function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};
Gli over 65 soffrono per il mancato contatto con i nipoti
Immagini articolo
I nonni sono stati privati
del loro ruolo naturale
PATRIZIA GUENZI


Mio nipote di 5 anni non vuole più vederci. Pensa che l’abbiamo abbandonato e quando ci incontriamo non si avvicina più". Sono le parole di Adele, nonna di due bimbi piccoli. È stata costretta, lei e il marito over 65, a stare lontana dai nipoti per oltre due mesi. Ancora adesso si vedono solo a debita distanza, in uno spazio all’aperto. I moniti delle autorità sui pericoli di contagio intergenerazionale hanno terrorizzato, e continuano a farlo, migliaia di famiglie. "Mia figlia ha paura di farci ammalare e anche mio marito in fondo teme il riavvicinamento". E così malessere e sofferenza proseguono anche in questa "fase 2", che per molte famiglie non è tanto diversa dalla "fase 1". Ma Adele, donna attenta e perspicace, teme che il nipote più grande possa reagire male - quanto può aver capito di virus, tamponi, distanze, pericolo, contagi...un bimbo di 5 anni?! si chiede -; pensare che i nonni l’abbiano volutamente abbandonato. "E posso capirla - dice Giuseppe Termine, educatore attivo nel sociale -. Difficile dare una ricetta. Forse un po’ di buon senso, anche in questo caso, può venirci in soccorso. Una sorta di via di mezzo. Prendendo delle precauzioni, si può cercare di ‘avvicinarsi’ un po’".
A volte succede che il rimedio faccia più danno della "malattia". Chi avrebbe mai pensato che si arrivasse a vietare abbracci e baci tra nonni e nipoti? Separati per cautela, dal virus invisibile, orfani di quel contatto umano così essenziale. Sono tante le famiglie spaccate per forza dalla necessaria distanza emotiva, tantissimi i genitori che lavorano e si sono ritrovati in difficoltà nella gestione dei figli, senza più quel fidato salvagente brizzolato che erano i nonni. "È una sofferenza, per gli uni e per gli altri - riprende Termine -. Ma se la famiglia conduce una vita sana, sta attenta, perché non provare un riavvicinamento?".
Considerati come una "specie protetta", gli over 65 oltre ad essere stati colpiti dal coronavirus lo sono stati anche nei loro affetti più cari, isolati dai nipoti e costretti a modificare le abitudini di ogni giorno. "Aiutavo volentieri mia figlia a gestire i bambini, spesso tenevo il più grande per qualche giorno a casa mia", racconta Adele ripensando a un passato fatto di merende, giochi e corse in bici tra il nipote e il nonno. 
È come se ora rivendicassero un diritto. Dopo aver dato tanto, di colpo si sentono inutili, messi da parte. Hanno accudito ore e ore i nipoti, li hanno coccolati, nutriti, accompagnati dal pediatra, in piscina... Indispensabili baby sitter hanno messo a soqquadro i loro appartamenti per fare spazio ai nipoti. Ora... "Mi sento inutile", confida Adele. Un senso di inutilità che non fa certamente bene. "I nonni stanno male - osserva il dottor Graziano Ruggieri, geriatra e primario alla Hildebrand di Brissago - perché si sentono spossessati di un ruolo che, prima del Covid, era loro naturale e riconosciuto, quello dell’accudimento".
p.g.
23.05.2020


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
04.06.2020
Swiss Mobility: opportunità di stage professionale in Svizzera per neodiplomati 2020
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
15.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2020
13.05.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 25 maggio 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile 2020
08.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Dati settimanali provvisori sui decessi, Ticino e Svizzera, stato al 5.5.2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ripartenza a singhiozzo
e borse poco indicative
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il braccio del Sultano
"allunga" il suo potere
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Notte
di violenze
nelle città
statunitensi

La lenta
ripartenza
della cultura
europea

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00