function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};

I cambiamenti innovativi ed ecologici dellla ferrovia
Immagini articolo
Il treno a vapore riparte
alimentato dall'idrogeno
CLEMENTE MAZZETTA


E se la soluzione per la linea Como-Lecco, il collegamento ferroviario fra le due città lombarde rimasto come era nell’800, fosse il treno ad idrogeno? Non mancherebbe l’esempio, visto che in Val Camonica si sta mettendo a punto la prima "Hydrogen Valley" italiana: un treno alimentato a idrogeno, in grado di produrre elettricità (operazione condotta dal gruppo industriale Fnm Spa e Trenord)
Non più a diesel, dunque. Ma quasi un ritorno al vecchio treno a vapore. Senza carbone, però. Solo vapore acqueo e elettricità senza fili. La decisione della Regione Lombardia di rinunciare all’elettrificazione della linea Como-Lecco, che avrebbe assunto un’importanza significativa nell’ottica dei collegamenti ferroviari veloci sull’asse Como-Chiasso e quindi verso il Ticino, ha lasciato l’amaro in bocca alle associazioni ambientaliste e a quelle dei viaggiatori. La modernizzazione della linea avrebbe infatti permesso di offrire a un grande numero di frontalieri un’alternativa all’auto, alleggerendo il traffico su strada. A protestare l’Associazione degli utenti del trasporto pubblico, che ha ricordato come il collegamento Varese-Mendrisio-Lugano, reso possibile con l’apertura del tratto ferroviario Arcisate-Stabio, ha realizzato da subito una media di 5.000 passeggeri al giorno. Cosa che sarebbe ipotizzabile anche per il collegamento Lecco-Como e poi verso Chiasso.
Dall’altra parte invece, in Valcamonica-Alto Sebino, su una linea non elettrificata, si è cambiato indirizzo con l’acquisto di nuovi treni alimentati a idrogeno. Entreranno in servizio nel 2023, in sostituzione degli attuali a motore diesel. Il progetto denominato "H2iseO", un nome che è quasi una sciarada, prevede anche la realizzazione di centrali per la produzione di idrogeno, destinato ai nuovi convogli ad energia pulita. Non per niente la Val Camonica-Alto Sebino, è stata riconosciuta dal 2018 Riserva della Bioosfera da parte dell’Unesco. Dal 2023 sarà attraversata da un modernissimo treno ad idrogeno - in alternativa all’inquinante diesel - a zero emissioni: al posto di anidride carbonica solo acqua di condensa. A detta del presidente del gruppo Fnm, Andrea Gibelli, "H2iseO è un progetto molto innovativo che mira alla creazione di un viaggio a zero impatto ambientale, attraverso la decarbonizzazione del trasporto e lo sviluppo di una filiera territoriale dell’idrogeno. Una iniziativa in grado di creare un alto valore aggiunto in termini ambientali, economici e sociali". Una soluzione che potrebbe rivelarsi efficace per le numerose linee non elettrificate che ancora ci sono in Europa. Il treno a idrogeno funziona utilizzando un serbatoio sul tetto e punti di rifornimento collocati lungo la linea ferroviaria. Non ha bisogno di ulteriori interventi infrastrutturali e adeguamenti delle linee. Cosa da non sottovalutare se l’obiettivo è quello rendere il trasporto su rotaia al 100% sostenibile. Con un pieno, può percorrere tra i 600 e gli 800 chilometri, raggiungendo una velocità massima di 140 km/h.
Insomma, come per le auto, anche per il treno l’idrogeno sta diventando una fonte alternativa praticabile per una mobilità a impatto zero. I convogli che entreranno in funzione in Val Camonica saranno prodotti dalla Alstom, un gruppo industriale francese all’avanguardia in questa tecnologia: ha già "idrogenizzato" altre linee: in Germania il treno "iLint" della Alstom, il primo ad idrogeno al mondo, ha già percorso 250mila chilometri su una linea ferrovia della Bassa Sassonia. Una tipologia di treno simile - il Coradia iLint della Alstom - è stata testata recentemente con successo per tre mesi in Austria.
c.m.
12.12.2020


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
14.01.2021
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, dicembre 2020
13.01.2021
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 25 gennaio prossimo
16.12.2020
Prova annuale delle sirene d’allarme 2021
15.12.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, dicembre 2020
11.12.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, novembre 2020
09.12.2020
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel terzo trimestre 2020
02.12.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 14 dicembre 2020
19.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, ottobre 2020
13.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2020
11.11.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 23 novembre 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La sovranità perduta
blocca il dialogo con l'Ue
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
I patti dell'intelligence
con i trafficanti di droga
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Un viaggio tra i popoli
sull'idea del nuovo inizio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Confinamento più efficace
dei negoziati dell'Onu
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Si pensi anche ai costi
causati da altre limitazioni

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Belgio: dorme
nel suo bar
per protesta
contro le chiusure

La CDU
sceglie l’erede
di Angela
Merkel

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00