La rabbia è il pericolo principale se il cane è importato
Adottare un animale
comporta dei rischi
PATRIZIA GUENZI


Sempre peggio. Sul fronte della rabbia c’è poco da stare tranquilli. Numerosi i cani importati illegalmente in Svizzera, con documenti falsificati in modo così perfetto da essere difficilmente identificati. Il che fa pensare ad un’organizzazione, un gruppo di persone abili che sanno perfettamente come muoversi e lucrare con la vendita di cuccioli. Spesso malati, o troppo giovani per poter rispettare i requisiti sanitari per l’importazione di animali da compagnia da Paesi terzi. Che non è proibita, sia chiaro, ma a patto di rispettare seriamente tutta una serie di precise condizioni sanitarie.
È bene ripetere che la rabbia è una malattia mortale che si trasmette anche all’uomo da cani, gatti e furetti. Come scrive l’Ufficio federale di veterinaria (Usav) sul suo sito: "Se non è trattata tempestivamente, questa malattia ha pressoché sempre esito letale". E allora perché rischiare? L’Usav ricorda infatti che, per la sicurezza dei proprietari, gli animali possono essere posti sotto sequestro se non soddisfano le disposizioni previste. Questo rigore nei confronti di una malattia letale è comprensibile e ci impone di informarci bene quando varchiamo la frontiera con un animale domestico, perché secondo il Paese di destinazione (e poi di rientro in Svizzera) vigono precise e insindacabili regole. 
È capitato recentemente con la piccola Laika, un pastore dell’Est di cinque mesi che inizialmente per le autorità cantonali era da sopprimere, salvo poi arrivare a una soluzione: l’Ufficio del veterinario cantonale ha deciso di "rimpatriare" il cucciolo per effettuare i controlli e le vaccinazioni necessarie. Solo dopo potrà rientrare in Ticino. E come Laika tanti sono i cani potenzialmente a rischio che ogni anno varcano comunque i confini cantonali. Complice l’egoismo di alcuni che così facendo mettono in pericolo la salute di tutti.
14.07.2019


Articoli Correlati
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
05.08.2019
Comunicazione Ustat: Pericoli naturali Ticino
30.07.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2019
29.07.2019
Avviso di prudenza del 29.07.2019 nell'accensione di fuochi commemorativi e d'artificio per i festeggiamenti del 1° agosto 2019 [www.ti.ch/incendi-boschivi]
15.07.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, giugno 2019
14.07.2019
Traversa di Cavanna/Bedretto - coordinate 682/152 - Predazione 3 pecore
12.07.2019
Consultabili online le temperature dei fiumi misurate in continuo presso le stazioni idrologiche cantonali e federali [www.ti.ch/oasi]
06.07.2019
Alpe Pesciora/Bedretto - coordinate 681/151 - Predazione 3 pecore
28.06.2019
Servizio militare: giornate informative 2019
27.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2018
26.06.2019
L'ufficio dei beni culturali segnala la pubblicazione di un nuovo sito tematico dedicato al Monetario cantonale [www.ti.ch/monetario]
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
A Hong Kong la rivolta
che cambierà la Cina
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I migranti in Libia
come arma di ricatto
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La fuga dei miliardari
imbarazza gli Emirati
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il tiranno Salvini
al ballo del Papeete
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Onda verde e giovane
delle nuove generazioni
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"


La copertina
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Le pubblicazioni
di Rezzonico
Editore

Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Indonesia:
Giacarta,
la città
che affonda

Open Arms,
Salvini autorizza
lo sbarco
dei minori

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00