Né maschio né femmina nel diritto dello stato civile
Immagini articolo
Non mettere il sesso
sui propri documenti
PATRIZIA GUENZI


In Svizzera una quarantina di neonati nascono ogni anno senza che i medici possano determinarne chiaramente il sesso. A volte, le variazioni della differenziazione sessuale non sono visibili, emergono solo più tardi. Una sorta di "terzo sesso", per così dire, per cui anche nel nostro Paese c’è chi da tempo ne chiede l’introduzione nel diritto dello stato civile. Per altri, invece, meglio sarebbe rinunciare del tutto all’iscrizione maschio o femmina sui documenti, per eliminare la discriminazione delle persone che non si riconoscono in alcuna denominazione. Né uomo né donna, né tantomeno transgender o intersessuale. Una proposta che il Consiglio federale s’è detto disposto ad accogliere, dopo la "richiesta" del consigliere nazionale verde liberale Beat Flach.
Attualmente in Svizzera un’indicazione di sesso maschile o femminile deve essere fatta all’ufficio di stato civile entro tre giorni dalla nascita. Un  periodo troppo corto secondo l’Accademia svizzera delle scienze mediche, che un paio di anni fa aveva domandato di prolungarla a trenta giorni. "Pericoloso separare l’identità sessuale da una persona", per Dante Balbo. Un’identità che per Pepita Vera Conforti, invece, "va rispettata anche dal profilo giuridico.

pguenzi@caffe.ch


Rispettare l’identità sessuale anche dal profilo giuridico
Pepita Vera Conforti attivista, femminista, ex presidente Commissione consultiva per le pari opportunità tra i sessi
Per ragionare sui cambiamenti proposti per quanto riguarda il sesso a livello di stato civile, penso sia necessario capire cosa si intenda per identità sessuale. Questa non si definisce solo dal sesso biologico, neppure dal ruolo attribuito dalla società e ancor meno dall’orientamento sessuale. Infatti l’identità sessuale si costruisce a partire da un insieme di fattori interni e esterni che si rapportano con il corpo, la mente e la cultura nel processo di crescita di ognuno di noi.
A scuola, semplificando, spiegano che il sesso di una persona è determinato dai cromosomi XX e XY che permetteranno lo sviluppo di una certa morfologia del corpo e dei genitali. Finora lo stato civile registrava il sesso a partire da questa evidenza, rendendo molto difficile il cambiamento di identità se non attraverso procedure complesse e medicalizzate.
Oggi riconosciamo che, pur trattandosi di una minoranza, ci sono neonati che nascono con un sesso indefinito (in Svizzera circa 40 nascite all’anno), e ci sono altre persone che nel processo di crescita sentono di non appartenere al sesso biologico nel quale sono nati e, di conseguenza, cresciuti secondo modelli sociali femminili o maschili.
La questione dell’attribuzione sessuale, o sei maschio o sei femmina, non costituisce una tematica nuova. Ad esempio troviamo nella figura dell’ermafrodita una rappresentazione di una realtà identitaria più complessa. Nell’epoca moderna la medicina ha risolto la questione del sesso indefinito alla nascita consigliando i genitori di operare subito il neonato per attribuirgli un sesso certo, senza aspettare. Il rischio è che crescendo potrebbe non riconoscersi nel sesso deciso per lui o lei, provocandogli enormi sofferenze. Ritengo che l’autodeterminazione della propria identità sessuale anche dal profilo giuridico sia fondamentale in una società che si ritiene civile. È un diritto e un principio che protegge le persone più vulnerabili che nella vita si trovano confrontate con un conflitto profondo e aspirano a vivere in armonia con il proprio corpo senza che qualcuno le costringa a stare in un unico modello. Persone transgender e transessuali che non scelgono intenzionalmente di sentirsi maschi o femmine, e questo loro disorientamento tra il sesso biologico - o quello che qualcuno ha deciso di attribuirgli - e la loro identità sessuale non è una malattia. Semplificare le procedure per il cambiamento di sesso nello stato civile non danneggia nessuno, ma risparmia a persone che vivono la propria transizione, sofferenze inutili e lungaggini amministrative non giustificabili, dato che nessuno di noi sceglierebbe di attribuirsi un sesso nel quale non si riconosce.


Per un bambino è essenziale la descrizione della diversità
Dante Balbo Psicologo, diacono, e attuale responsabile del servizio sociale di Caritas Ticino
Escludere una definizione che ha a che fare con il sesso di una persona, anche se madre e padre almeno biologicamente sono abbastanza definiti, dovrebbe evitare pericolose discriminazioni per quelle coppie che questa differenza sessuale non la considerano importante. L’operazione sembra innocente, anzi positiva, ma nasconde un mutamento ben più profondo e un processo che, per ottenere una presunta parità nelle istituzioni familiari, ha bisogno di annullare l’appartenenza ad un sesso preciso. Si tratta di un cambiamento culturale che si è sviluppato nel tempo. Così come la pratica di correggere la dicitura madre e/o padre sui documenti, per andare incontro alla nuova varietà di unioni cui siamo confrontati. Ma proprio qui sta il problema, perché per definire le nuove figure, le dobbiamo numerare, per cui avremo genitore 1, 2, perché non 3 o 4 se altri partecipano alla vita familiare?
Un primo passo in questa direzione è stato la rottura fra procreazione e partecipazione di entrambi i sessi. Con l’inseminazione artificiale il donatore è anonimo e in qualche modo irrilevante. Poi c’è stato il cambiamento nella struttura delle famiglie giuridicamente riconosciute: oggi il sesso dei membri è indifferente. Infine la possibilità di cambiare il proprio sesso nel corso della vita, o di permetterne la scelta dopo un certo periodo, per esempio rallentando la trasformazione ormonale, così che i bambini decidano più avanti se essere maschi o femmine. In altre parole, per poter riconoscere famiglie diverse bisognava che la propria identità sessuale diventasse poco più che un dettaglio, come indossare un vestito piuttosto che un altro. Nulla di male, se non fosse che separare l’identità sessuale dalla persona è semplicemente un falso, una teoria, una maniera di semplificare la realtà. Per un bambino è essenziale la rappresentazione di una differenza, in un padre e una madre, in un uomo e una donna, per costruire la propria personalità di adulto in cui l’essere maschio o femmina non è solo un bagaglio culturale. Oggi ci muoviamo nella direzione dell’annullamento dell’identità sessuale, ma questo equivale a demolire l’essere umano nella sua struttura più profonda e le conseguenze di questo cambiamento non siamo in grado di valutarle.
Non è il problema della capacità di due genitori dello stesso sesso di educare un bambino, forse meglio di molte coppie eterosessuali, in un contesto dove la differenza dei sessi è ancora importante, ma della trasformazione a livello culturale e sociale, nella quale oltre a questo perdiamo anche la maternità e la paternità, due realtà indispensabili per la formazione di un adulto e che al sesso sono inevitabilmente legate.
02.09.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

"Mi sento vittima
di un complotto"
L'INCHIESTA

'No a piatti di plastica
alle feste e alle mense'
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

I soldi dei contribuenti
per pagare il karaoke
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Trump con i tassi bassi
sogna d'essere Reagan
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Come i killer dell'Isis
ma non sono terroristi
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
07.11.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 19 novembre prossimo
26.10.2018
Pubblicati i dati del censimento rifiuti 2017 [www.ti.ch/gestione-rifiuti, www.ti.ch/oasi]
26.10.2018
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da sabato 27 ottobre 2018 alle ore 8:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
24.10.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 5 novembre 2018.
23.10.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all’aperto (RLCFo/RaLLI) in vigore in Ticino e Moesano dal 26 settembre e in Val Poschiavo dal 16 ottobre 2018, viene da oggi esteso anche alla Val Bregaglia
22.10.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, settembre 2018
16.10.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) in vigore in Ticino e Moesano dal 26 settembre 2018, viene da oggi esteso anche alla Val Poschiavo
11.10.2018
Pubblicati i dati di funzionamento degli impianti di depurazione in Ticino [www.ti.ch/oasi]
04.10.2018
Avvio della consultazione del Progetto di risanamento fonico delle strade cantonali e comunali del Luganese [www.ti.ch/rumore]
03.10.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 15 ottobre prossimo

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch


Degenera
manifestazione
a Barcellona

Trump
denunciato
dopo la stretta
sull'asilo