Il contributo della Rete agli ammalati di tumore
Immagini articolo
Dal Ticino all'Inghilterra
il sostegno delle chat
ANDREA BERTAGNI


Offre informazioni e spiegazioni, ma è anche un luogo di confronto e di ascolto per chi cerca sostegno o solo una voce amica. È la chat per sostenere gli ammalati di tumore "Cancerline" della Lega svizzera contro il cancro. Lanciato sei anni da in aggiunta al telefono, alle email, al Forum cancro e a Skype, il canale interattivo nel 2017 ha prestato 348 consulenze, più del doppio rispetto al 2016 e al 2015. A tutti è garantito l’anonimato e le le orecchie, dall’altra parte della tastiera, sono sempre tese per offrire un aiuto a chi non sa come gestire la quotidianità, a chi non capisce quello che gli dicono i medici e gli specialisti e a chi ha solo bisogno di raccontare cosa prova da ammalato.
Lo sportello virtuale è aperto non soltanto a chi è colpito da neoplasie, ma anche a chi conosce qualcuno affetto da tumore come un amico o un familiare. Una volta terminate, le consulenze, dato che trattano temi confidenziali, vengono archiviate in forma anonima. Per registrarsi non è infatti necessario dare i propri dati. Anche uno pseudonimo può bastare per mettersi in contatto con un esperto. La stessa piattaforma esiste anche per i minori, che possono essere confrontati con molti pensieri e sentimenti di rabbia, tristezza e irritazione.
La "Cancerline" non è un servizio medico. Le infermiere dall’altra parte dello schermo, pur con esperienza pluriennale nel settore oncologico, non forniscono diagnosi, prognosi, indicazioni in merito a terapie e non danno secondi pareri.
Ascolto e supporto sono pure gli obiettivi della chat della "Cancer support comunity", la più vasta rete britannica di  aiuto per pazienti oncologici, dedicata anch’essa a chi si trova in una situazione di crisi e ha bisogno di un aiuto rapido, ma per motivi di tempo o di salute non può utilizzare una delle altre offerte di consulenza a disposizione o forse nella situazione in cui si trova preferisce scrivere piuttosto che parlare.
Prende spunto da un gruppo Whatsapp creato da una donna italiana per condividere e affrontare insieme i momenti più difficili il docu-reality "Kemioamiche". Programma trasmesso in Italia in prima serata nel 2017. Protagoniste sono Stefania, Laura, Manuela, Vanda, Giulia, Alessandra, Elisabetta, Carmen e Valentina. Ognuna con la propria famiglia e il proprio lavoro e accomunate dalla scoperta di un cancro al seno. A "Kemioamiche" hanno raccontato lo smarrimento che segue la diagnosi, la paura che accompagna l’inizio di un percorso non facile, il terrore di non farcela, la speranza della guarigione. Storie che si intrecciano durante la chemioterapia, passaggio efficace e fondamentale per la cura del tumore al seno ma che le espone a ulteriori prove: la debolezza fisica, i malesseri e la sospensione temporanea della quotidianità.

an.b.
07.10.2018


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
19.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2020
14.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, gennaio 2020
11.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2020
10.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
06.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2020
06.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, gennaio 2020
05.02.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 17 febbraio 2020
16.01.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, dicembre 2019
10.01.2020
Arge Alp: pubblicato un bando di concorso per un posto vacante presso il segretariato generale
08.01.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 20 gennaio 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Se il virus ci trascinerà
in una recessione
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il terrorismo resterà
ancora un pericolo
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Dalla tavola sovranista
a quella pro - global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Si scenderà a patti
con il sistema-Terra
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Prove
di Olimpiadi
con la paura
del coronavirus

Messico: donne
in marcia
contro
i femminicidi

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00