Una ricerca su tendenze e paure sul lavoro di domani
Immagini articolo
I giovani svizzeri
sfidano il loro futuro
MAURO SPIGNESI


Sì, sono preoccupati. Ma non troppo, meglio sono meno preoccupati dei loro colleghi americani, brasiliani e di Singapore. I giovani svizzeri vedono un futuro meno incerto. E sono pronti ad accettare le sfide di un mercato del lavoro in continuo, incessante, veloce sviluppo. È un po’ questo il quadro che emerge dal barometro della gioventù, la ricerca sui ragazzi da 16 a 25 anni realizzata dai ricercatori di Credit Suisse, su lavoro e carriera, nuova economia, comunicazioni e tendenze, politica e società. Insomma, sfaccettature di un presente che scivola via verso un futuro ancora tutto da scrivere. Perché il domani è come una sorpresa, non si sa mai cosa ci riserverà. Ma proprio per questo è bello, avvincente, pur nell’insicurezza, pur nella paura di dover intraprendere, di appassionarsi e dover studiare per una professione che, chissà, magari tra qualche anno non ci sarà più. Una tendenza, quest’ultima, che i "millennials", i giovani nati dopo il 1980 e che secondo l’Onu rappresentano il 30 per cento della popolazione mondiale, hanno ben presente. Come hanno ben presente che è con questa generazione che bisognerà fare i conti, perché saranno loro a dover dare la spinta all’economia mondiale, saranno loro a essere assunti nelle imprese e nelle industrie, nelle scuole e nei centri di ricerca. E attorno a loro ruoterà il lavoro del futuro.
E allora ecco che il barometro di Credit Suisse si apre spiegando che parecchi giovani pensano che in futuro "il mio lavoro non servirà più". Perché il progresso tecnologico cambierà gli scenari e le esigenze. Un timore, questo, che i ragazzi svizzeri avvertono meno, perché dalle indicazioni arrivate dalla ricerca sembrano risoluti, più pronti a reagire alla sfida della digitalizzazione. Anche se  meno della metà degli svizzeri pensa a un impiego nel settore tecnologico contrariamente ai loro colleghi che vivono in Usa, Singapore e Brasile.  Al secondo posto delle preferenze sul lavoro c’è il turismo, seguito dai mezzi di comunicazione. I giovani elvetici, inoltre, restano legati al posto statale e parastatale, evidentemente considerandolo ancora, come i loro padri, più stabile, rassicurante.
E se una delle tendenze della nuova economia è proprio la caratteristica "sharing", con lo slogan "condividere invece di possedere", i giovani dimostrano di apprezzare questo modello. Perché condividere fa risparmiare e risparmiare consente di investire. "I millennials sono cresciuti a stretto contatto con la tecnologia e hanno familiarità con l’idea di shared content - ha spiegato la ricercatrice dell’Università di Amsterdam Giulia Ranzini - e dunque hanno un rapporto del tutto diverso con la proprietà". Però sono coscienziosi. Dato che uno dei desideri è acquistare ad esempio una propria abitazione, un bene che resta in cima ai desideri.

m.sp.
09.09.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

La privacy è morta
evviva la privacy
L'INCHIESTA

Gli affiti il business
delle Ferrovie federali
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

E il dentista incassa
i soldi dei contribuenti
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il gioco a scacchi
tra Trump e Kim
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Dalla Russia a Roma
le avventure degli 007
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il dopo Chavez
che avvelena Caracas
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
06.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 18 febbraio prossimo
01.02.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da venerdì 1° febbraio 2019 alle ore 9:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
30.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2018
29.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole medie superiori per il periodo 2019-2023
28.01.2019
I giovani e le aziende interessate a partecipare al programma di scambio Swiss Mobility sono invitati a porre candidatura entro il 15.3.2019
18.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2018
15.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole professionali secondarie e superiori per il periodo 2019-2023
09.01.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 21 gennaio prossimo
31.12.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 31 dicembre 2018 alle ore 09.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
21.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, dicembre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Ultimo
assalto
all'Isis
in Siria

Francia:
gilet gialli,
atto
numero 14