La singolare storia del parroco di Caslano, don Franck
Un vulcanico prete
giunto da seminarista
GIUSEPPE ZOIS


L’architetto speciale di questo lungo ponte che va dal Ticino a Dédomé, nel Togo, è don Franck Koffi Essih, un vulcanico prete giunto a Lugano da seminarista nel 1992, tra i primi a frequentare la facoltà di Teologia voluta dal vescovo Eugenio Corecco. Don Franck, 55 anni, arde dalla forte determinazione di aiutare il prossimo. La sua parabola di riferimento è quella del "figliol prodigo" e l’intuizione della sua scommessa è quella di credere e puntare sull’uomo vivo e da far vivere. Lui ha la capacità e la forza di mobilitarsi per tutti, dovunque ci sia un bisogno o un’attesa. Ordinato sacerdote dal vescovo Torti, è stato per 14 anni a Pregassona, nella chiesa nuova; dal 2012 è parroco a Caslano, dove si recano anche molti fedeli, da fuori, per partecipare a liturgie nelle quali è impossibile addormentarsi. "Chi viene in chiesa deve respirare e trasmettere gioia, sentirsi parte attiva e coinvolta".
È un bagaglio che don Franck ha in dotazione naturale, dalla sua terra: ma l’ha arricchito con esperienze fatte al fianco di don Gianmaria Colombo, nei suoi laboratori protetti di Bellinzona, Claro e Piotta, poi a Barranquilla, per un anno, accanto a don Emilio Conrad, nella missione voluta e avviata dal vescovo Ernesto Togni. Per i suoi fratelli africani sogna che non mettano più a rischio la vita in cerca di un altro futuro: "L’Africa deve svilupparsi con gli africani", ripete, facendo il verso a Daniele Comboni. Per questo don Franck si sfianca nel creare opportunità e servizi nella sua terra: un ospedale, un collegio tecnico che intende ampliare ulteriormente, offrendo tetto e scuole per elettrotecnici, informatici e lingue, soprattutto l’inglese. "La mia gente e la mia terra devono ritrovare fiducia in se stessi, evitando sradicamenti e fuga delle intelligenze e forti delle loro professioni e mestieri, creare posti di lavoro e sviluppo".
09.06.2019


Articoli Correlati
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
27.11.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 9 dicembre 2019
27.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, ottobre 2019
22.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2019
18.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, ottobre 2019
15.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, ottobre 2019
13.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, ottobre 2019
13.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, ottobre 2019
06.11.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 18 novembre 2019
04.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, terzo trimestre 2019
30.10.2019
Pubblicati i dati del censimento rifiuti 2018 [www.ti.ch/gestione-rifiuti, www.ti.ch/oasi]
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Un traguardo sociale
ma ancora non per tutti
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Il sanguinoso attacco
alla "Terra dell'alba"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
L'attentato a Londra
rilancia l'allarme jihad
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Emmental e pollo
tra i "falsi svizzeri"
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Arrestato
il presunto
aggressore
dell’Aja

Un trono
di soldi…
con lo scopo
di farne di più

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00