function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};




Il sociologo Enrico Finzi analizza i tic del nostro tempo
"Abbiamo bisogni
di storie che durano"
MARINA CAPPA


Sociologo di lunga esperienza, fondatore dell’Istituto AstraRicerche, autore di libri sulla felicità: lo sguardo di Enrico Finzi sui modelli di consumo e di comunicazione parte da lontano. "Da sempre, l’uomo ha un grande bisogno di storie che durino nel tempo. I vecchi feuilleton, i fumetti, le avventure a puntate in generale: i personaggi entrano nella nostra vita e noi ci affezioniamo, non solo a Montalbano ma anche a Catarella, Augello e tutti gli altri".
Una famiglia virtuale?
"In una società in cui la solitudine è molto elevata, abbiamo bisogno di ritrovare amici, e anche quel personaggio tv è come fosse un amico in carne e ossa. È un meccanismo forte, giustifica il successo dei giornali di gossip che ti fanno entrare nella vita delle persone famose. Si tratta del bisogno di ricostruire una comunità vivendo in una collettività da "Folla solitaria", come titolava il libro del sociologo americano David Riesman, spiegando che puoi stare schiacciato fra centinaia di persone nella metropolitana di Tokyo ma tendenzialmente sei solo".
Esistono anche altre forme di compulsività, oltre al binge watching televisivo.
"Io per scrivere tre cose uso un solo WhatsApp, i giovani lo dividono in 6 messaggini diversi: è una forma di dipendenza dalla tastiera. Come già aveva notato Freud, la dipendenza del ripetere le cose può diventare patologia, come quando controlli il gas otto volte prima di uscire di casa. La persona diventa così un serial di comportamenti".
La tecnologia, quella che per esempio permette di moltiplicare gli acquisti online, che ruolo ha?
"Se i meccanismi di cui parliamo non sono nuovi, l’assenza di dialogo vero, del face-to-face, produce uno scarto. Nella società di Internet, in cui è caduta la partecipazione sociale e politica, in cui siamo più soli, si incrementano i comportamenti ossessivi. E la tecnologia consente la bulimia. Però, dopo aver mangiato troppo il bulimico vomita, mentre chi fa indigestione di puntate resta comunque multiseriale: va in carenza quando finisce la serie e così passa a un’altra".
Ma il piacere rimane lo stesso?
"L’abuso porta a un attutimento della responsività emozionale. La prima volta che guardi Love Story piangi, se lo riguardi non è più così. È il grande problema di YouPorn e della sua sessualità ripetitiva, dove il potere eccitante tende a logorarsi. Si comincia come in tutte le dipendenze con la dose x, ma presto non basta più. La risposta emozionale o il desiderio sessuale si elidono nel tempo: si è più dipendenti e si gode meno, diventando sempre più schiavi. Questa società si basa molto sulla schiavitù di massa. Al potere  culturale conviene l’asservimento, la dipendenza gonfia i consumi".
16.02.2020


Articoli Correlati
Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
30.10.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, terzo trimestre 2020
28.10.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 9 novembre prossimo
13.10.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, settembre 2020
07.10.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 19 ottobre 2020
05.10.2020
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2020
17.09.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, settembre 2020
14.09.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, agosto 2020
09.09.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 21 settembre 2020
09.09.2020
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2020
27.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2019
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Cina, ovvero "Fabbrica"
per un mondo malato
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Tutte le ipotesi in campo
dopo la guerra più lunga
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Cibo, ambiente e clima
portano alla nuova umanità
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Abbiamo appena dieci anni
per evitare una catastrofe
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Accordo
fra Israele e Sudan
per normalizzare
le relazioni

Repubblica Ceca,
ospedale da campo
contro il Covid-19
a Praga

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00