Sempre più donne dicono un no convinto alla maternità
Immagini articolo
Non vogliono figli e...
non hanno rimpianti
ROSELINA SALEMI


Ho quarant’anni e spicci e non ho figli. Non li ho, e non ne voglio. Sono una childfree, cioè senza figli, che è diverso da childless, priva di figli. Una scelta versus una casualità. C’è stato un tempo in cui ero convinta che la mia vita avrebbe avuto senso solo quando avrei avuto dei figli. O almeno ero convinta di crederlo. Venivo circondata, o meglio, assediata senza via di scampo, dalle gravidanze di sorelle, cugine, cognate, nipoti, amiche, amiche delle amiche. Se non hai un figlio, nella tua vita di donna, cos’hai? Beh, avevo un lavoro, anzi, una carriera, un guardaroba, un marito, delle belle tette, moltissima cellulite che comunque fa simpatia. Ma non un figlio. Ma io lo volevo ‘sto figlio? Perché non capivo se lo volevo perché lo volevo o perché lo volevano tutte le altre. Ma si può dire di no. Anche se la pressione sociale è un vero e proprio mobbing. Sottile, fatto di giudizi, paragoni, allusioni, confronti, sfide. È possibile non avere figli, ma non ti è permesso rifiutarne l’idea. Dire: io non ne voglio, grazie. Eppure siamo tante, ed è arrivato il momento di farci avanti".
Michela Andreozzi, romana, classe 1969, è attrice, regista, sceneggiatrice (il suo ultimo film è Nove lune mezza) e autrice di "Non me lo chiedete più #childfree La libertà di non volere figli e non sentirsi in colpa" (HarperCollins) quasi un  manifesto. Il termine childfree, però non l’ha inventato lei. È nato in America negli Anni ‘70, ed è la sigla di un movimento che collega le "non madri" di tutto il mondo su www.nokidding.net.
Rottamata la mistica della femminilità da Betty Friedan & Co., Michela Andreozzi è entrata nella scia della femminista Elisabeth Badinter che dopo tre figli ha dichiarato: "II bebè è il miglior alleato della dominazione maschile". Il ruolo sociale delle madri è senza valore. Malviste sul lavoro, costrette a pesanti rinunce, le donne restano sole con il loro dilemma: se non fai figli sei frustrata, se li fai sei nevrotica. Se non rientri in ufficio sei senza aspirazioni, se rientri, danneggi la psiche infantile. Alcune hanno sofferto, altre hanno fatto senza drammi la loro scelta. Piera degli Esposti: "Sono tra quelle che hanno avuto gravidanze e hanno scelto di non portarle avanti. Non sono pentita. Ma la società ti fa sentire fuori posto. La donna senza figli è mancante. C’è una discriminazione". Natalia Aspesi: "Se avessi avuto dei figli probabilmente sarei stata contenta, ma non averne non è un problema. Anzi, pensare che, data la mia età, potrei avere un figlio ultracinquantenne mi fa orrore". Le childfree alimentano anche la corrente delle cosiddette "mamme imperfette" che pur accettando il ruolo, criticano, sbuffano, rivendicano spazi personali.
La psicanalista francese Corinne Maier ha detto la sua dopo due figli: "Potrei fare il giro del mondo, e sono agli arresti domiciliari, costretta ad alzarmi tutti i giorni alle sette per servire a tavola e far ripetere stupidissimi compiti. Il desiderio di maternità è frutto della pressione sociale". L’attrice comica Florence Foresti è ancora più diretta (e divertente): "Quando ho partorito, mi hanno fatto firmare una clausola di riservatezza. Se raccontassimo tutto a quelle che vogliono fare figli, l’umanità scomparirebbe nel giro di cinquant’anni". Michela Andreozzi può contare su un buon numero di alleate. Più di quante aveva immaginato.
26.08.2018


Articoli Correlati
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

Il Cardio non paga
e il Mizar si arena
L'INCHIESTA

La scuola volta pagina
con lezioni di sesso
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Kerouac e i bus
direzione a Malpensa
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Lehman Brothers
e la fine del sogno Usa
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Con il "topo morto"
la lotta tra Cia e Kgb
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
È urgente arrivare
ad un'economia "pulita"
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2018
14.09.2018
Proscioglimento dagli obblighi militari 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2018
06.09.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È il linea il nuovo dossier sul tema “La scuola che verrà”
06.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2018
05.09.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 17 settembre prossimo
31.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2017
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Attacco
alla parata,
Iran:
risponderemo

Russia:
manifestanti
chiedono dimissioni
di Putin