In Australia soppressi in passato milioni di conigli e ora...
Immagini articolo
Una strage... bestiale
iniziata molti anni fa
MARINA CAPPA


Su 300mila koala, almeno 30mila sono bruciati o soffocati. Migliaia di opossum, volpi volanti, quokka e wombat, ornitorinchi e naturalmente canguri. Gli incendi che hanno devastato l’Australia hanno portato la morte non solo fra gli uomini. La strage "bestiale" (che l’associazione per i diritti animali Peta quantifica in 1 milione di esemplari) commuove il mondo con foto di esseri sofferenti e volontari che affrontano il fuoco per salvarli.
Tuttavia, sono proprio gli australiani che l’anno scorso avevano annunciato l’intenzione di abbattere entro il 2020 almeno due milioni di gatti inselvatichiti, accusati di uccidere uccelli e altri piccoli animali, considerati nocivi e quindi destinati a essere eliminati con salsicce al veleno e terribili trappole. Mentre in passato, a metà del Novecento, sempre in Australia, milioni di conigli - pronipoti dei primissimi, importati dall’uomo nel Settecento - erano stati uccisi.
Insomma, quelli che da noi sono animali simpatici e di compagnia là vengono abbattuti. Ogni cultura, d’altra parte, ha le proprie propensioni e avversioni. Che diventano tanto più marcate nel momento in cui in un Occidente che fa sempre meno figli le bestiole da compagnia si diffondono, aumentano gli studi veterinari e lievitano le spese per il proprio compagno quadrupede. Se da tempo si parla dei cani mangiati dai cinesi (le stime sono di circa un milione), meno note sono le camere a gas studiate dai giapponesi per abbattere cani e gatti nokorimono: sono i cuccioli "avanzati", a tre mesi nessuno ancora li ha acquistati e quindi vanno eliminati.
In Europa la vita (almeno per alcuni animali, non a caso periodicamente si rendono necessarie struggenti campagne contro l’abbandondono dei cani) è meno bestiale. In Svizzera, secondo le statistiche, una famiglia su quattro ha un gatto, che quanto a preferenze umane batte il cane, per un totale di 1,35 milioni di felini. Mentre oggi in Italia ogni 100 abitanti, 53 hanno un animale domestico.
Tornando però all’Australia, dove la mattanza climatica è in corso, un discorso particolare meritano i canguri, cui i registi Kate e Michael McIntyre hanno dedicato un documentario. Chi lo vede non può non rimanerne turbato. Basta però che ricordi che quei massacri poi riguardano anche noi. Noi che nei negozi (ce n’è uno per esempio nel centro di Firenze) compriamo borse spacciate di alta qualità perché in pelle di canguro. O che nei ristoranti sperimentiamo l’"esotico" hamburger di canguro.
19.01.2020


Articoli Correlati
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
18.03.2020
Pubblicazione straordinaria: Decreto esecutivo concernente l’annullamento e il rinvio delle elezioni comunali per il periodo 2020-2024 del 18 marzo 2020
18.03.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, marzo 2020
13.03.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, febbraio 2020
11.03.2020
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della statistica delle transazioni immobiliari, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
28.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, gennaio 2020
26.02.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 9 marzo 2020
19.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2020
14.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, gennaio 2020
11.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2020
10.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
L'economia malata
cambierà la società
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il terrorismo resterà
ancora un pericolo
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi



IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Coronavirus:
il business
della paura

Wuhan:
prove tecniche
di normalità

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00