Un'associazione aiuta i bimbi a ritrovare le proprie radici
Immagini articolo
Srilankesi adottati
in cerca di identità
FRANCO ZANTONELLI


Bambini rubati in Sri Lanka. È successo, soprattutto, negli Anni ’80 e lo scandalo, che ha coinvolto l’intera Europa, ha riguardato anche la Svizzera. Una vicenda già venuta alla luce e rilanciata, lo scorso 28 gennaio, da un rapporto di 74 pagine, pubblicato dalla cancelleria dello Stato del canton San Gallo. Era, infatti, sangallese un’infermiera ormai scomparsa da una ventina d’anni, Alice Honegger, che fu una delle protagoniste di questa vera e propria storia di sfruttamento della povertà di un Paese in via di sviluppo.
Cosa succedeva? Che ai bambini, adottati in quell’isola del sub-continente indiano, veniva impedito di poter rintracciare i genitori biologici. "Allora - si può leggere nel documento pubblicato dalle autorità di San Gallo - c’era la convinzione che perché riuscisse l’integrazione in una nuova famiglia si doveva fare in modo che il bambino o la bambina adottati non avessero più contatti con quella d’origine". Il fatto è che, oggi, quando alcuni dei 700 srilankesi ormai adulti approdati in Svizzera in tenera età si mettono alla ricerca del loro padre e della loro madre, in Sri Lanka, sovente si imbattono in un muro di omertà e bugie.
Ad aiutarli è nata l’associazione "Back to the Roots", ovvero alla ricerca delle radici. Una delle sue esponenti è Sarah Ramani Ineichen, oggi 37enne, che ha accettato di raccontare al Caffè i suoi tentativi di riscoprire la proprie origini. "Quando ho iniziato a cercare me stessa in Sri Lanka, in un ospedale sono riuscita a venire in possesso del mio certificato di nascita originale". Da precisare che Sarah si era preventivamente sottoposta, in Svizzera, al test del Dna. Ebbene "sul certificato di nascita c’era anche il nome di quella che doveva essere mia madre, ma il suo Dna non corrispondeva al mio". Una donna, insomma, che si era prestata al ruolo di madre. "Tutto falso, dal mio nome sul passaporto, ai miei genitori, alla mia data di nascita", dice sconsolata Sarah Ramani Ineichen. Alla fine, le chiediamo, è riuscita a rintracciare i suoi genitori biologici? "Sfortunatamente non ho trovato alcuna informazione a questo riguardo, in quanto tutto è stato falsificato".
Sarah, tuttavia, non si è persa d’animo e spera che ad altri bambini srilankesi adottati, oggi adulti, possa andare meglio. Questo è l’obbiettivo dell’associazione "Back to the Roots", alla ricerca di sostenitori e finanziatori. I quali possono palesarsi su info@backtotheroots.net. "Da un anno a questa parte - riprende Sarah Ramani Ineichen - in 147 hanno contattato la nostra associazione, in cerca di aiuto". Si tratta di persone originarie dello Sri Lanka, giunte in Svizzera a pochi mesi e residenti in diversi cantoni. "È arrivata una richiesta anche dal Ticino".
Come detto i bébé adottati nel Paese asiatico sono stati settecento negli Anni ’80, più precisamente tra l’81 e l’86. "Tuttavia - precisa Sara - non abbiamo le cifre di quelli giunti da noi fino al 1995". A Berna, intanto, il consigliere nazionale socialista Ruiz Rebecca Ana ha inoltrato un postulato al Consiglio Federale per "Fare luce sulle adozioni illegali dalla Svizzera di bambini provenienti dallo Sri Lanka negli anni Ottanta". Il Governo si è già espresso per l’accoglimento dell’atto parlamentare, chiedendo la collaborazione dei cantoni.
17.02.2019


Articoli Correlati
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
18.03.2020
Pubblicazione straordinaria: Decreto esecutivo concernente l’annullamento e il rinvio delle elezioni comunali per il periodo 2020-2024 del 18 marzo 2020
18.03.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, marzo 2020
13.03.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, febbraio 2020
11.03.2020
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della statistica delle transazioni immobiliari, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
28.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, gennaio 2020
26.02.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 9 marzo 2020
19.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2020
14.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, gennaio 2020
11.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2020
10.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
L'economia malata
cambierà la società
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il terrorismo resterà
ancora un pericolo
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi



IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Coronavirus:
il business
della paura

Wuhan:
prove tecniche
di normalità

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00