Al Salone del gusto si discute di ciò che si mette nel piatto
Immagini articolo
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
ELISABETTA MORO


Settembre mese di degustazioni. Mentre a Lugano in tre diverse location  si tiene Città del Gusto (sino al 23 settembre), un grande food festival per degustare, divertirsi e imparare mangiando, a Torino tra 4 giorni torna il Salone del Gusto-Terra Madre. Appuntamento biennale di Slow Food, dal 20 al 24 settembre, che richiama un esercito pacifico di artigiani del cibo, agricoltori di piccola scala, conservatori di tradizioni. Assieme a filosofi, sociologi, antropologi, agronomi, ambientalisti, nutrizionisti. Uomini e donne di buona volontà convinti che le scelte alimentari di ciascuno incidano in maniera rilevante sia sul benessere individuale sia su quello collettivo. Ad ogni boccone contribuiamo a (s)bilanciare la salute del pianeta. E proprio per questo il tema di questa edizione è l’hashtag #foodforchange, cibo per cambiare il mondo.
Nella storica sede del Lingotto, ma anche in molti luoghi del centro storico, si discuterà di ciò che mettiamo nel piatto e di come farlo, coniugando tipicità e sostenibilità, bontà ed equità, quantità e qualità. Produzione industriale e artigianato locale. Un tema cruciale è quello di creare un’alleanza tra i piccoli produttori e la grande distribuzione, fino ad ora schierati sulle due rive opposte del fiume. Ma un ponte è possibile, come racconteranno gli esperti, tra questi Alexandre Fricker, consigliere internazionale di Slow Food e direttore generale della Chiocciola Slow Food in Svizzera.
Fino ad ora è stato soprattutto il mercato a scegliere per noi, orientandoci, seducendoci, a volte infinocchiandoci, ma sono ogni giorno di più coloro che vogliono contribuire a cambiare le regole di un gioco sempre meno trasparente. Che riduce il cibo a merce e null’altro. Ma ormai è diventato chiaro anche al grande pubblico che noi consumatori possiamo molto. Siamo quel che viene chiamata dagli economisti la domanda. Che non è una cosa astratta, ma la sommatoria dei nostri comportamenti concreti.
Proprio per questo vale la pena di approfondire, assaggiare, comparare, riflettere. Rivalutare il valore del fare e non solo del produrre. Con troppa faciloneria abbiamo, chi più e chi meno, sottovalutato il valore incommensurabile dell’arte di produrre il cibo. Di quei gesti apparentemente insignificanti, trasmessi di generazione in generazione, che nascondono grandi saperi. Perché in ogni cuoca, in ogni artigiano, c’è una scienza incarnata.
Dante Alighieri diceva che l’arte e l’artigianato sono fratelli ed entrambi creano prodotti culturali. Capolavori del genio umano. E negli stand di questa kermesse gastronomica unica al mondo ce ne sono moltissimi. Dall’Emmentaler fatto a mano sulle vette elvetiche al tè d’oro preparato con lo zafferano Taliouine marocchino, dal pollo Bigawi egiziano allo speck altoatesino, dall’olio extra vergine d’oliva, ricco di antiossidanti che pizzica la gola, alla burrata, dal whisky torbato al cioccolato affumicato.
Se è vero che il cibo cambia noi, anche noi possiamo cambiare il cibo. È la sfida proposta dal movimento fondato da Carlo Petrini, una rivoluzione pacifica che parte dal nostro carrello della spesa. Senza inutili allarmismi e catastrofismi. Una svolta epocale che non nasce dalla paura, ma dalla cultura. Non dalle fobie alimentari, ma dalla consapevolezza che un altro food è possibile. Basta volerlo.
16.09.2018


Articoli Correlati
LO STUDIO

Il settimanale "il Caffè",
giornale di qualità
IL DOSSIER


Il Cardiocentro
I servizi del Caffè
e i documenti ufficiali
IL GIALLO


L'infermiere
accusato di uccidere
i pazienti anziani
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Quel Modi indiano
piace a Usa e Cina
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I migranti in Libia
come arma di ricatto
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La fuga dei miliardari
imbarazza gli Emirati
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Le serie streaming
escluse da Cannes
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Onda verde e giovane
delle nuove generazioni
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"
GRANDANGOLO

Il mondo dell'infermiere
affascinato dalla morte
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
L'INCHIESTA

'Il caldo e le gelate
devastano i nostri campi'
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

La scivolata di Fognini
tennista quaquaraquà
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
15.07.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, giugno 2019
12.07.2019
Consultabili online le temperature dei fiumi misurate in continuo presso le stazioni idrologiche cantonali e federali [www.ti.ch/oasi]
28.06.2019
Servizio militare: giornate informative 2019
27.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2018
26.06.2019
L'ufficio dei beni culturali segnala la pubblicazione di un nuovo sito tematico dedicato al Monetario cantonale [www.ti.ch/monetario]
25.06.2019
Aggiornato il catasto del potenziale solare degli edifici con i dati di tettosolare.ch consultabili nel portale dell'Osservatorio ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
19.06.2019
Nuova veste grafica, contenuti e funzionalità per il sito della Divisione della formazione professionale
17.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, maggio 2019
13.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, giugno 2019
12.06.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 24 giugno 2019.

I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Le gare
dei bufali
in Thailandia

Silk Way
Rally 2019,
dalla Cina
con furore

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00