function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};
Nuove "armi" danno più speranza ai malati di tumore
Immagini articolo
Oltre il cancro c'è vita
e oggi fa meno paura
PATRIZIA GUENZI


Aumenta la sopravvivenza. Il tumore fa un po’ meno paura. Le cure si fanno sempre più mirate. Come l’immunoterapia, considerata la nuova frontiera della lotta al cancro. Un metodo basato sull’impiego di sostanze che agiscono sul sistema immunitario. A seconda delle circostanze induce, amplifica o sopprime una risposta "difensiva" dell’organismo. Non per niente la scoperta è valsa il Nobel per la medicina a due scienziati, James P. Allison, 70 anni, capo del dipartimento di immunologia dell’Anderson Cancer Center di Houston, e Tasuku Honjo, 76 anni, responsabile del dipartimento di immunologia e medicina genomica all’Università di Tokyo. Premiati proprio questa settimana. "È sicuramente una nuova arma, che si aggiunge alla chirurgia, alla radioterapia e alla chemioterapia, ma il miglior alleato resta la prevenzione, uno stile di vita sano", osserva il dottor Franco Cavalli, direttore scientifico dell’Istituto oncologico della Svizzera italiana.
Un’arma in più, dunque. In grado di aumentare, almeno in teoria, il numero di chi al cancro sopravvive. In media, in Svizzera (dati 2008-2012), considerando tutte le forme tumorali il tasso di sopravvivenza a cinque anni è del 65% negli uomini e del 68% nelle donne. Rispetto al periodo 1998–2002 l’aumento è di 9 e 6 punti percentuali. "Tutte le terapie a nostra disposizione - riprende Cavalli - si stanno sicuramente rivelando un ottimo modo per combattere la malattia. Nei Paesi ricchi si muore globalmente o in percentuale meno, è vero. Ma solo un quarto di questo successo è dovuto alle cure. Il resto è merito di una miglior prevenzione e di una diagnosi sempre più precoce".
Prevenzione e diagnosi tempestiva, dunque. Anche se le probabilità di sopravvivenza sono influenzate pure dalla localizzazione tumorale, dall’accessibilità ed efficacia dei trattamenti. "Pensiamo che ancora oggi quasi le metà dei pazienti non ce la fa", dice Cavalli. In Svizzera sono diagnosticati ogni anno 38mila nuovi casi di tumore e 16mila persone muoiono. E dalle statistiche emerge che in Svizzera fanno ancora giustamente paura i tumori del pancreas, del fegato e del polmone e il mesotelioma pleurico (tassi di sopravvivenza a cinque anni inferiori al 20%). Buone invece le prognosi per quello del testicolo, melanoma cutaneo, tumore della tiroide, linfoma di Hodgkin e tumore della prostata e seno (tassi superiori all’80%). "Grazie anche all’immunoterapia - riprende Cavalli -, alcuni tumori reagiscono molto bene alle cure. Mentre è in netto calo il numero di casi di cancro ai polmoni negli uomini, che fumano meno, e allo stomaco in generale. Scesi anche quelli al collo dell’utero, grazie alla diagnosi precoce, e al seno (le donne assumono meno ormoni contro i sintomi della menopausa)".
Tornando ai due Nobel, Allison e Honjo hanno in sostanza scoperto quelle molecole che tolgono il "freno" che blocca la reazione del nostro organismo. Favorendo quindi l’avvio di una reazione del sistema immunitario, in grado così di aggredire virus e batteri provenienti dall’esterno e quindi anche di colpire le cellule neoplastiche. "In teoria il nostro organismo dovrebbe essere in grado di farlo da solo, in presenza di una cellula cancerogena - sottolinea Cavalli -. Invece no, subentra una sorta di paralisi per cui la cellula cancerogena ha il sopravvento".
Se aumenta la sopravvivenza e se la lotta alla malattia è migliorata, alcuni tipi di tumore sono però oggi più frequenti rispetto ad anni fa. Come i melanomi, i tumori cattivi della pelle, a causa della maggior esposizione ai raggi ultravioletti. In aumento anche il cancro al polmone nelle donne, sempre più fumatrici. "Più frequente pure il tumore all’intestino, dovuto al consumo esagerato di carne", osserva Cavalli. E allora prevenzione, vuol anche dire che a tavola frutta, verdura e cereali non dovrebbero mai mancare.
pguenzi@caffe.ch
07.10.2018


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
15.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2020
13.05.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 25 maggio 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile 2020
08.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Dati settimanali provvisori sui decessi, Ticino e Svizzera, stato al 5.5.2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2020
30.04.2020
Pubblicato il Rendiconto 2019 del Consiglio di Stato
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ripartenza a singhiozzo
e borse poco indicative
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il braccio del Sultano
"allunga" il suo potere
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

In Francia
si riprende
ad andare
a messa

Spagna:
10 giorni di lutto
e piano di riapertura
dal primo luglio

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00