Werner Nussbaumer con un movimento il prossimo aprile
Immagini articolo
"Mi ributto in politica
con la mia Lega Verde"
PATRIZIA GUENZI


A settant’anni devo riprendere a fare politica attiva, lo farò con la Lega Verde". Per il dottor Werner Nussbaumer è una ripartenza. L’ennesima, forse. Ma non importa. Professionalmente ancora attivo, politicamente lo è sempre stato. La sua è una grande passione, che dalle fila del Partito socialista autonomo lo portò a militare in diverse formazioni o movimenti (alcuni fondati da lui stesso), con una svolta, per così dire, eco politica, Verdi, Castagno, Federazione degli indipendenti insubrici, Partito umanista, Ticino pulito, Forza civica e Verdi liberali democratici… Ben nove esperienze diverse. E ora pensa alla decima. La Lega Verde, appunto. "Un nuovo movimento - spiega Nussbaumer al Caffè - che si presenterà alle votazioni il prossimo aprile. Sono il coordinatore, una ventina di persone hanno già aderito, quasi tutti piccoli imprenditori. Ci saranno due liste, una per il Governo, una per il Gran consiglio". E con il gruppo promotore dà appuntamento a tutti gli interessati il 13 settembre prossimo, a Rivera, al ristorante delle Alpi.
Chi riparte a settant’anni e chi, come il giovane Michele Bertini, vicesindaco di Lugano, non trova più alcuno stimolo a fare politica. A soli 33 anni pensa già di abbandonare cariche e poltrone perché, ha detto una decina di giorni fa, "mi sento demotivato". Nussbaumer, invece, soprannominato anche "dottor canapa" per il suo impegno a far conoscere le potenzialità benefiche della marijuana terapeutica (finendo anche in prigione per 27 giorni nel 2003), è più che mai motivato. "Mi sento in grande forma e voglio tornare nell’arena - spiega -. Sono molto preoccupato per questa deriva della società ticinese, dal degrado del dibattito e dall’attuale clima politico fondato su posizioni xenofobe, egoistiche e di chiusura. Ma è soprattutto il razzismo a farmi orrore, foriero di catastrofi. Liberali, ppd e socialisti invece di combattere seguono l’onda leghista tanto per accaparrarsi voti".
Destra, sinistra, centro… Nussbaumer è da sempre liberale convinto sul piano economico, in fondo da medico è un piccolo imprenditore, su quello sociale invece si dice di sinistra. "Mi sento vicino alle tante persone che in questa società opulenta sono in difficoltà - sottolinea -. Sul piano ambientale ovviamente sono verde da sempre".
In fondo un po’ si capiva che il "dottor canapa" prima o poi ci avrebbe riprovato. "Hanno voluto sotterrarmi, non sapendo che ero un seme…", è il significativo incipit del libro sulla sua vita, "La rivoluzione della canapa e non solo… (ambientalismo, animalismo, medicina, politica, sociale…)", pubblicato la scorsa primavera, in cui Nussbaumer si racconta a 360 gradi. Emerge un personaggio stravagante, irruente, coinvolgente, appassionato del suo lavoro e amato dai suoi pazienti che oggi sono oltre un migliaio a curarsi regolarmente con le gocce di marijuana. E dalle pagine del libro si evince anche un desiderio di rivalsa, la voglia di dimostrare che ora è il momento giusto per saltare sul suo treno, quello della Lega Verde. "In tanti ci stanno dando man forte. Siamo già una ventina, e altri ne arriveranno presto. È un segnale. Ho il sostegno di ex socialisti, ex leghisti, persone che hanno sempre fatto politica ma che ad un certo punto sono rimaste deluse dai partiti. Partiti che in realtà sono dei gruppi di interesse che ben poco si occupano del benessere del popolo". Mentre Nussbaumer, promette che farà solo e soltanto gli interessi dei cittadini. "Se ci riprovo a settant’anni significa che sono pronto a dimostrarlo".

p.g.
09.09.2018


Articoli Correlati
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

Il Cardio non paga
e il Mizar si arena
L'INCHIESTA

La scuola volta pagina
con lezioni di sesso
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Kerouac e i bus
direzione a Malpensa
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Lehman Brothers
e la fine del sogno Usa
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Con il "topo morto"
la lotta tra Cia e Kgb
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
È urgente arrivare
ad un'economia "pulita"
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2018
14.09.2018
Proscioglimento dagli obblighi militari 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2018
06.09.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È il linea il nuovo dossier sul tema “La scuola che verrà”
06.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2018
05.09.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 17 settembre prossimo
31.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2017
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Attacco
alla parata,
Iran:
risponderemo

Russia:
manifestanti
chiedono dimissioni
di Putin