Marco Salvi di Avenir Suisse sul futuro della Svizzera
"Senza nuove riforme
prosperità a rischio"
ANDREA BERTAGNI


La Svizzera è uno dei Paesi più prosperosi al mondo. Ma lo sarà per sempre? Secondo Avenir Suisse, il think tank per l’economia, non sarà per sempre così, se non saranno affrontati e risolti alcuni nodi aperti. "Il primo è senz’altro il sistema pensionistico - spiega Marco Salvi, docente di economia e autore per Avenir Suisse di molti studi e ricerche -. La previdenza andrebbe riformata al più presto non solo perché sta dimostrando tutte le sue falle, ma anche perché, oggi come oggi, stiamo diventando una mosca bianca sul piano internazionale". Sulle pensioni Salvi intravvede una certa propensione all’immobilismo. Quando invece non dovrebbe esserci paura a cambiare. "Eppure il problema principale della Svizzera è proprio questo: nessuno riesce a immaginare un cambio di marcia, siamo in cima alle classifiche, ma stiamo pagando anche un prezzo alto".
Nonostante il Paese continui a brillare a livello internazionale, come ha dimostrato l’ultima indagine del Legatum Prospery Index (vedi articolo principale), non è detto insomma che in futuro sarà ancora così. "Prendiamo ad esempio i nostri rapporti con l’Unione europea (Ue) - prosegue Salvi -, noi per primi non siamo entusiasti dell’Ue, ma non possiamo farne a meno. In un mondo sempre più connesso diciamo però che gli accordi bilaterali non possono essere statici. Ciò si traduce in un’intesa dinamica capace di coprire tutte le relazioni bilaterali".
Un vero e proprio "partenariato flessibile", dunque. Capace di mantenere viva la sovranità. E dare nel contempo fiato al settore finanziario ed economico. "Per quanto i mercati asiatici siano in espansione - precisa Salvi - non sono parogonabili con gli scambi oggi esistenti con l’Ue".
Alternative? Secondo Avenir Suisse non ce ne sono. Anche se il modello scandinavo viene reputato interessante. Uno scenario che immagina la Svizzera dentro all’Ue, ma con ancora la propria moneta. A quel punto la legislazione sociale diventerebbe molto avanzata e si assisterebbe a una protezione dell’ambiente senza compromessi. Certo, il carico fiscale aumenterebbe, l’innovazione farebbe più fatica, il mercato del lavoro rimarrebbe rigido e la disoccupazione potrebbe aumentare, così come, per conseguenza, l’emigrazione. "Il modello scandinavo non è adatto alla Svizzera perché sarebbe uno scenario con troppi cambiamenti drastici - sottolinea Salvi -. Eppure le soluzioni adottate, che uniscono socialità pubblica e liberalizzazione dei mercati, hanno dato luogo a riforme interessanti, anche se per noi impensabili: basti dire che per risolvere il sistema pensionistico già diversi anni fa i Paesi scandinavi hanno ridotto senza pensarci troppo le rendite dei loro anziani".
Se il presente sorride, per ora, alla Svizzera, non è detto, secondo Avenir Suisse, che in futuro sarà ancora così. "Per molto tempo siamo stati conservatori, ora è arrivato il momento di cambiare marcia".
an.b.
15.12.2019


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
16.01.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, dicembre 2019
10.01.2020
Arge Alp: pubblicato un bando di concorso per un posto vacante presso il segretariato generale
08.01.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 20 gennaio 2020
16.12.2019
L’Ufficio dell’ispettorato del lavoro ha pubblicato le date dei corsi di formazione inerenti la Legge federale sul lavoro e relative Ordinanze, previsti durante l’anno 2020
12.12.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, dicembre 2019
11.12.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, novembre 2019
11.12.2019
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel terzo trimestre 2019
27.11.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 9 dicembre 2019
27.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, ottobre 2019
22.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2019
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Con il lavoro a maglia
si spiega la finanza
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il terrorismo resterà
ancora un pericolo
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Dalla tavola sovranista
a quella pro - global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Effetto serra costante
rischio del nostro futuro
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Prosegue
la protesta
antigovernativa
in Cile

Come evolve
la crisi
del vulcano
nelle Filippine

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00