Gruppi, partitini... durati solo lo spazio di un mattino
Immagini articolo
La nebulosa galassia
dei politici-meteora
CLEMENTE MAZZETTA


Non c’è stato solo Werner Nussbaumer, il "dottor canapa",  a "fabbricare" partitini. Dai tempi della Svepo, la "Svolta eco politica" degli Anni ‘90, lui ha partecipato, organizzato, inventato una marea di sigle politiche. E non pare intenzionato ad arrendersi (vedi articolo sopra). Ma la storia politica ticinese è piena di movimenti, gruppi politici, durati lo spazio di un mattino. O di una campagna elettorale. Di persone che a dispetto dei risultati (deludenti) si sono presentati più volte.
In principio c’è stato Lele Delcò, l’inventore del "partito dell’umbrela". Nome  che non venne accettato, perché irriverente, e che lui trasformò in "Partito delle donne". Correva l’anno 1991. Anno in cui si presentò anche Giuliano Bignasca, che s’inventò la Lega dei ticinesi trascinando un asinello in Piazza Riforma. Sembrava destinato all’effimero pure Bignasca. Invece... Delcò non ebbe lo stesso destino. Ma il pessimo risultato non lo dissuase. Anzi ci prese gusto. Cambiò successivamente etichetta al partito, presentandosi per l’ultima volta nel 1999 con "Partito popolare 2000". Prese 423 voti e non entrò mai in parlamento, ma divenne popolarissimo. Lui e il suo grotto.
Nel 1999 alle elezioni cantonali si presentò pure l’ex giornalista Giorgio Ghiringhelli, in una lista tutta sua denominata "Guastafeste". Si dovette accontentare di 532 schede, pari allo 0,4%, ma Ghiringhelli ebbe 3.477 preferenze. Insufficienti comunque. Non soddisfatto si ripresentò tre volte, pure per il Consiglio Nazionale. L’ultima nel 2007 anche per il Consiglio di Stato.
Nel 1999 salì agli onori della cronaca anche il partito del Tasso del grafico e vignettista Corrado Mordasini, l’inventore della rivista satirica Il Diavolo. Siccome non veniva mai citato nella rassegna stampa della Rsi, che invece segnalava regolarmente Opinione liberale e Popolo e libertà, in quanto settimanali di partito, decise di costruirsi un suo partito. Ottenne 745 voti, non venne eletto ma venne citato nella rassegna stampa.
Più fortuna ebbe il partito liberal socialista, fondato dall’ex consigliere di Stato Rossano Bervini: riuscì in quella legislatura ad eleggere due deputati. Nella politica magmatica effimera dei piccoli gruppi Donatello Poggi, operaio delle Ffs alle Officine di Bellinzona ha un ruolo significativo. Prima aderente al Partito del Lavoro, ora partito comunista, costituì un suo movimento, l’Onda, che si presentò alle elezioni cantonali del 2003, confluì infine nella Lega. Fu eletto. Poi, uscì e costituì il Fronte degli indignati. Germano Mattei, già deputato Ppd, infine, con la sua Montagna Viva è rientrato in parlamento nel 2011.

c.m.
09.09.2018


Articoli Correlati
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Una cultura politica
di vuote banalità
L'INCHIESTA

Non solo Medtech
nel polo di ricerca
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lo stile smarrito
dai perdenti di successo
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Senza il riciclaggio
non si salva il clima
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La guerra degli 007
all'ombra dell'Europa
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.04.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta costitutiva del 2 maggio prossimo
15.04.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, marzo 2019
12.04.2019
Pubblicato il Rendiconto 2018 del Consiglio di Stato
12.04.2019
Pubblicato il rendiconto 2018 del Consiglio della magistratura
08.04.2019
Online la Città dei mestieri della Svizzera Italiana, con informazioni e aggiornamenti sui lavori in corso verso l'apertura
03.04.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 3 aprile 2019 alle ore 10:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
01.04.2019
Tiro obbligatorio 2019
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Sudan,
si dimette
anche il leader
del golpe

Gilet gialli
a prova
di legge
anti-casseur