Un'associazione aiuta i bimbi a ritrovare le proprie radici
Immagini articolo
Srilankesi adottati
in cerca di identità
FRANCO ZANTONELLI


Bambini rubati in Sri Lanka. È successo, soprattutto, negli Anni ’80 e lo scandalo, che ha coinvolto l’intera Europa, ha riguardato anche la Svizzera. Una vicenda già venuta alla luce e rilanciata, lo scorso 28 gennaio, da un rapporto di 74 pagine, pubblicato dalla cancelleria dello Stato del canton San Gallo. Era, infatti, sangallese un’infermiera ormai scomparsa da una ventina d’anni, Alice Honegger, che fu una delle protagoniste di questa vera e propria storia di sfruttamento della povertà di un Paese in via di sviluppo.
Cosa succedeva? Che ai bambini, adottati in quell’isola del sub-continente indiano, veniva impedito di poter rintracciare i genitori biologici. "Allora - si può leggere nel documento pubblicato dalle autorità di San Gallo - c’era la convinzione che perché riuscisse l’integrazione in una nuova famiglia si doveva fare in modo che il bambino o la bambina adottati non avessero più contatti con quella d’origine". Il fatto è che, oggi, quando alcuni dei 700 srilankesi ormai adulti approdati in Svizzera in tenera età si mettono alla ricerca del loro padre e della loro madre, in Sri Lanka, sovente si imbattono in un muro di omertà e bugie.
Ad aiutarli è nata l’associazione "Back to the Roots", ovvero alla ricerca delle radici. Una delle sue esponenti è Sarah Ramani Ineichen, oggi 37enne, che ha accettato di raccontare al Caffè i suoi tentativi di riscoprire la proprie origini. "Quando ho iniziato a cercare me stessa in Sri Lanka, in un ospedale sono riuscita a venire in possesso del mio certificato di nascita originale". Da precisare che Sarah si era preventivamente sottoposta, in Svizzera, al test del Dna. Ebbene "sul certificato di nascita c’era anche il nome di quella che doveva essere mia madre, ma il suo Dna non corrispondeva al mio". Una donna, insomma, che si era prestata al ruolo di madre. "Tutto falso, dal mio nome sul passaporto, ai miei genitori, alla mia data di nascita", dice sconsolata Sarah Ramani Ineichen. Alla fine, le chiediamo, è riuscita a rintracciare i suoi genitori biologici? "Sfortunatamente non ho trovato alcuna informazione a questo riguardo, in quanto tutto è stato falsificato".
Sarah, tuttavia, non si è persa d’animo e spera che ad altri bambini srilankesi adottati, oggi adulti, possa andare meglio. Questo è l’obbiettivo dell’associazione "Back to the Roots", alla ricerca di sostenitori e finanziatori. I quali possono palesarsi su info@backtotheroots.net. "Da un anno a questa parte - riprende Sarah Ramani Ineichen - in 147 hanno contattato la nostra associazione, in cerca di aiuto". Si tratta di persone originarie dello Sri Lanka, giunte in Svizzera a pochi mesi e residenti in diversi cantoni. "È arrivata una richiesta anche dal Ticino".
Come detto i bébé adottati nel Paese asiatico sono stati settecento negli Anni ’80, più precisamente tra l’81 e l’86. "Tuttavia - precisa Sara - non abbiamo le cifre di quelli giunti da noi fino al 1995". A Berna, intanto, il consigliere nazionale socialista Ruiz Rebecca Ana ha inoltrato un postulato al Consiglio Federale per "Fare luce sulle adozioni illegali dalla Svizzera di bambini provenienti dallo Sri Lanka negli anni Ottanta". Il Governo si è già espresso per l’accoglimento dell’atto parlamentare, chiedendo la collaborazione dei cantoni.
17.02.2019


Articoli Correlati
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

L'ascensore sociale
si è ormai inceppato
L'INCHIESTA

"Il via vai di procuratori
rallenta le inchieste"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

I talenti non hanno
orientamenti sessuali
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La crescita dipende
dai rapporti con Trump
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Le famiglie in fuga
dalle paure di Kabul
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Tecniche viet-cong
nei tunnel del Califfato
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Cibo e ambiente
allungano la vita
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2019
13.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, febbraio 2019
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della statistica delle transazioni immobiliari, quarto trimestre e anno 2018
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, gennaio 2019
07.03.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da giovedì 7 marzo 2019 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
27.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta dell'11 marzo 2019.
27.02.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Brexit:
Farage lancia
la marcia
pro-Leave

Tirana:
violente proteste
davanti
al Parlamento