function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};




"Approvvigionamento" difficile in Svizzera per alcune cure
Immagini articolo
Sono 54 le terapie
esaurite o introvabili
PATRIZIA GUENZI


È capitato lo scorso anno. A dicembre, il vaccino contro l’influenza stagionale era già esaurito. Vero è che alla giornata nazionale di vaccinazione, quella di inizio novembre, avevano partecipato molte più persone del previsto, ma ordinarne un po’ di più sarebbe comunque sempre una buona regola. Se in questo caso il "danno" si può definire tutto sommato limitato, non così è per altri medicinali, antibiotici ad esempio, che se introvabili possono anche mettere a repentaglio la vita delle persone. A volte pure gli stessi ospedali faticano ad ottenere preparati, soprattutto antidolorifici, antipertensivi o pillole anticoncezionali. Il motivo? Si tratta per lo più di medicinali "vecchi" o che hanno brevetti scaduti che costano poco al paziente e che all’azienda non rendono più. A questo si aggiunge la concentrazione dei siti di produzione: quanto minore è il numero di fabbriche che producono un principio attivo, tanto più saranno probabili carenze. Alcune di queste sono riscontrate da anni e la crescente domanda di vaccini e antibiotici potrebbe aggravare ulteriormente la situazione.
In Svizzera è il Centro di notifica dell’Ufficio federale per l’approvvigionamento economico (Ufae) a monitorare in tempo reale la situazione. Registra le penurie di farmaci e prende le misure adeguate per assicurare la fornitura, nel caso in cui il settore privato non fosse in grado di gestire autonomamente la situazione. "Attualmente sono 43 i farmaci e 11 i vaccini non disponibili - dice al Caffè Ueli Haudenschild dell’Ufae -. Non sono tutti, l’elenco è più lungo, ma a noi vengono comunicati solo quelli che rientrano in un provvedimento sui medicinali d’importanza vitale". E la situazione non tende a migliorare. Anzi. La stessa Ufae in un recente rapporto ha ammesso che "negli ultimi anni è aumentata la gravità delle interruzioni nelle forniture e le misure costose ad esse associate". Qualche mese fa, nel caso di due vaccini, un antibiotico e altri tre farmaci, le autorità sono dovute intervenire per ovviare al blocco delle forniture.  
Le difficoltà di rifornimento hanno ormai raggiunto dimensioni mondiali e la tendenza è all’aumento. In Svizzera si stanno studiando diverse misure a titolo preventivo che migliorino efficacemente e sul lungo termine l’approvvigionamento sicuro di medicinali. Particolarmente incisive le misure già adottate nel settore dello stoccaggio e della fabbricazione decentralizzata. Nel senso che - dai fabbricanti agli ospedali fino ai medici - si raccomanda di prevedere un minimo di scorte a tutti i livelli e di estendere lo stoccaggio obbligatorio dei medicinali particolarmente importanti per i titolari delle relative omologazioni. Inoltre, nel settore della fabbricazione si pensa alla creazione di una rete di farmacie pubbliche e ospedaliere e della Farmacia dell’esercito con lo scopo di garantire l’approvvigionamento di determinati prodotti di nicchia fabbricati in Svizzera.
Non solo. Agevolare l’accesso al mercato potrebbe aumentare la disponibilità dei farmaci. L’Ufficio della sanità pubblica raccomanda di semplificare i requisiti specifici per la Svizzera concernenti le informazioni ai pazienti per determinati medicinali, allo scopo di accelerarne l’importazione. Da facilitare, anche, l’omologazione di farmaci già autorizzati per uso tradizionale nell’area Ue ed Aels. Infine, i titolari delle omologazioni dovrebbero essere incoraggiati a trasferire le proprie licenze a terzi al momento di ritirare i loro prodotti dal mercato svizzero. Staremo a vedere se queste misure serviranno a migliorare, almeno in parte, la situazione.
p.g.
15.09.2019


Articoli Correlati
Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
17.09.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, settembre 2020
14.09.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, agosto 2020
09.09.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 21 settembre 2020
09.09.2020
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2020
27.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2019
21.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio 2020
21.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, luglio 2020
19.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, luglio 2020
17.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio 2020
17.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, luglio 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La Gran Bertagna vive
sopra una "bomba fiscale"
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Le trappole sessuali cinesi
per "arruolare" spie a Parigi
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Il culto della mascherina
accende il negazionismo
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Ciclone
Ianos
spazza
la Grecia

Covid:
Londra aspetta
una seconda
ondata

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00