Confronto sui divieti del fumo nelle stazioni e all'aperto
Immagini articolo
Spazi sempre più stretti
per bionde e 'svapatori'
CLEMENTE MAZZETTA


Si restringono gli spazi per i fumatori. Dopo la proibizione introdotta nel 2007 in Ticino negli esercizi pubblici (bar e ristoranti), seguita dal resto della Svizzera nel 2010, ora è la volta delle stazioni e dei parchi pubblici. Nelle stazioni ferroviarie svizzere a partire dal primo giugno di quest’anno si potrà fumare solo in aree delimitate. La decisione è dell’Unione dei trasporti pubblici (Utp) che ha effettuato una serie di test nelle principali stazioni (Bellinzona compresa). L’obiettivo è migliorare la qualità dell’aria, limitare la sporcizia, i mozziconi per terra e ridurre i costi di pulizia. Il divieto nelle aree gioco è stato discusso in Gran Consiglio con una triplice mozione di Nadia Ghisolfi che chiedeva il divieto in tutte le stazioni di trasporto pubblico e presso le entrate dei locali pubblici.
Cosa che vede contrario Sandro Lombardi, fumatore convinto, che consiglia invece più educazione. Ma la cultura del "verboten", del proibire,  avanza. E sta coinvolgendo anche gli svapatori, che non ci stanno ad essere intruppati fra i fumatori. Anzi, dice Patrizia Cavalli, si condividono i divieti se si "tutela la salute". Non a prescindere.
Intanto in Svezia da quest’anno la proibizione sarà estesa alle aree all’aperto, parchi gioco,  stazioni e ristoranti all’aperto. Spazi sempre più ristretti per chi fuma, insomma.

c.m.


E io dico di no alla tirannia dell’assolutismo
Sandro Lombardi fumatore, ex direttore dell’Aiti (Associazione industriali ticinesi)

Fumare è un fatto privato. Un piacere strettamente personale. Non un fatto di Stato. Capisco tutto: i divieti, le limitazioni, le prescrizioni a tutela della salute. Ma mi permetto di avere un’opinione diversa rispetto a questo assolutismo salutistico che vuole normare tutto della nostra vita. Preciso, non voglio assolutamente mettere in discussione le limitazioni del fumo nei ristoranti, nei locali pubblici, i divieti introdotti in Ticino con una legge una decina d’anni fa.
Sono consapevole della necessità di contrastare il fumo passivo, che è nocivo per chi non fuma. Non contesto affatto l’evidenza scientifica per cui il fumo è di per sé nocivo alla salute delle persone. Però alla cultura dei divieti, delle proibizioni, ritengo dovremmo introdurre la cultura della buona educazione. Del rispetto reciproco. Ma so che l’educazione, la gentilezza non si impone per legge. Però, sempre in base a questo principio di buona educazione, il sottoscritto, che è ancora un buon fumatore, non ha mai fumato negli spazi chiusi. Non fumo in auto. Nemmeno in casa. Fumo all’aperto. Tranquillamente sul terrazzo. Senza dare fastidio a nessuno.
Ora mi si dice che si vuole proibire, in nome della salute collettiva, il fumo negli spazi pubblici, nei giardini, nei parchi. Mi sembra come minimo un eccesso. Mi pare che in queste aree si potrebbe ancora lasciare la libertà ai cittadini di "rovinarsi la vita" fumandosi tranquillamente una sigaretta. O no?
I divieti vanno introdotti per questioni più consistenti, più importanti. Vanno imposti laddove la società nel tempo non è riuscita a darsi regole, laddove è rimasta incivile: ci sono mille esempi in questa società sempre più ignorante dove sarebbe utile mettere dei divieti. Ci sono tante altre cose da fare, prima di contrastare il fumo di una sigaretta all’aperto. Perché i rapporti fra gli uomini devono basarsi sui principi di responsabilità personale, di libertà, di rispetto, non sulle imposizioni.
Però per il principio di buona educazione di cui dicevo, se sarà introdotto il divieto di fumo nelle stazioni, mi adatterò, mio malgrado. Ma mi permetto di non considerarla una scelta di libertà che aiuterà il mondo a stare meglio. Ricordo che in passato nelle tavole rotonde, nelle discussioni fra intellettuali erano ben pochi i protagonisti che non si accendevano in pubblico una sigaretta. La libertà è una cosa importante. Questo salutismo assoluto che ha preso di mira le sigarette, quando sono molteplici le cause che minano la salute, la convivenza civile, mi sembra eccessivo. Il fumo farà anche male alla salute, ma rilassa lo spirito e fa bene alle persone. Almeno a me.


Certe costrizioni vanno bene ma non si esageri
Patrizia Cavalli portavoce Associazione svizzera degli utilizzatori di vaporizzatori  Helvetic Vape

Da un punto di vista generale sarei anche d’accordo ad un divieto di fumo nei parchi gioco e negli spazi all’aperto dedicati specificatamente ai minori. Capisco anche il divieto di fumo nelle terrazze dei ristoranti: anche se si è all’aperto non è "piacevole" sedersi nel tavolo accanto ad un fumatore. Sono invece meno d’accordo per i divieti nelle stazioni. Men che meno nei parchi pubblici. Perché se il principio è quello di evitare il fumo passivo, nelle stazioni c’è lo spazio necessario per allontanarsi da un fumatore. Si possono fare due passi a lato.
È una valutazione che faccio da semplice cittadina, indipendentemente dal mio essere "svapatrice". Perché la tendenza che emerge da questi fatti è comunque quella di aumentare i divieti, le proibizioni. Cosa che rischia di coinvolgere appunto anche noi "svapatori". Come è noto, è stato presentato un disegno di legge sui prodotti del tabacco che intende regolamentare anche i prodotti per lo svapo, definiti "sigarette elettroniche". Questo progetto accomuna lo svapo, compresi i prodotti senza nicotina, ai prodotti con tabacco. Di conseguenza, si intende vietare lo svapo in tutti i luoghi pubblici, compresi i negozi specializzati e i centri di assistenza per smettere di fumare. Gli esercenti di bar e ristoranti non avrebbero più la libertà di scegliere se tollerare o meno lo svapo. Su questo sono in totale dissenso.
Non ha nessun senso estendere il divieto, perché non generiamo fumo passivo. Cosa che non dico io, ma che è un dato assodato, scientifico. Tanto é vero che in Gran Bretagna, negli ospedali c’è il cartello vietato fumare, ma lo "svapo" è consentito sia a pazienti che visitatori.
Al cinema c’è il divieto di svapare perché una nuvola di vapore può disturbare la visione di un film. Lo capisco e va bene. Pure sui treni non si può usare lo svapo. E va bene, visto che il vapore potrebbe essere scambiato dai sensori ottici come fumo. Ma nei bar, nei ristoranti non c’è il divieto, noi non rientriamo sotto la legge del fumo. Sta al gestore consentire o meno l’uso dello svapo. Non c’è pericolo per gli astanti. Lo svapo è privo di tabacco, è senza combustione, non genera monossido di carbonio o catrame; la riduzione dei rischi è stimata pari almeno al 95% da parte delle istituzioni sanitarie britanniche. Anche da noi, recentemente nel centro di sostegno di Olten, nel canton Soletta, è stato avviato un programma di aiuto per smettere di fumare tramite lo svapo.  
Dunque, se non c’è un motivo reale di salute pubblica non ha senso proibire qualcosa. Negli spazi ampi, aperti, qualsiasi divieto mi pare davvero arbitrario.
10.03.2019


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

L'ascensore sociale
si è ormai inceppato
L'INCHIESTA

"Il via vai di procuratori
rallenta le inchieste"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

I talenti non hanno
orientamenti sessuali
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La crescita dipende
dai rapporti con Trump
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Le famiglie in fuga
dalle paure di Kabul
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Tecniche viet-cong
nei tunnel del Califfato
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Cibo e ambiente
allungano la vita
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2019
13.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, febbraio 2019
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della statistica delle transazioni immobiliari, quarto trimestre e anno 2018
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, gennaio 2019
07.03.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da giovedì 7 marzo 2019 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
27.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta dell'11 marzo 2019.
27.02.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Brexit:
Farage lancia
la marcia
pro-Leave

Tirana:
violente proteste
davanti
al Parlamento