Uno studio analizza le ragioni del maschio "lazzarone"
Immagini articolo
Cucina, bucato e figli
..."cose da femmine"
PATRIZIA GUENZI


Vince lei. Su tutto. Non c’è partita nella lotta che la donna affronta quotidianamente per riuscire a far fronte al lavoro fuori e dentro casa. Professione, famiglia, affetti, compiti domestici... Tutto sulle sue spalle. E a fine giornata di medaglie neanche l’ombra. Una fatica completamente al femminile, a cui l’uomo, con qualche eccezione (vedi articolo in alto), non prende parte. Certo, qualche lavoretto manuale qua e là lo fa, come aggiustare due fili elettrici o rimettere in sesto un ripiano che non sta più su, ma poca cosa rispetto al carico femminile. Inoltre, se lui predilige far divertire la figliolanza, a lei spetta tutto il resto, che di ludico ha ben poco. Questo e tanto altro ancora emerge dal progetto "Mencare", condotto dall’organizzazione Männer.ch, in collaborazione con l’Institut Suisse pour les questions d’Hommes et de Genre (Ishg), che hanno dato mandato all’Institut universitaire de mé́decine sociale et préventive (Iumsp) di valutare la suddivisione dei compiti nelle famiglie svizzere, in base a caratteristiche socio-demografiche dei maschi: nazionalità, professione, età, studi, educazione, salario, lingue parlate, orientamento politico e livello di formazione della partner.
Un corposo studio, da cui emerge chiaramente che se l’uomo si impegnasse di più in casa migliorerebbe la qualità di vita, la salute, le capacità in generale e la soddisfazione di tutti i membri della famiglia. Scopo del sondaggio, indentificare le barriere che limitano il coinvolgimento dei padri in queste attività così come gli elementi che invece potrebbero accrescerlo.  Speriamo ci riesca.
Intanto, a mandare avanti le famiglie continuano a pensarci le donne. Vieppiù caricate, fuori e dentro casa. Considerando tre risultati, in una scala che va da 1 a 10, per quanto riguarda il coinvolgimento dell’uomo tra le pareti domestiche, con i figli e in generale, il punteggio è risultato largamente al di sotto del 5, valore che corrisponde a "egualitario", in cui i due partner sarebbero impegnati in modo simile. Incrociando poi i risultati con le diverse variabili socio-demografiche emerge però uno scarso effetto di queste ultime. Né nazionalità, né status sociale, né professione, né studi o lingua parlata avrebbero un peso. Il solo elemento che determina in maniera importante il coinvolgimento di una persona nei compiti domestici o nella cura dei figli è il suo sesso. E, come detto, quello femminile è di gran lunga messo peggio, nel senso che si sobbarca la maggior fatica. Dalle analisi non emerge neanche una sorta di profilo maschile tipo più incline ad un’equa distribuzione dei compiti. Insomma, parrebbe una fatica inutile pensare di riuscire ad identificare il maschio che ogni femmina vorrebbe avere a casa. Forse perché non esiste. E così, in meno del 10% dei casi lui prepara i pasti, fa il bucato, stira, fa pulizia e nel 75% dei casi assolve qualche mansioncina fai da te, di riparazione spicciola. Anche degli impegni amministrativi si fanno carico più sovente gli uomini (42%), la donna nel 34%, e nel 23% i due condividono la "fatica". Infine, a curare i bimbi (al di sotto dei 15 anni) quando si ammalano indovinate un po’ chi è? Sempre lei, nel 70% dei casi, soltanto nel 3% lui, nel 24% tutt’e due.

p.g.
09.09.2018


Articoli Correlati
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

Sgravi fiscali per tutti
con un taglio del 5%
L'INCHIESTA

L'estate al museo
con 100mila visitatori
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Nelle città turistiche
non si santifica la festa
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Lehman Brothers
e la fine del sogno Usa
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I missili non aiutano
la Siria senza pace
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Con il "topo morto"
la lotta tra Cia e Kgb
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
È urgente arrivare
ad un'economia "pulita"
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2018
14.09.2018
Proscioglimento dagli obblighi militari 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2018
06.09.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È il linea il nuovo dossier sul tema “La scuola che verrà”
06.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2018
05.09.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 17 settembre prossimo
31.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2017
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

"Florence"
declassato
ma vittime
e danni

Città del Messico:
sparatoria
in pieno centro,
morti e feriti