Anche nel 2020 il tema della migrazione rimarrà attuale
Immagini articolo
La Svizzera resterà
la Terra promessa
PATRIZIA GUENZI


Amadou, Elnara, Hoshyar, Kalzang, Taha... In futuro questi nomi risuoneranno ancora. Persone, migranti, che vedono la Svizzera come la Terra promessa. Chi dall’ex Unione Sovietica, chi dall’Irak, dal Tibet, dall’Eritrea, arrivano nella Confederazione con un carico di speranze e aspettative purtroppo bruciate quasi subito, essendo escluse dal sistema dell’asilo. Per alcuni migranti, infatti - si legge nell’ultimo rapporto della Commissione federale della migrazione "Persone escluse dal sistema dell’asilo" - la permanenza con lo statuto di rifugiati o stranieri ammessi temporaneamente non è possibile. Dovrebbero partire. Tuttavia, molti di loro non possono perché intervengono determinati ostacoli o perché non riescono a procurarsi i documenti di viaggio. La legge sull’asilo e quella sugli stranieri non contempla nulla su queste persone e sulle loro situazioni che vengono quindi, per quanto possibile, "ignorate" dalla politica e dalla società. "Una situazione paradossale! Una sorta di ‘illegalità regolare’", osserva Eliane Engeler, dell’Organizzazione svizzera aiuto ai rifugiati, Osar.
A fine 2017, circa 8.500 persone a cui l’asilo era stato respinto si trovavano illegalmente in Svizzera. Certo, l’emergenza profughi si è un poco assestata rispetto agli anni scorsi ma il tema della migrazione rimarrà una costante anche nel 2020. Mai prima d’ora tante persone vivono lontano dalla loro terra nativa. Condizioni di vita precarie, clima di violenza e guerre, degrado ambientale, prospettive economiche di miseria e divario crescente tra Paesi poveri e ricchi sono alla base di questo fenomeno.  
Amadou, Elnara, Hoshyar, Kalzang, Taha... Storie di vita, vie d’uscita, prospettive... Tante illusioni che si scontrano con legislazioni, regolamenti, statuti. "Noi facciamo pressione sulla politica affinché qualcosa cambi - riprende Engeler -, affinché qualcuno si renda conto che queste persone sono costrette a vivere nell’ombra. Non possono partire perché non hanno i documenti, ma non possono neanche restare...". Restano comunque, e vivono nell’ombra. "Da una parte beneficiano di un alloggio di fortuna e, a dipendenza del cantone, ricevono 8-12 franchi al giorno per (soprav)vivere - spiega Engeler -. Dall’altra, se incappano in un controllo di polizia possono essere condannate a pagare una multa o anche finire in prigione".
Una soluzione, come si spiega nel rapporto della Commissione federale della migrazione, potrebbe essere quella di rilasciare un documento d’identità che eviti loro di essere multate, oltre a consentire l’accesso al mercato del lavoro. "E permettere ai bambini di frequentare le scuole pubbliche e di terminare un apprendistato - aggiunge Engeler -. I giovani non dovrebbero essere puniti per la situazione dei genitori". Ma soprattutto queste persone dovrebbero essere considerate, rispettate. Perché, come ha detto Hoshyar, "chi rinuncia alle cose più importanti e perde lo stretto necessario merita di essere creduto sul fatto che ha agito per estrema necessità, che è stato costretto ad abbandonare il proprio Paese".
pguenzi@caffe.ch
22.12.2019


Articoli Correlati
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
19.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2020
14.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, gennaio 2020
11.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2020
10.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
06.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2020
06.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, gennaio 2020
05.02.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 17 febbraio 2020
16.01.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, dicembre 2019
10.01.2020
Arge Alp: pubblicato un bando di concorso per un posto vacante presso il segretariato generale
08.01.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 20 gennaio 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Se il virus ci trascinerà
in una recessione
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il terrorismo resterà
ancora un pericolo
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Dalla tavola sovranista
a quella pro - global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Si scenderà a patti
con il sistema-Terra
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Prove
di Olimpiadi
con la paura
del coronavirus

Messico: donne
in marcia
contro
i femminicidi

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00