Da Biasca a Mendrisio ecco come si fa a vendere libri
Immagini articolo
Una vita da libraio
a recuperare lettori
ANDREA BERTAGNI


C’è chi vende libri soprattutto in tedesco, chi ha messo sugli scaffali anche dei giocattoli, chi punta tutto sull’"usato" e chi legge tutti i volumi che propone. Da Biasca a Mendrisio, da Lugano a Locarno, cambiano le copertine e le vetrine ma la sostanza è sempre la stessa. Per resistere bisogna ingegnarsi. "Il nostro non è mai stato un mercato facile - spiega Luca Pascoletti, della libreria Casagrande di Bellinzona - ma dal 2008 c’è stato un grosso calo. Le famiglie hanno ridotto le spese e l’acquisto di libri non è tra le priorità". Anche per Prisca Wirz Costantini, della libreria Il Segnalibro di Lugano, "la gente spende meno e i nostri margini di guadagno si sono ridotti progressivamente perché i prezzi di copertina decisi dalle case editrici sono scesi rispetto al passato".
C’è aria di crisi insomma tra gli scaffali delle librerie ticinesi. "Stiamo soffrendo, inutile negarlo - ammette Mauro Paolocci, del Libraio di Mendrisio -, sebbene non siamo i soli visto che stanno sparendo molti altri negozi. Ma è una magra consolazione". Per Paolocci la ragione principale è che "la società è cambiata, siamo tutti sempre sui social, leggiamo la posta elettronica, inviamo sms, chattiamo... tutto in perfetta solitudine, fissando uno schermo, senza alcun contatto umano".
Una delle ricette per sopravvivere potrebbe essere recuperare le relazioni personali. Lo sostiene anche  Giorgia Schmid, di Ecolibro di Biasca: "Mi ricordo i nomi di quasi tutti i miei clienti - dice -, so cosa hanno già comprato e cosa gli potrebbe piacere. Il nostro valore aggiunto è quello di non essere un semplice magazzino". Come i giganti della Rete, tipo Amazon, che vendono di tutto e arrivano ovunque. "Ma è un’illusione - avverte Pascoletti -, in realtà in questi shop online si trova solo quello che si cerca, mentre in libreria hai un panorama con molti titoli e scopri sempre qualcosa di nuovo". Paolocci aggiunge: "Il commercio su Internet è avvantaggiato perché beneficia di agevolazioni che noi non abbiamo. Noi paghiamo 7 franchi per spedire un pacchetto, Amazon molto meno".
Per resistere la soluzione è dunque una sola. "Il rapporto con i clienti è fondamentale - osserva Camilla Jametti Bernasconi, della libreria Dietro l’angolo di Lugano - anche se ormai tutti sono su Facebook e quell’oretta al giorno che un tempo si trascorreva sfogliando un romanzo ora la si consuma sui social network". Peccato. Eppure chi vende in libri lo fa con impegno e passione. "Noi leggiamo tutto quello che proponiamo - spiega Lidia Vaime, della Libreria del tempo di Savosa - e questo ci aiuta a consigliare meglio i clienti, a creare un rapporto di fiducia".
Libraio dopo libraio emerge anche molta preoccupazione per una professione il cui orizzonte si fatica a vedere. Lo sa bene Pedro Albuquerque che lavora alla libreria di "seconda mano" Lettera 9 a Bellinzona: "Il mercato ha subito e continua a subire i colpi della recessione, anche del disamoramento dei giovani nei confronti dei libri, quelli veri, quelli che si toccano e si tengono in mano - dice -; sembrano preferire quelli elettronici".
Da qui l’esigenza di puntare tutto su creatività, nuove idee, proposte curiose e contatti personali. "Bisogna andare a prendersi i clienti, non si può più aspettare che entrino da soli in negozio". Mercatini, letture in piazza: l’associazione Ondemia che gestisce Lettera 9 non si può certo dire che non abbia inventiva. E non è la sola. Anche Paolocci si dà da fare. "Organizzo - racconta - molti eventi per sottolineare l’importanza del contatto con le persone, occasioni di incontro tra autori e lettori".
Anche alla libreria Locarnese di Locarno la parola d’ordine è resistere. "Resistiamo stoicamente - conferma Angelo Monte -, l’unico modo per sopravvivere è puntare sul contatto con il cliente. Abbiamo ad esempio una tessera-sconto e scommettiamo sulla formazione". E Monte assicura: "Nessun algoritmo sostituirà mai un essere umano attento e preparato, ma soprattutto formato. Cioè noi librai".

abertagni@caffe.ch
14.07.2019


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
27.11.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 9 dicembre 2019
27.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, ottobre 2019
22.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2019
18.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, ottobre 2019
15.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, ottobre 2019
13.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, ottobre 2019
13.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, ottobre 2019
06.11.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 18 novembre 2019
04.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, terzo trimestre 2019
30.10.2019
Pubblicati i dati del censimento rifiuti 2018 [www.ti.ch/gestione-rifiuti, www.ti.ch/oasi]
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Un traguardo sociale
ma ancora non per tutti
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Il sanguinoso attacco
alla "Terra dell'alba"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
L'attentato a Londra
rilancia l'allarme jihad
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Emmental e pollo
tra i "falsi svizzeri"
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Arrestato
il presunto
aggressore
dell’Aja

Un trono
di soldi…
con lo scopo
di farne di più

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00