Solo la profilassi può debellare le pericolose bolle rosse
Immagini articolo
Per eliminare il morbillo
vaccinazioni a tappeto
MARIA MICHELA D'ALESSANDRO


Tutto è iniziato con la febbre. Per due giorni scottavo. Per il medico era solo un raffreddore e invece avevo preso il morbillo". A parlare della malattia infettiva, causata dal virus Paramyxovirus del genere Morbillivirus, è Iryna Gnutova, dipendente statale del ministero dello Sviluppo regionale dell’Ucraina ed ex dipendente del ministero delle Politiche agricole e alimentari. Lo fa attraverso il social network Facebook, sul suo profilo personale, spiegando dettagliatamente l’iter che ha dovuto seguire e l’impreparazione medico-sanitaria alla quale è andata incontro. "Era l’unica malattia infettiva non contratta durante l’infanzia - scrive nel lungo post dove si mostra con una mascherina; oltre al selfie, anche una foto dell’interno di un’autombulanza e di una flebo -. Mi sembrava assurdo poter essere contagiata dal virus quasi come quello dell’Ebola. Ma evidentemente non sono neanche stata vaccinata".
Nonostante la guarigione, la denuncia social di Iryna parla di una situazione al limite dell’assurdo nel Paese, lì dove i casi di morbillo hanno raggiunto cifre altissime: 53.218 solo nell’anno appena passato e che hanno portato l’Ucraina ai vertici della negativa classifica europea.
Secondo gli ultimi dati dell’Oms, l’Organizzazione mondiale della sanità, i casi di morbillo nel Continente sono infatti triplicati tra il 2017 e il 2018 (82.596 contro i 5.273 del 2016) proprio a causa dell’Ucraina. L’Oms ha spiegato che il numero di persone vaccinate sta aumentando - nel 2017 la percentuale di bambini vaccinati ha raggiunto il 93% - ma la copertura non è sufficiente per prevenire la circolazione del virus della malattia in Paesi come l’Ucraina. Tra le cause principali dell’abbassamento dei tassi di vaccinazione contro il morbillo e altre malattie, il conflitto armato con la Russia che va avanti dal 2014, la disinformazione della popolazione e la legislazione ucraina che consente di scegliere se vaccinare o meno il proprio bambino.
"Non vedo alcuna connessione con il conflitto con la Russia", spiega Pavel Boychenko, sindaco di Kilija, piccola città dell’Oblast’ di Odessa, nel sud-ovest dell’Ucraina, dove nel giro di pochi giorni il virus si è propagato tra i minori. Per il primo cittadino a destabilizzare l’equilibrio della comunità la decisione di molti genitori di non vaccinare i loro bambini avallata proprio dalla legislazione del Paese. "I rappresentanti delle autorità e i medici possono solo convincere i genitori dell’importanza della vaccinazione ma non obbligarli", conclude Boychenko.
A Kilija e in tutto il Paese, già a partire dall’agosto 2017, il MoH, ministero della Salute ucraino, ha adottato misure per arrestare la diffusione del virus: garantire la vaccinazione dei bambini di età compresa tra 1 e 9 anni che non sono stati vaccinati ed estendere la misura anche tra gli adulti. Un ordine speciale del ministero della Salute ha inoltre autorizzato la vaccinazione per conto dello Stato per adulti a rischio, come operatori sanitari, insegnanti, militari, polizia e studenti senza limiti di età. In questo clima, la sezione salute di Unicef Ucraina assiste da anni il M, monitorando la situazione delle aree più pericolose, raccogliendo e analizzando i dati in relazione all’epidemia e fornendo supporto tecnico e di comunicazione. "La sfida rimane quella di raggiungere e mantenere la percentuale di vaccinati al di sopra del 95%, continuando a identificare e vaccinare tutti i bambini di età compresa tra 1 e 17 anni compresi", conclude Unicef Ucraina.
10.03.2019


Articoli Correlati
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
20.09.2019
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o per incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– per l'anno 2018 [www.ti.ch/commesse]
19.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, agosto 2019
17.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2019
11.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2019
09.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2019
04.09.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 16 settembre prossimo
03.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio 2019
02.09.2019
Aggiornati e completati i dati sugli impianti di depurazione delle acque [www.ti.ch/oasi]
30.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, luglio 2019
27.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2018
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La Groenlandia fa gola
alla Cina e all'America
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I migranti in Libia
come arma di ricatto
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Killer, boss e agguati
al clan dei marsigliesi
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Onda verde e giovane
delle nuove generazioni
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


La copertina
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Brexit:
Londra invia
nuovi documenti
a Bruxelles

Argentina:
è in atto
un'emergenza
alimentare

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00