L'oncologo Franco Cavalli sul rischio assuefazione
"Chi inizia con l'e-cig
va dritto al pacchetto"
ANDREA BERTAGNI


Si chiama "riduzione del danno" e in Inghilterra ne hanno fatto una bandiera. È la politica sanitaria che prevede la sostituzione della sigaretta classica con quella elettronica. Con l’obiettivo di diminuire i rischi di mortalità prematura causati dal tabacco. "L’e-cig in effetti è meno dannosa della sigaretta tradizionale - spiega Franco Cavalli, direttore  scientifico dell’Istituto oncologico della Svizzera italiana (Iosi) - e per un fumatore che non riesce a smettere è sicuramente una buona soluzione, uno strumento che vale la pena sperimentare". Tutto questo, anche se lo svapo non è al 100% non nocivo. "Una certa dannosità c’è, è inutile girarci intorno - riprende Cavalli - anche se, a mio parere, è presto per poter dare una risposta definitiva, non esistendo per il momento ancora studi di lunga durata sui possibili effetti nocivi".
Tutto bene, quindi? Non proprio. La sigaretta elettronica dà assuefazione. Detto altrimenti, avverte Cavalli "chi inizia con l’e-cig tende a passare a quella vera. Quindi, in questo senso, è assolutamente da sconsigliare, perché potenzialmente apre le porte al tabacco". Soprattutto tra i giovani. Come evidenziano i dati americani, secondo cui tra il 2011 e il 2015 l’utilizzo tra gli adolescenti dei vaporizzatori è aumentato di quasi nove volte. Anche in Italia, dove, nonostante i divieti, circa il 4% dei fumatori tra i 14 e 17 anni ha ammesso, tra una sigaretta "vera" e l’altra, anche di svapare.  
Vero è però che quei Paesi - come Inghilterra, Svezia, Norvegia, Islanda e Francia - che hanno deciso di promuovere la sostituzione della nicotina con il vapore hanno abbassato di almeno il 15% la quota dei tabagisti. Svapare, insomma, conviene. "Per chi fuma assolutamente sì - ribadisce Cavalli -, non dimentichiamoci infatti che la sigaretta causa, da sola, il 30% di tutti i tumori, oltre ad altri problemi a livello cardio-circolatorio. È il killer più pericoloso". Nel fumo di tabacco sono infatti contenute più di quattromila sostanze tossiche. Chi fuma un pacchetto al giorno assorbe in un anno l’equivalente di una tazza di catrame e in vent’anni sei chilogrammi di particelle di polvere.
Comunque sia, non dimentichiamo che un’alternativa c’è sempre: smettere di fumare. Una soluzione difficile, se confrontata con le probabilità di successo. Ma vale la pena provarci. Molto dipende dalla convinzione e dalla forza di volontà del fumatore. Intanto, il 47% degli svizzeri fuma sigarette regolarmente o saltuariamente, anche se la metà si dice consapevole delle conseguenze.
18.11.2018


Articoli Correlati
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
20.09.2019
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o per incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– per l'anno 2018 [www.ti.ch/commesse]
19.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, agosto 2019
17.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2019
11.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2019
09.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2019
04.09.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 16 settembre prossimo
03.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio 2019
02.09.2019
Aggiornati e completati i dati sugli impianti di depurazione delle acque [www.ti.ch/oasi]
30.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, luglio 2019
27.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2018
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La Groenlandia fa gola
alla Cina e all'America
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I migranti in Libia
come arma di ricatto
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Killer, boss e agguati
al clan dei marsigliesi
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Onda verde e giovane
delle nuove generazioni
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


La copertina
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Brexit:
Londra invia
nuovi documenti
a Bruxelles

Argentina:
è in atto
un'emergenza
alimentare

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00