La digitalizzazione è già iniziata, così cambierà il lavoro
Immagini articolo
Saranno le nostre idee
a guidare i futuri robot
ANDREA BERTAGNI


Fa crescere la paura di perdere il lavoro, disorienta nella scelta degli studi, pone interrogativi sui salari. È il passaggio dalla produzione industriale a quella robotica, digitale, iperconnessa e globale, che, dicono gli esperti, tra qualche decennio farà scomparire professioni e sconvolgerà il nostro stesso modo di guadagnarci il pane. Di sicuro, il futuro è già iniziato. E non risparmia nessuno. Giovani e adulti sono tutti nel medesimo frullatore. Le domande in sospeso sono parecchie: che ruolo avrà la tecnologia? Quali mestieri saranno più toccati dall’automazione? Quali quelli su cui investire una carriera professionale? In mancanza di vere risposte e pochi punti fermi, il lavoro di domani ha per il momento diviso il mondo tra ottimisti e pessimisti. I primi promettono nuovi mestieri, crescita dell’occupazione e redditi in aumento. I secondi prevedono la distruzione di milioni di impieghi, l’esplosione dell’assistenza sociale e una competizione sempre più sfrenata ai danni dei più deboli e di chi resta indietro.
Daniella Lützelschwab, membro di direzione dell’Unione svizzera degli imprenditori (Usi) appartiene alla categoria di chi vede solo opportunità. "È vero, alcune professioni spariranno  - spiega - ma le competenze dei lavoratori saranno salvaguardate". Come? "Gli impieghi ci saranno anche in futuro, a patto che aziende e dipendenti si aiutino a vicenda nella ricerca di nuove soluzioni". Quali? "Il personale dovrà essere disponibile a formarsi, mentre le imprese dovranno promuovere il riorientamento professionale". L’importante, annota Lützelschwab, è agire per tempo, perché "la rivoluzione è già in atto".
Alcuni dati appaiono intanto   inconfutabili. Le prime mansioni sostituite dai robot saranno le attività di routine. Soprattutto nelle fabbriche. Ma non solo. Già oggi i computer sono subentrati, ad esempio, ai contabili, agli analisti di credito e agli analisti radiologici. Dal cambio di millennio, in Svizzera la quota delle professioni costituite in prevalenza da operazioni ripetitive è diminuita dal 47 al 37 per cento, come si spiega in una articolata ricerca del Credit Suisse riportata nell’ultimo numero del Bulletin.
A fare la differenza è l’intelligenza artificiale e la potenza di calcolo. Ma l’avvento della digitalizzazione avrà un forte impatto anche sulla ristorazione, sull’agricoltura, sul trasporto merci, sul settore minerario e sull’edilizia. Più difficile appare sostituire mestieri legati all’istruzione, al management, all’assistenza sanitaria e all’artigianato.
Nel frattempo, Oliviero Pesenti, imprenditore e presidente dell’Associazione ticinese dell’industria orologiera, ne è sicuro, "bisogna muoversi". In che senso? "I giovani che studiano dovrebbero essere preparati dalle famiglie e dalla scuola a essere curiosi e coraggiosi, perché il mondo è cambiato, è diventato più veloce  ed è necessario avere la capacità di buttarsi e di intraprendere". Con una certezza. "È nell’economia produttiva che sarà creata la vera  ricchezza. Prima però occorre scommettere sulla formazione di base e continua".
Parole e concetti ripresi da Stefano Modenini, direttore dell’Associazione industrie ticinesi (Aiti), che precisa: "Le nostre imprese hanno fame di  competenze nelle nuove tecnologie, come nella manifattura additiva, che ha bisogno di specialisti tecnici, ma anche manager". L’impressione, continua Modenini, "è che tanto resti ancora da fare soprattutto a livello di università e istituti formativi". Qualcuno che si è inventato una nuova forma di occupazione c’è già. È il caso di Uber, azienda che fornisce un servizio di trasporto automobilistico privato attraverso un’applicazione mobile che mette in collegamento diretto passeggeri e autisti. Un fenomeno talmente nuovo, da non avere dati certi. Secondo la società di consulenza Deloitte, in Svizzera un quarto dei lavoratori svolge un mestiere temporaneo, supplementare o a progetto. Mentre nel mondo sarebbero 30 milioni le persone che si sostengono svolgendo vari lavoretti. Ma non sono solo gli Stati Uniti, dove hanno sede i giganti della tecnologia Google, Amazon e Facebook, a muoversi. Anche la Cina, ad esempio, sta investendo parecchio nel digitale. Così come l’Estonia, dove la tecnologia dell’informazione è già entrata nelle scuole e negli organismi amministrativi e governativi.

an.b.
09.09.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

"Mi sento vittima
di un complotto"
L'INCHIESTA

'No a piatti di plastica
alle feste e alle mense'
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

I soldi dei contribuenti
per pagare il karaoke
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Trump con i tassi bassi
sogna d'essere Reagan
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Come i killer dell'Isis
ma non sono terroristi
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
07.11.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 19 novembre prossimo
26.10.2018
Pubblicati i dati del censimento rifiuti 2017 [www.ti.ch/gestione-rifiuti, www.ti.ch/oasi]
26.10.2018
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da sabato 27 ottobre 2018 alle ore 8:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
24.10.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 5 novembre 2018.
23.10.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all’aperto (RLCFo/RaLLI) in vigore in Ticino e Moesano dal 26 settembre e in Val Poschiavo dal 16 ottobre 2018, viene da oggi esteso anche alla Val Bregaglia
22.10.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, settembre 2018
16.10.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) in vigore in Ticino e Moesano dal 26 settembre 2018, viene da oggi esteso anche alla Val Poschiavo
11.10.2018
Pubblicati i dati di funzionamento degli impianti di depurazione in Ticino [www.ti.ch/oasi]
04.10.2018
Avvio della consultazione del Progetto di risanamento fonico delle strade cantonali e comunali del Luganese [www.ti.ch/rumore]
03.10.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 15 ottobre prossimo

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch


Degenera
manifestazione
a Barcellona

Trump
denunciato
dopo la stretta
sull'asilo