L'88% degli ultimi preparati non contiene innovazioni
Immagini articolo
Ecco i gruppi di farmaci
che più alzano la spesa
PATRIZIA GUENZI


Si dice che la spesa per i farmaci aumenti proprio per l’arrivo di nuovi prodotti. Sempre più performanti, ma anche sempre più costosi. Eppure non tutti sarebbero davvero delle "innovazioni".
Lo sottolinea il rapporto sui medicinali 2018 di Helsana (vedi articolo principale), secondo cui solo il 5 per cento dei preparati omologati tra il 2014 e il 2017 contiene gruppi di principi attivi nuovi, mentre il 7 per cento sono preparati contenenti un nuovo principio attivo tratto da un gruppo di principi attivi già noti. Per il restante 88 per cento, dunque, non c’è una grande novità.   
In sostanza, questi preparati di nuova omologazione sono farmaci generici o medicinali con solo lievi modifiche alla formulazione o che hanno cambiato nome. L’unica vera innovazione degli ultimi tempi sono i preparati per l’epatite C, che offrono sostanziosi benefici aggiuntivi rispetto alla terapia adottata finora. Tutto ciò, inutile sottolinearlo, si riflette anche nei costi. Per questi farmaci, infatti, tra il 2014 e il 2017 si registrano i fatturati complessivi più alti.
Intanto, i dieci gruppi di farmaci terapeutici più costosi hanno generato il 55 per cento della fattura complessiva nel 2017. Tra questi, gli immunosoppressori (il consumo è cresciuto quasi del 50 per cento rispetto al 2014), la cui spesa, assieme ai farmaci antitumorali, continuerà. Solo nel 2017 Swissmedic (l’istituto svizzero per gli agenti terapeutici) ha dato il suo ok per undici farmaci antitumorali con un nuovo principio attivo, il che corrisponde a un terzo di tutte le nuove omologazioni.
Anche il costo degli anticoagulanti è cresciuto del 45 per cento dal 2014, in particolare per l’arrivo sul mercato di nuovi prodotti orali. Rispetto al 2016, questi, dopo il farmaci contro il cancro e gli immunosoppressori, erano il terzo gruppo più esoso.
Pure la spesa per gli antivirali ha subito un’impennata. Mentre gli inibitori della coagulazione del sangue dal decimo sono andati all’ottavo posto nel 2017, e sono il più costoso dei gruppi di farmaci terapeutici dopo gli immunosoppressori.
A conti fatti, nel 2017 si sono spesi 1’614 milioni di franchi per i venti farmaci più costosi (il 21,3 per cento dei costi totali). Il che, rispetto al 2016, corrisponde ad un aumento di circa 105 milioni di franchi ( 6,9 per cento). p.g.
02.12.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Una cultura politica
di vuote banalità
L'INCHIESTA

Non solo Medtech
nel polo di ricerca
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lo stile smarrito
dai perdenti di successo
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Senza il riciclaggio
non si salva il clima
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La guerra degli 007
all'ombra dell'Europa
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.04.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta costitutiva del 2 maggio prossimo
15.04.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, marzo 2019
12.04.2019
Pubblicato il Rendiconto 2018 del Consiglio di Stato
12.04.2019
Pubblicato il rendiconto 2018 del Consiglio della magistratura
08.04.2019
Online la Città dei mestieri della Svizzera Italiana, con informazioni e aggiornamenti sui lavori in corso verso l'apertura
03.04.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 3 aprile 2019 alle ore 10:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
01.04.2019
Tiro obbligatorio 2019
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Sudan,
si dimette
anche il leader
del golpe

Gilet gialli
a prova
di legge
anti-casseur