roccia o l’argilla espansa e ricevono le sostanze nutritive tramite l’acqua. Un esempio eclatante è la Sundrop Farm, futuristica fattoria idroponica solare che si trova nella regione arida di Port Augusta in Australia, costituita da una serra, un impianto di dissalazione e un campo solare di concentrazione. Per coltivare le 180mila piante di pomodoro all’interno della serra si utilizza l’acqua del mare e bucce fibrose di cocco in sostituzione della terra.
Insomma uno scenario prossimo in cui gli effetti del riscaldamento globale saranno devastanti e la crescita della popolazione mondiale toccherà i 7,5 miliardi di abitanti (secondo la Fao 10 miliardi nel 2050) la ricerca, l’industria e le start-up non stanno a guardare ma puntano su soluzioni sostenibili e a basso impatto ambientale per soddisfare la richiesta dei centri urbani dei prossimi decenni. Non crediate però che si tratti di un’assoluta novità visto che l’agricoltura idroponica, dal greco antico hýdor, acqua, e pónos, lavoro, è una tecnica nota già agli Aztechi che usavano costruire coltivazioni galleggianti intorno alla città insulare Tenochtitlan, mentre Marco Polo nel 13° secolo scrisse nei suoi appunti di viaggio di avere visto dei giardini galleggianti in Cina.
Dall’Australia alla Cina agli Stati Uniti, dall’India a Israele sino all’Europa, dunque, l’idroponica sta prendendo piede un po’ ovunque. In Iran, nella provincia di Markazi, quest’anno è partito un grosso progetto che prevede la costruzione di una serra che si estende su 50 ettari di terreno e sarà in grado di produrre 20mila tonnellate di verdure l’anno. Nel Vecchio continente grandi produzioni si trovano in Olanda, Inghilterra e in Spagna.
19.08.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Una cultura politica
di vuote banalità
L'INCHIESTA

Non solo Medtech
nel polo di ricerca
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lo stile smarrito
dai perdenti di successo
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Senza il riciclaggio
non si salva il clima
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La guerra degli 007
all'ombra dell'Europa
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.04.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta costitutiva del 2 maggio prossimo
15.04.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, marzo 2019
12.04.2019
Pubblicato il Rendiconto 2018 del Consiglio di Stato
12.04.2019
Pubblicato il rendiconto 2018 del Consiglio della magistratura
08.04.2019
Online la Città dei mestieri della Svizzera Italiana, con informazioni e aggiornamenti sui lavori in corso verso l'apertura
03.04.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 3 aprile 2019 alle ore 10:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
01.04.2019
Tiro obbligatorio 2019
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Sudan,
si dimette
anche il leader
del golpe

Gilet gialli
a prova
di legge
anti-casseur